LA MIA LE­GA SA­RÀ PIÙ ROMANTICA

Vanity Fair (Italy) - - NEXT - di CRI­STIA­NA CA­PO­TON­DI

— Io scel­go l’ir­re­si­sti­bi­le ro­man­ti­ci­smo che il cal­cio por­ta con sé, ma an­che una buo­na do­se di prag­ma­ti­smo: co­sì vor­rei la nuo­va Le­ga Pro

So­no un’ap­pas­sio­na­ta di cal­cio, cre­sciu­ta con un non­no che ha la­vo­ra­to nel­la Ro­ma co­me ac­com­pa­gna­to­re del­la squa­dra e che mi ha tra­sfe­ri­to que­sta pas­sio­ne co­me sua uni­ca ere­di­tà: ne­gli an­ni ’50, in­fat­ti, la sua at­ti­vi­tà an­dò fal­li­ta per­ché in­ve­ce di ven­de­re elet­tro­do­me­sti­ci, li re­ga­la­va ai gio­ca­to­ri co­me pre­mio par­ti­ta… Era­no al­tri tem­pi, gli sti­pen­di dei gio­ca­to­ri ba­sta­va­no ap­pe­na ad ave­re una vi­ta agia­ta, era un al­tro cal­cio, io non ero an­co­ra na­ta e mio non­no già so­gna­va un ni­po­te cal­cia­to­re. Poi, a do­di­ci an­ni, ho sco­per­to di ave­re più ta­len­to per il me­stie­re dell’at­tri­ce e co­sì ho ini­zia­to a la­vo­ra­re. So che mi ha per­do­na­ta ma so an­che che og­gi par­te del­la fe­li­ci­tà che sen­to per que­sto in­ca­ri­co de­vo con­di­vi­der­la con lui. En­tro in Le­ga Pro co­me vi­ce­pre­si­den­te, con la vo­glia di de­fi­ni­re pre­sto qua­le sa­rà il mio ruo­lo in cam­po nel­la Le­ga dei Co­mu­ni d’Ita­lia: un for­mat da 59 squa­dre in 3 gi­ro­ni, mi­glia­ia di pro­fes­sio­ni­sti, ot­to mi­lio­ni di ti­fo­si da nord a sud, con tut­te le di­ver­si­tà cul­tu­ra­li che com­pon­go­no il no­stro Pae­se e lo ren­do­no il più bel­lo del mon­do. Quel­lo di cui ho in­ten­zio­ne di oc­cu­par­mi mag­gior­men­te è il rap­por­to con il mon­do del­la scuo­la, af­fin­ché ai gio­ca­to­ri sia con­sen­ti­to stu­dia­re, sen­za che per­da­no l’an­no o la­sci­no gli stu­di. Cre­do che lo sport deb­ba es­se­re sem­pre com­pa­gno di viag­gio del­la pro­pria for­ma­zio­ne, e il de­di­car­si a un’at­ti­vi­tà pro­fes­sio­ni­sti­ca non de­ve si­gni­fi­ca­re por­ta­re con sé la­cu­ne cul­tu­ra­li o for­ma­ti­ve. Vi­sto che la Le­ga Pro ha tra i suoi prin­ci­pa­li obiet­ti­vi quel­lo di ab­bas­sa­re l’età me­dia dei club, al­lo sco­po di di­ven­ta­re un ve­ro e pro­prio vi­va­io del­le se­rie mag­gio­ri, in­ve­sti­re sull’istru­zio­ne di­ven­ta un im­pe­ra­ti­vo non so­lo per age­vo­la­re un fu­tu­ro a chi sa­rà un pro­fes­sio­ni­sta di que­sto sport ma, so­prat­tut­to, per fa­re del cal­cio uno stru­men­to for­ma­ti­vo ca­pa­ce di mi­glio­ra­re la qua­li­tà uma­na an­che di chi, non di­ven­tan­do cal­cia­to­re pro­fes­sio­ni­sta, si ci­men­te­rà in al­tre at­ti­vi­tà. La pe­da­go­gia del cal­cio mio non­no la sin­te­tiz­za­va co­sì: le per­so­ne le ca­pi­sci dal mo­do in cui si muo­vo­no in cam­po. Ma con una giu­sta for­ma­zio­ne cal­ci­sti­ca, cor­reg­gen­do i di­fet­ti di gio­co si pos­so­no cor­reg­ge­re li­mi­ti ca­rat­te­ria­li ed evol­ve­re in mo­do mol­to con­cre­to la per­so­na­li­tà dell’es­se­re uma­no che è den­tro ogni atle­ta. Ec­co, que­sto mi pia­ce del cal­cio: co­me tut­ti gli sport è una me­ta­fo­ra straor­di­na­ria del­la vi­ta, ma più de­gli al­tri rie­sce a in­car­na­re gran­di va­lo­ri den­tro una straor­di­na­ria e con­trad­dit­to­ria com­ples­si­tà. Il cal­cio è un bam­bi­no che gio­ca con un ba­rat­to­lo in stra­da, è un pa­dre che cer­ca una scu­sa per ave­re un dia­lo­go col fi­glio, gli com­pra un pal­lo­ne, lo por­ta al­lo sta­dio, gli tra­sfe­ri­sce la pas­sio­ne per una squa­dra che in fon­do non gli ap­par­ter­rà mai ve­ra­men­te per­ché ap­par­tie­ne a tut­ti. Il cal­cio pe­rò è an­che un luo­go do­ve gi­ra­no tan­ti sol­di e tan­ta ener­gia uma­na e quin­di è ine­vi­ta­bi­le che si crei­no an­che di­na­mi­che tor­bi­de, co­me quel­le che di tan­to in tan­to ci ca­pi­ta di sco­per­chia­re. Ma la ve­ri­tà è che for­se il cal­cio è lo sport più bel­lo del mon­do an­che per que­sto, per­ché ci ob­bli­ga a fa­re i con­ti con tut­to, con il be­ne, con il ma­le, con la mi­se­ria e la no­bil­tà, e in ogni istan­te ci chie­de di de­ci­de­re che no­me da­re al gio­co del cal­cio… Per­so­nal­men­te io scel­go, in ogni mo­men­to, l’ir­re­si­sti­bi­le ro­man­ti­ci­smo che il cal­cio por­ta con sé e non per­ché so­no una don­na, ra­ra­men­te un uo­mo sa es­se­re ci­ni­co co­me lo sa es­se­re una don­na. Io scel­go di es­se­re romantica, romantica ma prag­ma­ti­ca per­ché non è con­ces­sa al­cu­na for­ma di ve­ro ro­man­ti­ci­smo sen­za una buo­na do­se di prag­ma­ti­smo, ed è co­sì che vor­rei che fos­se il nuo­vo cor­so del­la Le­ga Pro: una le­ga che di­ven­te­rà sem­pre più gran­de gra­zie al no­stro ro­man­ti­ci­smo prag­ma­ti­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.