BEATO UL­TI­MO CHE SI SEN­TE TRA I PRI­MI

Nic­co­lò Mo­ri­co­ni, in ar­te Ul­ti­mo, a so­li 22 an­ni ha già con­qui­sta­to un di­sco di pla­ti­no e i suoi con­cer­ti so­no sold out. Qua­si in­con­sa­pe­vo­le del gran­de suc­ces­so so­gna una ca­set­ta tra i mon­ti nel­la vi­ta – – si giu­di­ca «un ca­si­no», ma nel­la mu­si­ca si con­sid

Vanity Fair (Italy) - - Storie - di RAF­FAEL­LA SERINI fo­to PAO­LO SANTAMBROGIO ser­vi­zio BAR­BA­RA BARTOLINI

Il suo so­gno è di ri­ti­rar­si in so­li­tu­di­ne in una ca­set­ta tra i mon­ti dell’Au­stria («L’ho già tro­va­ta», as­si­cu­ra) ma, pri­ma, a Nic­co­lò Mo­ri­co­ni det­to Ul­ti­mo, toc­che­rà af­fron­ta­re la fol­la: l’1 e il 2 no­vem­bre al Pa­laLot­to­ma­ti­ca di Ro­ma e il 4 al Me­dio­la­num Fo­rum di Mi­la­no, do­ve si esi­bi­rà con il suo Col­pa del­le fa­vo­le tour, che tor­ne­rà poi in pri­ma­ve­ra con nuo­ve da­te. Ul­ti­mo d’ar­te, ma pri­mo nei nu­me­ri, il can­tau­to­re ro­ma­no vin­ci­to­re di San­re­mo Gio­va­ni con Il bal­lo del­le in­cer­tez­ze (e di­sco di pla­ti­no per l’al­bum Pe­ter Pan) è tra gli ar­ti­sti ita­lia­ni più gio­va­ni – 22 an­ni – a fa­re sold out nei due tem­pli na­zio­na­li del­la mu­si­ca. «Un tra­guar­do che era dif­fi­ci­le an­che so­lo im­ma­gi­na­re o so­gna­re. Per que­sto cer­co di vi­ve­re tut­to con gran­de in­con­sa­pe­vo­lez­za, a oc­chi chiu­si», ci con­fes­sa. Com’è ar­ri­va­to fin qui? «Ho co­min­cia­to a suo­na­re il pia­no a 8 an­ni, a 14 mi esi­bi­vo nei lo­ca­li. A scuo­la so­no sta­to boc­cia­to due vol­te, ma ppe’ for­za: fa­ce­vo una vi­ta “ri­bel­le”. Per la mu­si­ca ho sem­pre rot­to i co­glio­ni a tut­ti, in que­sto so­no sta­to sfac­cia­to». E pen­sa­re che pas­sa per ti­mi­do. «Ci so­no si­tua­zio­ni in cui mi è dif­fi­ci­le la­sciar­mi an­da­re, co­me nel­le in­ter­vi­ste (sor­ri­de). Mia ma­dre mi di­ce sem­pre “sei un or­so”». E «bra­vo» mai? «I miei non so­no mai sta­ti co­me quei ge­ni­to­ri che al­le par­ti­te di cal­cet­to in­ci­ta­no i fi­gli da­gli spal­ti. All’ini­zio mi te­ne­va­no coi pie­di per ter­ra, e a me un po’ fa­ce­va sof­fri­re. Pe­rò ades­so li ca­pi­sco e se do­ves­si ave­re un fi­glio fa­rei co­me lo­ro». Quan­do ha de­ci­so di di­ven­ta­re «Ul­ti­mo»? «Da po­co, per l’al­bum. For­se è sta­ta una scel­ta un po’ pa­ra­cu­la, ma ha por­ta­to be­ne: ho sem­pre avu­to una gran­de fa­me e tan­ta vo­glia di ar­ri­va­re». Si è mai sen­ti­to «pri­mo» nel­la vi­ta? «Nel­la mu­si­ca sem­pre: mi so­no sem­pre sen­ti­to for­te, de­ci­so, si­cu­ro. Il che è an­che una ma­le­di­zio­ne: quan­do na­sci con la vo­glia di scri­ve­re can­zo­ni, pen­si che so­lo quel­le deb­ba­no es­se­re per­fet­te, tut­to il re­sto no». Pe­rò lei ha an­che un amo­re, Fe­de­ri­ca, e il suc­ces­so non l’ha scal­fi­to. «Io la vi­ta pri­va­ta cer­co di vi­ver­la in mo­do se­re­no: per for­tu­na so­no pi­gro, sto sem­pre a ca­sa a gio­ca­re a po­ker con gli ami­ci o al­la Play­sta­tion, non ho mai vo­glia di fa­re nien­te (ri­de)». Le pia­ce man­gia­re, il suo pro­fi­lo In­sta­gram non men­te. «Oh sì, io ado­ro ma­gna’. È il pri­mo pia­ce­re del­la mia vi­ta». È un’af­fer­ma­zio­ne for­te, que­sta. «Sì lo so, ma per me il ci­bo su­pe­ra qual­sia­si al­tro pia­ce­re, an­che “quel­lo”». Il pri­mo ta­tuag­gio? «Kurt Co­bain, a 15 an­ni. Lui è sta­to il pri­mo ar­ti­sta in cui mi so­no “im­me­de­si­ma­to”: So­me­thing In The Way, l’ul­ti­ma di Ne­ver­mind, è una can­zo­ne che mi ha dav­ve­ro cam­bia­to». Lei scri­ve be­ne e in­ter­pre­ta me­glio. Da do­ve ar­ri­va tut­ta que­sta in­ten­si­tà, a so­li 22 an­ni? «Mi spre­mo tan­to. So­no Ac­qua­rio ascen­den­te Ac­qua­rio, mi per­do nei dia­lo­ghi e nei pen­sie­ri. Vi­vo con l’im­pres­sio­ne che ogni gior­no sia pie­no di co­se, co­sì quan­do ar­ri­va la se­ra mi sem­bra di aver vis­su­to de­gli an­ni. E que­ste so­no tut­te sen­sa­zio­ni che non ve­do­no l’ora di usci­re, di es­se­re scrit­te». Il che è an­che una schia­vi­tù, im­ma­gi­no. «Si ten­de a pen­sa­re che og­gi i ra­gaz­zi non sia­no ri­fles­si­vi, in­ve­ce san­no so­lo na­scon­de­re il fat­to che pen­sa­no. I miei coe­ta­nei si fan­no un sac­co di do­man­de». Il suo al­bum s’in­ti­to­la Pe­ter Pan: che co­sa la spa­ven­ta del di­ven­ta­re gran­de? «Ci so­no mol­ti adul­ti fi­chis­si­mi, al­tri che da pic­co­lo mi han­no un po’ trau­ma­tiz­za­to, che quan­do li guar­da­vo pen­sa­vo “non vo­glio fi­ni­re co­me lo­ro”». Ti­po? «Un pro­fes­so­re, Ma­ria­no, ogni vol­ta che en­tra­va in clas­se di­ce­va “hey Mo­ri­co­ne, guar­da che di can­zo­ni non si vi­ve…”. Que­sto so­lo per­ché pu­re lui ci ave­va pro­va­to a fa­re il mu­si­ci­sta, ma non era riu­sci­to. Quan­do lo ve­de­vo pen­sa­vo che non avrei mai vo­lu­to ri­tro­var­mi a 50 an­ni co­sì, tri­ste e fru­stra­to». Es­se­re più leg­ge­ro le pia­ce­reb­be? «Sì, e ogni tan­to ci pro­vo: gio­co la sche­di­na, guar­do il cal­cio… Ma poi mi ri­tro­vo pun­to e dac­ca­po. Den­tro c’ho un po’ di con­fu­sio­ne, so­no un ca­si­no. Mi sal­va che per for­tu­na so­no an­che mol­to iro­ni­co, e al­la fi­ne co­me va, va, non me ne fre­ga nien­te».

«I RA­GAZ­ZI NON SO­NO RI­FLES­SI­VI? NO, NA­SCON­DO­NO IL FAT­TO CHE PEN­SA­NO»

DI NUO­VO IN TOUR A PRI­MA­VE­RA Ul­ti­mo ha vin­to San­re­mo Gio­va­ni con Il bal­lo del­le in­cer­tez­ze e ha con­qui­sta­to il di­sco di pla­ti­no per l’al­bum Pe­ter Pan. Il suo tour pro­se­gui­rà nel 2019 con da­te da apri­le a giu­gno.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.