L’era del por­no

Un boom di se­xy vi­deo ama­to­ria­li, una lun­ga in­chie­sta di Ra­iu­no sul mon­do a lu­ci ros­se, le do­man­de sem­pre più «spin­te» ed espli­ci­te dei bam­bi­ni: ec­co co­me l’uni­ver­so hard si sta «nor­ma­liz­zan­do»

Vanity Fair (Italy) - - Primo Piano - di SIL­VIA NUCINI fo­to GIO­VAN­NI HÄNNINEN

In ogni se­con­do del 2017,729 per­so­ne nel mon­do han­no clic­ca­to su un vi­deo por­no on­li­ne. Qua­ran­ta tre­mi­la­set­te cen­to­qua­ran­ta click al mi­nu­to ,2 mi­lio­ni 624.400 ogni ora. Qua­si 63 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni al gior­no. E an­che se die­tro ogni con­nes­sio­ne non c’è ne­ces­sa­ria­men­te una per­so­na di­ver­sa (nel sen­so che gli uten­ti ten­do­no a ri­con­net­ter­si an­co­ra e an­co­ra. E que­sto, ve­dre­mo, è un pro­ble­ma) i nu­me­ri dif­fu­si da Por­nHub, il più im­por­tan­te si­to di por­no del­la Re­te in­sie­me a YouPorn e Re­dTu­be (stes­sa pro­prie­tà: la so­cie­tà Min­dGeek), so­no ab­ba­stan­za si­gni­fi­ca­ti­vi da po­ter af­fer­ma­re che sia­mo en­tra­ti nell’era del por­no di mas­sa. Le ri­vo­lu­zio­ni che han­no por­ta­to a que­sta dif­fu­sio­ne epi­de­mi­ca dell’hard so­no so­stan­zial­men­te due: In­ter­net e la con­se­guen­te na­sci­ta del­le piat­ta­for­me con con­te­nu­ti por­no­gra­fi­ci spes­so gra­tui­ti, e poi il por­no ama­to­ria­le, fe­no­me­no che ha in­ci­so non tan­to in ter­mi­ni nu­me­ri­ci, ma cul­tu­ra­li. Nien­te più set e at­to­ri, il por­no di­ven­ta un gio­co per tut­ti per­ché si fa in ti­nel­lo, e a co­sto ze­ro. Tra i se­gni che il fe­no­me­no è «nor­ma­liz­za­to» an­che in Ita­lia (no­na nel­la clas­si­fi­ca mon­dia­le di frui­zio­ne del por­no on­li­ne; i pri­mi tre po­sti so­no oc­cu­pa­ti da Sta­ti Uni­ti, Re­gno Uni­to e In­dia), un fat­to pic­co­lo, ma si­gni­fi­ca­ti­vo: si parla di por­no su Ra­iu­no, il sa­ba­to se­ra. Suc­ce­de­rà nel­la pun­ta­ta del 17 no­vem­bre

del­la tra­smis­sio­ne Pe­tro­lio che ospi­te­rà una lun­ga – e, nei li­mi­ti del con­te­sto, piut­to­sto espli­ci­ta – in­chie­sta sul mon­do hard. Di­ce Dui­lio Giam­ma­ria, con­dut­to­re del­la tra­smis­sio­ne: «Trat­tia­mo il por­no co­me ab­bia­mo fat­to con il te­ma del bio­lo­gi­co o del­le pol­ve­ri sot­ti­li: in mo­do si­ste­ma­ti­co, qua­si scien­ti­fi­co, sen­za pru­de­rie né al­lu­sio­ni, ma con­sa­pe­vo­li che è un ar­go­men­to se­ris­si­mo da com­pren­de­re, so­prat­tut­to per­ché sia­mo uno dei po­chi Pae­si in cui l’edu­ca­zio­ne ses­sua­le non è ma­te­ria di in­se­gna­men­to nel­le scuo­le».

Fran­ce­sca San­to­li­ni, la gior­na­li­sta che in­sie­me a Bar­ba­ra Gu­bel­li­ni ha cu­ra­to le in­chie­ste, sot­to­li­nea co­me l’hard sia l’ele­fan­te nel­la stan­za del­la vi­ta di tut­ti noi: «In Ita­lia il por­no è un’in­du­stria che fat­tu­ra 993 mi­lio­ni di eu­ro. Un mer­ca­to im­men­so che ha an­che aspet­ti al­lar­man­ti: la por­no­star Ma­le­na mi ha rac­con­ta­to di ri­ce­ve­re let­te­re an­che da bam­bi­ni di 8 an­ni. Poi che le por­no­di­pen­den­ze so­no in co­stan­te au­men­to». Ma­le­na sa­rà in stu­dio, non suc­ce­de­va che una por­no­star com­pa­ris­se su Ra­iu­no dai tem­pi di Cic­cio­li­na e Moa­na Poz­zi. L’at­tri­ce, lau­rea­ta, ex agen­te im­mo­bi­lia­re e mi­li­tan­te Pd, fa la por­no­star dal 2016. Nel 2017 ha par­te­ci­pa­to all’Iso­la dei fa­mo­si e, da al­lo­ra, è l’in­ter­pre­te fem­mi­ni­le ita­lia­na più no­ta del pa­no­ra­ma hard, e an­che la più so­cial: su In­sta­gram si mo­stra ai fan com’è nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni, una don­na nor­ma­le. «Se­guo i miei ac­count per­so­nal­men­te: mi pia­ce sa­pe­re chi mi se­gue. So­no gio­va­ni, e an­che don­ne. Mi scri­vo­no in tan­ti, io ri­spon­do so­lo ai mag­gio­ren­ni, ma le let­te­re ar­ri­va­no an­che dai bam­bi­ni. Mi scon­vol­ge pen­sa­re che ab­bia­no ac­ces­so al­la Re­te e pos­sa­no sa­pe­re chi so­no io, e co­sa fac­cio. I ra­gaz­zi­ni ap­pe­na un po’ più gran­di – 13, 14 an­ni – mi chie­do­no con­si­gli su co­me ap­proc­cia­re le ra­gaz­ze. E poi in­for­ma­zio­ni sull’edu­ca­zio­ne ses­sua­le, di cui non san­no as­so­lu­ta­men­te nul­la», di­ce l’at­tri­ce. Che con­ti­nua: «È ve­ra­men­te as­sur­do che chie­da­no a me, cre­do lo fac­cia­no per non sen­tir­si giu­di­ca­ti, e con me si sen­ta­no li­be­ri di fa­re le do­man­de che mai fa­reb­be­ro nem­me­no a un ami­co: la stra­gran­de mag­gio­ran­za dei dub­bi che mi sot­to­pon­go­no ri­guar­da il ses­so ana­le. Ma il por­no non può es­se­re edu­ca­ti­vo, per­ché non è la vi­ta ve­ra, ma so­lo una per­for­man­ce. Sul set si fan­no co­se che

«Trat­tia­mo il por­no in mo­do si­ste­ma­ti­co, qua­si scien­ti­fi­co, sen­za al­lu­sio­ni ma con­sa­pe­vo­li che è un ar­go­men­to se­ris­si­mo da com­pren­de­re»

«Il por­no ha in­se­gna­to a in­te­re ge­ne­ra­zio­ni a fa­re l’amo­re e ha fat­to sen­ti­re le­git­ti­me le fan­ta­sie di mi­lio­ni di per­so­ne, le­git­ti­me per­ché con­di­vi­se»

non fan­no par­te del­la ses­sua­li­tà quo­ti­dia­na, e non usia­mo il pro­fi­lat­ti­co. Ma ogni 20 gior­ni ci fac­cia­mo gli esa­mi, co­sa che le per­so­ne nor­ma­li non fan­no».

Nel no­stro Pae­se, il frui­to­re me­dio di por­no­gra­fia on­li­ne è un uo­mo di 35 an­ni, ma al di là dell’ap­piat­ti­men­to del da­to sta­ti­sti­co è in­te­res­san­te no­ta­re co­me il 23% sia­no in real­tà don­ne. Una fet­ta di mer­ca­to che ap­prez­za – o si ac­con­ten­ta di – qual­co­sa che non è pen­sa­to per lei, se vo­glia­mo ascol­ta­re le re­gi­ste, at­tri­ci e pro­dut­tri­ci del set­to­re che con­te­sta­no al mon­do hard di es­se­re spec­chio di un’este­ti­ca e di una nar­ra­ti­va (o di una man­can­za di) esclu­si­va­men­te ma­schi­li. Sot­to ac­cu­sa: la so­stan­zia­le as­sen­za di tra­ma, il ge­sto mec­ca­ni­co, l’as­sen­za di dia­lo­ghi e re­la­zio­ni, il sot­to­te­sto es­sen­zial­men­te vio­len­to all’in­ter­no del qua­le il ses­so si con­su­ma. Per un por­no più «ami­co del­le don­ne» da qual­che an­no è sor­ta una nou­vel­le va­gue (na­ta nel Nord Eu­ro­pa e in Ita­lia rap­pre­sen­ta­ta dal­le Ra­gaz­ze del Por­no) che pro­du­ce film hard di qua­li­tà, in cui il de­si­de­rio e la pas­sio­ne so­no con­si­de­ra­ti dal pun­to di vi­sta fem­mi­ni­le. «Ma nel por­no ci so­no an­che film bel­lis­si­mi», di­ce Ro­ber­to D’Ago­sti­no, co­no­sci­to­re dell’hard da quan­do, ne­gli an­ni Set­tan­ta, re­cen­si­va vi­deo­cas­set­te per la ri­vi­sta Vi­deo X. «Uno re­cen­te è The Gift. Il re­gi­sta più gran­de di tut­ti è sta­to An­drew Bla­ke, che ha sa­pu­to rap­pre­sen­ta­re l’es­sen­za del por­no, ov­ve­ro: ren­de­re im­ma­gi­ni le fol­lie del no­stro cer­vel­lo. Con­sa­pe­vo­le che il rap­por­to ses­sua­le è sem­pre cul­tu­ra­le, pri­ma che car­na­le, e che il por­no di­ce tut­to quel­lo che non ab­bia­mo il co­rag­gio di di­re». Se­con­do il gior­na­li­sta, l’hard ha sva­ria­ti me­ri­ti: «Pri­mo: ha in­se­gna­to a in­te­re ge­ne­ra­zio­ni a fa­re l’amo­re. E se l’or­ga­smo è una por­ta per ac­ce­de­re al di­vi­no, pos­sia­mo di­re che Dio esi­ste con il por­no. Se­con­do: ha fat­to sen­ti­re le­git­ti­me le fan­ta­sie di mi­lio­ni di per­so­ne, le­git­ti­me per­ché con­di­vi­se. Ter­zo: il por­no è sta­to un gran­de vo­la­no in­du­stria­le. Pri­ma dei vi­deo player, poi dei com­pu­ter. Ora per i por­ta­li. Che gua­da­gna­no con i ban­ner pub­bli­ci­ta­ri e la pro­fi­la­zio­ne. Sem­bra tut­to free, ma di gra­tis non c’è nien­te a que­sto mon­do», con­clu­de. Ag­giun­gen­do: «Sco­pa­re ma­le è por­no­gra­fi­co, non guar­da­re vi­deo hard. Io ho un’uni­ca idio­sin­cra­sia: il por­no ama­to­ria­le. So che è la ca­te­go­ria più vi­sta, ma a me non pia­ce per­ché non ha den­tro il so­gno». Una la­cu­na che sem­bra in­te­res­sa­re po­chi, vi­sto che, in ef­fet­ti, è l’hard fai-da-te la ve­ra ten­den­za na­zio­na­le in am­bi­to hard. Vi­deo fai-da-te po­sta­ti sul­le piat­ta­for­me op­pu­re, per chi vuo­le un ri­sul­ta­to più pro­fes­sio­na­le, gi­ra­ti da re­gi­sti spe­cia­liz­za­ti nel por­no ama­to­ria­le, co­me Alex Man­ni, in­ter­vi­sta­to dal­le au­tri­ci di Pe­tro­lio, ex at­to­re hard che af­fer­ma di ri­ce­ve­re 10/12 te­le­fo­na­te al gior­no di cop­pie o sin­go­li che gli chie­do­no di ren­der­li pro­ta­go­ni­sti del lo­ro quar­to d’ora di esi­bi­zio­ni­smo. L’hard sul di­va­no di ca­sa uc­ci­de­rà il por­no tra­di­zio­na­le? Roc­co Sif­fre­di, 54 an­ni, è pro­ba­bil­men­te l’at­to­re – poi re­gi­sta – por­no più fa­mo­so del mon­do. Ha gi­ra­to il suo pri­mo film nel 1984 ed è un’au­to­ri­tà in ma­te­ria. Sul por­no ama­to­ria­le ha una sua idea ben pre­ci­sa: «L’ho fat­to so­lo una vol­ta, 20 an­ni fa, per un film che si in­ti­to­la­va Roc­co ti pre­sen­to mia mo­glie. Ero l’uni­co at­to­re, le al­tre era­no cop­pie ve­re, di ama­to­ri ap­pun­to. Il film an­dò be­nis­si­mo: fu il por­no più vi­sto in Ita­lia. Ma que­sto da­to rac­con­ta an­che i li­mi­ti del ge­ne­re ama­to­ria­le: fun­zio­na­no so­lo a li­vel­lo lo­ca­le, lo fai per­ché ti ve­da il pae­sel­lo. Io la­vo­ro in un con­te­sto in­ter­na­zio­na­le e, su quel­lo, il fai-da-te in­flui­sce ze­ro e non mi­nac­cia l’in­du­stria del por­no pro­fes­sio­na­le». Più pe­ri­co­lo­si, in­ve­ce, so­no i free con­ten­ts, i con­te­nu­ti sca­ri­ca­bi­li gra­tui­ta­men­te. «È per col­pa di que­sti se è sem­pre più dif­fi­ci­le fa­re bei film», af­fer­ma.

Il tem­po me­dio di per­ma­nen­za sui si­ti por­no va­ria da Pae­se a Pae­se e in Ita­lia – da­to Por­nHub – è di 9 mi­nu­ti e mez­zo. Mi­nu­ti che di­ven­ta­no ore (tra le 5 e le 8) per chi svi­lup­pa una por­no­di­pen­den­za. Non an­co­ra pre­sen­te nel Dsm (il ma­nua­le dia­gno­sti­co e sta­ti­sti­co dei di­stur­bi men­ta­li, l’ul­ti­mo è il vo­lu­me 5), la di­pen­den­za dal­la frui­zio­ne del por­no è as­so­cia­ta a quel­la del gio­co d’az­zar­do, ma mol­to più po­ten­te per­ché rin­for­za­ta dal be­nes­se­re chi­mi­co pro­vo­ca­to dall’or­ga­smo. A sof­frir­ne so­no i più gio­va­ni (le don­ne ci so­no e so­no in au­men­to), vi­sto che l’80% ha me­no di 25 an­ni. Gli ef­fet­ti del­le di­pen­den­ze si as­so­mi­glia­no un po’ tut­ti (iso­la­men­to, per­di­ta di in­te­res­se per la vi­ta e per i le­ga­mi af­fet­ti­vi), ma nel ca­so del­la por­no­di­pen­den­za si ag­giun­go­no an­che i di­stur­bi ses­sua­li: eia­cu­la­zio­ne pre­co­ce, so­prat­tut­to. Ai qua­li si som­ma­no an­che i di­sa­gi psi­co­lo­gi­ci de­ri­van­ti dal­lo scol­la­men­to tra l’im­ma­gi­na­rio ero­ti­co, co­sì as­si­dua­men­te fre­quen­ta­to, e la real­tà. Que­sta di­stan­za non ri­guar­da so­lo chi svi­lup­pa una di­pen­den­za, ma tut­ti quel­li che for­ma­no e al­le­na­no il lo­ro de­si­de­rio sul­la ba­se del­le iper­sti­mo­la­zio­ni del por­no. E che poi, quan­do in­con­tra­no un cor­po ve­ro, con le sue im­per­fe­zio­ni e i suoi de­si­de­ri, non san­no co­sa far­se­ne di tut­ta quel­la nor­ma­li­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.