I Mu­se con­tro i dro­ni

Vanity Fair (Italy) - - NEXT - fer­di­nan­do co­tu­gno

Se­con­do la teo­ria del­la si­mu­la­zio­ne, l’uni­ver­so nel qua­le vi­via­mo non è rea­le, ma è sta­to ge­ne­ra­to da una ci­vil­tà su­pe­rio­re che ci tie­ne sot­to con­trol­lo usan­do dei su­per com­pu­ter, esat­ta­men­te co­me nel­la tri­lo­gia di Ma­trix. È il ge­ne­re di idee che af­fa­sci­na­no Matt Bel­la­my, im­ma­gi­ni e con­cet­ti con i qua­li ha far­ci­to Si­mu­la­tion Theo­ry, l’ot­ta­vo al­bum dei Mu­se in usci­ta il 9 no­vem­bre. Da tem­po lo sco­po del­la car­rie­ra del trio in­gle­se (e dei lo­ro ma­sto­don­ti­ci, spet­ta­co­la­ri con­cer­ti) sem­bra es­se­re spin­ger­vi a dif­fi­da­re: del­le mac­chi­ne, dei go­ver­ni, dei me­dia e se pos­si­bi­le an­che dei vo­stri pa­ren­ti più stret­ti. «Il pun­to non è se sei pa­ra­noi­co, il pun­to è se sei ab­ba­stan­za pa­ra­noi­co», di­ce­va Tom Si­ze­mo­re in Stran­ge Days, una del­le tan­te ispi­ra­zio­ni fan­ta­scien­ti­fi­che dei Mu­se, che nell’art­work di co­per­ti­na omag­gia­no Tron e nei vi­deo ci­ta­no Ri­tor­no al fu­tu­ro. Il pro­ble­ma di tut­ti i pa­ra­noi­ci è che do­po un po’ an­no­ia­no. Per te­ne­re lon­ta­no que­sto spet­tro, ed evi­ta­re di par­la­re del fu­tu­ro fa­cen­do lo stes­so al­bum da quin­di­ci an­ni, Bel­la­my ha in­gag­gia­to una lus­suo­sa squa­dra di pro­dut­to­ri: Mi­ke Eli­zon­do (squa­dra Emi­nem), Shell­back (col­la­bo­ra­to­re, tra gli al­tri, di Tay­lor Swift e Ma­roon 5) e Tim­ba­land, che han­no ag­gior­na­to l’este­ti­ca dei Mu­se con sin­te­tiz­za­to­ri, hip hop, dan­ce e orien­ta­li­smi. In­gre­dien­ti di con­tor­no che non cam­bia­no la for­mu­la Mu­se: in­ni da are­ne per al­zar­si e com­bat­te­re con­tro gli op­pres­so­ri sen­za vol­to. L’ul­ti­mo grup­po rock da sta­dio con obiet­ti­vi co­sì am­bi­zio­sa­men­te po­li­ti­ci so­no sta­ti gli U2, so­lo che Bo­no vo­le­va can­cel­la­re il de­bi­to e cu­ra­re le ma­lat­tie, Bel­la­my vuo­le ab­bat­te­re i dro­ni e spe­gne­re gli al­go­rit­mi. I Mu­se stan­no pro­van­do, al­bum do­po al­bum, a scri­ve­re il The Wall del­la ge­ne­ra­zio­ne di­gi­ta­le. Il lo­ro pro­ble­ma è che il mon­do in­tor­no ai Pink Floyd, nel 1979, era mol­to più li­nea­re da ca­pi­re, de­nun­cia­re e af­fron­ta­re.

Si­mu­la­tion Theo­ry.

I Mu­se. Da si­ni­stra: Mat­thew Bel­la­my, 40 an­ni; Do­mi­nic Ho­ward, 40; Ch­ris Wol­ste­n­hol­me, 39. Il 9 no­vem­bre esce il lo­ro nuo­vo al­bum,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.