REDFORD RI­TOR­NO AL FU­TU­RO

Com­piu­ti gli 82 an­ni, ave­va an­nun­cia­to il ri­ti­ro da­gli scher­mi. Ma for­se ci ha ri­pen­sa­to: fer­mar­si o im­ma­gi­na­re suc­ces­so­ri per lui è «inim­ma­gi­na­bi­le». E sta­re in sce­na gli per­met­te di tor­na­re ra­gaz­zi­no, ai tem­pi in cui «non in­fran­ge­vo la leg­ge, ma ama­vo v

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Leoni - di KATHRYN SHATTUCK fo­to MARC HOM

Que­sto do­ve­va es­se­re un ar­ti­co­lo sul­la fi­ne di una car­rie­ra. Ma in un mo­men­to im­pre­ci­sa­to tra l’an­nun­cio (a ini­zio ago­sto) del suo ri­ti­ro da­gli scher­mi e la pri­ma new­yor­ke­se (a fi­ne set­tem­bre) di quel­lo che sa­reb­be sta­to il suo ul­ti­mo film – The Old Man & the Gun, dal 20 di­cem­bre al ci­ne­ma – Ro­bert Redford de­ve aver cam­bia­to idea. «Pen­so sia sta­to un gros­so er­ro­re», di­ce all’in­do­ma­ni del­la pri­ma. «Non ri­cor­do co­me si è en­tra­ti in ar­go­men­to, ma a un cer­to pun­to io ho ac­cen­na­to al­la pen­sio­ne. In real­tà avrei do­vu­to sem­pli­ce­men­te non par­lar­ne, e sci­vo­la­re via die­tro le quin­te, zit­to zit­to ver­so una nuo­va ca­te­go­ria». In The Old Man & the Gun, di­ret­to da Da­vid Lo­we­ry, Redford in­ter­pre­ta il fuo­ri­leg­ge For­re­st Tuc­ker, af­fa­sci­nan­te ra­pi­na­to­re di ban­che spe­cia­liz­za­to in eva­sio­ni. Sis­sy Spa­cek è Jewel, la ve­do­va che sol­le­ti­ca la fan­ta­sia di Tuc­ker ma non si be­ve fi­no in fon­do le sue chiac­chie­re, men­tre Ca­sey Af­fleck è John Hunt, in­ve­sti­ga­to­re te­xa­no che vuo­le a tut­ti i co­sti con­se­gna­re al­la giu­sti­zia For­re­st e i suoi at­tem­pa­ti com­pa­ri (Dan­ny Glo­ver e Tom Wai­ts). Co­me Tuc­ker, an­che Redford a 82 an­ni è più in pi­sta che mai: vo­ce so­no­ra da poe­ta co­w­boy, ca­pel­li spaz­za­ti dal ven­to e sor­ri­so as­sas­si­no. In più, un gran­de cur­ri­cu­lum, do­ve tro­va­no po­sto an­che un Oscar al­la mi­glio­re re­gia (per Gen­te co­mu­ne, nel 1981) e un al­tro al­la car­rie­ra, e la crea­zio­ne del Sun­dan­ce In­sti­tu­te, or­ga­niz­za­zio­ne no pro­fit che ha fon­da­to nel 1981 e da cui qual­che an­no do­po è na­to il Sun­dan­ce Film Fe­sti­val, og­gi una del­le ma­ni­fe­sta­zio­ni in­ter­na­zio­na­li più im­por­tan­ti per il ci­ne­ma in­di­pen­den­te.

È una sor­pre­sa sen­tir­la an­nun­cia­re che for­se non si ri­ti­ra più. «Guar­di, io fac­cio que­sto me­stie­re da quan­do ave­vo 21 an­ni, per cui da un sac­co di tem­po. Di­ci: “È ora, è ora” non per fer­mar­ti – per me fer­mar­mi è inim­ma­gi­na­bi­le – ma per avan­za­re in un nuo­vo ter­ri­to­rio. Par­lan­do­ne, pe­rò, ho at­ti­ra­to più at­ten­zio­ne su di me che sul mo­ti­vo per cui so­no qui, ov­ve­ro pro­muo­ve­re il film rea­liz­za­to da Da­vid Lo­we­ry». Per­ché ha scel­to pro­prio The Old Man & the Gun per quel­lo che po­treb­be es­se­re il suo ad­dio al­la re­ci­ta­zio­ne? «L’ul­ti­mo film che ave­vo gi­ra­to (Le no­stre ani­me di not­te, nel 2017, con Ja­ne Fon­da, ndr) era sta­to piut­to­sto im­pe­gna­ti­vo: è una sto­ria d’amo­re tra per­so­ne an­zia­ne, mol­to dram­ma­ti­ca, tri­ste, con sfumature cu­pe. Ho pen­sa­to che sa­reb­be sta­to bel­lo ab­ban­do­na­re quel­le at­mo­sfe­re per spo­star­si ver­so l’ot­ti­mi­smo e l’al­le­gria. E que­sto film era il vei­co­lo per­fet­to. Inol­tre era una sto­ria ve­ra: lui ha ra­pi­na­to di­cias­set­te ban­che, si è fat­to bec­ca­re di­cias­set­te vol­te, per di­cias­set­te vol­te lo han­no mes­so in ga­le­ra e per di­cias­set­te è eva­so. La sto­ria che mi ha cat­tu­ra­to è quel­la, per­ché ha fat­to tut­to quan­to con il sor­ri­so».

Quel­la dei fuo­ri­leg­ge è una sua vec­chia pas­sio­ne. «Quand’ero ra­gaz­zi­no, a Los An­ge­les, non di­co che vo­les­si in­fran­ge­re la leg­ge, ma dal­la leg­ge non vo­le­vo nem­me­no far­mi li­mi­ta­re. Vo­le­vo vi­ve­re un po’ ai mar­gi­ni. Vo­le­vo la li­ber­tà. An­che do­po, quan­do cre­scen­do ho smes­so di cac­ciar­mi nei guai, ho co­mun­que ca­pi­to che quel­la co­sa mi ve­ni­va na­tu­ra­le. Per que­sto ad at­ti­rar­mi era­no i ruo­li da ban­di­to, co­me in But­ch Cas­si­dy. Lo­ro re­sta­va­no dei fuo­ri­leg­ge, ma era di­ver­ten­te guar­dar­li per­ché si di­ver­ti­va­no». Lei ha esor­di­to co­me at­to­re nel­la New York di fi­ne an­ni Cin­quan­ta, ma nel tem­po è ar­ri­va­to a in­car­na­re l’idea del We­st. Qual è il suo fa­sci­no? «È nel suo es­se­re scon­fi­na­to, nel­la sua sto­ria, nel­la po­ten­za del pae­sag­gio, del­le mon­ta­gne e dei de­ser­ti, dei fiu­mi, del­le val­li. È im­men­so. Io sul­la co­sta ove­st so­no cre­sciu­to, e an­da­vo in mac­chi­na da Los An­ge­les al­la Uni­ver­si­ty of Co­lo­ra­do di Boul­der, fa­cen­do una stra­da di­ver­sa ogni vol­ta. E ogni vol­ta ri­ma­ne­vo a boc­ca aper­ta». È da lì che na­sce il suo im­pe­gno am­bien­ta­li­sta? «Mi por­ta­ro­no al Parco na­zio­na­le di Yo­se­mi­te quan­do ave­vo cir­ca 11 an­ni, e af­fac­cian­do­mi sull’In­spi­ra­tion Point mi sem­brò che quel­la ter­ra fos­se sta­ta scol­pi­ta da Dio. Ri­cor­do che pen­sai: io non vo­glio guar­dar­la, vo­glio star­ci den­tro. Co­sì fe­ci do­man­da per un la­vo­ro di due esta­ti al­lo Yo­se­mi­te, per as­sor­bir­ne l’es­sen­za. Fu lì che mi re­si con­to dell’im­por­tan­za dell’am­bien­te, spe­cie ve­den­do co­me tutt’in­tor­no a me si con­su­ma­va». Che co­sa pen­sa del #MeToo e di co­me sta cambiando Hol­ly­wood, e per­ché ci han­no mes­so tan­to? «La do­man­da chia­ve è quel­la, per­ché sa­reb­be do­vu­to suc­ce­de­re tan­to tem­po fa. I di­rit­ti del­le don­ne mi in­te­res­sa­no mol­to. Sa­rà per via di mia madre, che sul­la mia vi­ta ha eser­ci­ta­to una for­te in­fluen­za, ma da mol­to tem­po pen­so che la vo­ce del­le don­ne deb­ba far­si sen­ti­re di più per rie­qui­li­bra­re la si­tua­zio­ne. Ec­co per­ché en­trai in con­tat­to con Glo­ria Stei­nem quan­do fon­dò la ri­vi­sta Ms. E non pen­so al mo­vi­men­to #MeToo, per­ché quel­lo è un sin­go­lo mo­men­to. Il cam­bia­men­to è in cor­so da pa­rec­chio. È an­da­to cre­scen­do ine­so­ra­bil­men­te, e con­ti­nue­rà a far­lo. Io lo tro­vo mol­to sa­lu­ta­re». Ha più vol­te par­la­to dell’im­por­tan­za che han­no nel­la sua vi­ta le sto­rie, e ha fon­da­to il Sun­dan­ce an­che per so­ste­ne­re le nar­ra­zio­ni in­di­pen­den­ti. «Per me co­min­cia tut­to da lì: qual è la sto­ria, chi so­no i per­so­nag­gi che la in­car­na­no, e do­ve si tro­va l’emo­zio­ne? Da bam­bi­no una del­le frasi più me­ra­vi­glio­se che po­te­vo sen­ti­re era: “C’era una vol­ta”. Ec­co per­ché rac­con­ta­re sto­rie è di­ven­ta­to co­sì im­por­tan­te, mi sem­bra­va l’uni­co mo­do per da­re al tem­po un sen­so di con­ti­nui­tà». Qual è la pros­si­ma sto­ria che vuo­le rac­con­ta­re? «Ho un pro­get­to che do­vrei di­ri­ge­re io, si chia­ma 109 Ea­st Pa­la­ce. Parla del fi­si­co Op­pe­n­hei­mer e dell’ato­mi­ca ne­gli an­ni Qua­ran­ta, del grup­po che mi­se in­sie­me per svi­lup­pa­re la bom­ba, e di co­me a Los Ala­mos si scon­trò con le lo­ro per­so­na­li­tà». Qual è l’idea più sba­glia­ta che il pub­bli­co ha su di lei? «C’en­tra for­se – o al­me­no era co­sì fi­no a qual­che tem­po fa – un’os­ses­sio­ne per l’aspetto fi­si­co. Ba­da­va­no più a quel­lo che al­le co­se che fa­ce­vo, tan­to che spes­so mi re­cen­si­va­no con­cen­tran­do­si su di me an­zi­ché sui te­mi del mio la­vo­ro. Una vol­ta mi in­fa­sti­di­va, ma è una co­sa che è an­da­ta sce­man­do con l’età». Che opi­nio­ne ha dell’ere­di­tà che la­scia? «È cu­rio­so, ma quan­do qual­cu­no ac­cen­na al­la mia “ere­di­tà” il mio cer­vel­lo non lo re­gi­stra. Cre­do sia per­ché mi in­te­res­sa so­lo an­da­re avan­ti. Ere­di­tà vuol di­re guar­dar­si in­die­tro, e io in ge­ne­re non lo fac­cio». Quan­do in­fi­ne de­ci­de­rà di pen­sio­nar­si ce lo fa­rà sa­pe­re? «Mai. (Ri­de). Mai».

(tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

«DA BAM­BI­NO, UNA DEL­LE FRASI CHE PIÙ AMA­VO SEN­TI­RE ERA “C’ERA UNA VOL­TA”. RAC­CON­TA­RE STO­RIE È IL SO­LO MO­DO PER DA­RE AL TEM­PO UN SEN­SO»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.