Pas­sag­gio in Si­ci­lia

Il se­con­do ro­man­zo di LE­VAN­TE ri­por­ta la can­tau­tri­ce a rac­con­ta­re la sua ter­ra, tra don­ne «baf­fu­te», ma­fio­si e la dif­fi­col­tà di vi­ve­re li­be­ra­men­te l’omo­ses­sua­li­tà

Vanity Fair (Italy) - - Show - di SIL­VIA BOMBINO

Che cos’han­no in co­mu­ne An­na, bam­bi­na che cre­sce in un pae­si­no dell’en­tro­ter­ra si­ci­lia­no e poi se ne va al Nord, e Clau­dia La­go­na, in ar­te Le­van­te, na­ta a Cal­ta­gi­ro­ne 31 an­ni fa e im­pian­ta­ta a To­ri­no? «Qual­co­sa», re­sta cau­ta all’ini­zio la can­tan­te, rag­giun­ta al te­le­fo­no po­co pri­ma del tour pro­mo­zio­na­le del suo se­con­do ro­man­zo Que­sta è l’ul­ti­ma vol­ta che ti dimentico e men­tre va e vie­ne dal­lo stu­dio per fi­ni­re il suo quar­to di­sco, che usci­rà nel 2019. «Si­cu­ra­men­te l’at­mo­sfe­ra che co­no­sce be­ne chiun­que cre­sca in Si­ci­lia, la bel­lez­za, le fe­ste in ca­sa, i li­mi­ti, le “in­giu­rie”, co­me le chia­mia­mo, os­sia i so­pran­no­mi». An­na è quel­la «baf­fu­ta». «Ec­co, quel­lo è un epi­so­dio che mi è dav­ve­ro suc­ces­so al­le ele­men­ta­ri. Per me è sta­to un trau­ma, ma ave­vo la for­tu­na di es­se­re carina. Le mie sorelle, che han­no do­di­ci e die­ci an­ni più di me, mi han­no su­bi­to rin­cuo­ra­to: i baf­fi si tol­go­no, se in­ve­ce sei brut­to non puoi far­ci nien­te». A pa­gi­na 1 si par­la di abu­si­vi­smo edi­li­zio, a pa­gi­na 64 di ma­fia. «È una sto­ria di ami­ci­zia, di amo­re, di cre­sci­ta ma non ho evi­ta­to di “ve­de­re” an­che i pro­ble­mi del­la mia ter­ra. Ho fat­to ele­men­ta­ri e me­die ne­gli an­ni No­van­ta, le im­ma­gi­ni di Fal­co­ne e Bor­sel­li­no era­no ovun­que, sui mu­ra­les, a scuo­la, nei no­mi del­le vie». Si tor­na in­die­tro nel tem­po con le te­le­fo­na­te al­le ami­che dai te­le­fo­ni fis­si, i gio­chi del­la bot­ti­glia, i Nir­va­na e gli Sma­shing Pum­p­kins, ma la «chiu­su­ra so­cia­le» sem­bra at­tua­lis­si­ma. La fra­se che pro­nun­cia un pa­dre: «Me­glio un fi­glio ma­fio­so che un fi­glio fro­cio», po­treb­be es­se­re di un po­li­ti­co di og­gi. «In ef­fet­ti sì, è un mo­men­to in cui sto sof­fren­do, sa­rà per la fa­se sto­ri­ca... In que­sto ro­man­zo mi oc­cu­po an­che di un te­ma che mi sta a cuo­re, i di­rit­ti del­la co­mu­ni­tà Lgb­tq. Lo ave­vo già af­fron­ta­to in San­ta Ro­sa­lia, una nin­na nan­na che spie­ga che l’amo­re è amo­re al di là dei ge­ne­ri». An­che lei, co­me An­na, ha con­vin­to sua ma­dre a emi­gra­re? «Sì. An­che se mia ma­dre vo­le­va ve­ni­re a To­ri­no più di quel­la di An­na».

fo­to STE­FA­NIA D’ALES­SAN­DRO

QUE­STA È L’UL­TI­MA VOL­TA CHE TI DIMENTICO di Le­van­te (Riz­zo­li, pagg. 224, Û 18)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.