SE KEI­RA DI­VEN­TA CO­LET­TE

Non è la pri­ma vol­ta che Kei­ra Knightley si tuf­fa nel pas­sa­to. Ora ci fa sco­pri­re la Bel­le Épo­que e in par­ti­co­la­re una scrit­tri­ce sim­bo­lo di eman­ci­pa­zio­ne, per­so­na­le e so­cia­le. Un MeToo d’al­tri tem­pi, ma lei ci av­ver­te: «La gen­te è sem­pre ugua­le»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Eroine - di EN­RI­CA BROCARDO

«È il suc­ces­so che mi ha aiu­ta­to a tro­va­re la mia vo­ce? No, ho sem­pre sa­pu­to chi ero». Ci vuo­le pa­rec­chio co­rag­gio a fa­re un’af­fer­ma­zio­ne co­sì pe­ren­to­ria se, co­me nel ca­so di Kei­ra Knightley, la po­po­la­ri­tà è ar­ri­va­ta a 18 an­ni. Di cer­to c’è che ora la gen­te l’ascol­ta con mol­ta at­ten­zio­ne. E co­sì, un pa­io di me­si fa non è pas­sa­to inos­ser­va­to il suo sag­gio pub­bli­ca­to nel li­bro Fe­mi­nists Don’t Wear Pink and Other Lies, nel qua­le ha rac­con­ta­to nei det­ta­gli la sua espe­rien­za del­la gra­vi­dan­za e del par­to di sua fi­glia Edie, og­gi 3 an­ni, con­trap­po­nen­do­la a quel­la di Ka­te Midd­le­ton, di­ven­ta­ta ma­dre di Char­lot­te a un so­lo gior­no di di­stan­za e «co­stret­ta» ad ap­pa­ri­re su­bi­to per­fet­ta­men­te truc­ca­ta e pet­ti­na­ta, co­me se, in­ve­ce che dal­la sa­la par­to, stes­se uscen­do dall’este­ti­sta. Un’espres­sio­ne di so­li­da­rie­tà fem­mi­ni­le, scam­bia­ta da mol­ti co­me un at­tac­co e che le ha at­ti­ra­to ad­dos­so pa­rec­chie cri­ti­che (in­giu­sti­fi­ca­te). Ma Knightley la sua vo­ce la fa sen­ti­re da sem­pre in­di­ret­ta­men­te an­che at­tra­ver­so i suoi film. Com­pre­so l’ul­ti­mo, Co­let­te, che da noi ar­ri­va il 6 di­cem­bre, sul­la vi­ta del­la scrit­tri­ce fran­ce­se ne­gli an­ni che van­no dal­le noz­ze con Hen­ry Gau­thier-Vil­lars, det­to Wil­ly, nel 1893, al­la lo­ro rot­tu­ra, nel 1906. «So­no sem­pre sta­ta at­ti­ra­ta dai per­so­nag­gi di don­ne for­ti, eman­ci­pa­te, ri­bel­li», af­fer­ma. E an­che se di­ce di non ave­re qua­si nul­la in co­mu­ne con lo­ro, il re­gi­sta del film, Wa­sh West­mo­re­land, so­stie­ne: «Ap­pe­na ve­di Kei­ra pen­si che nul­la sia in gra­do di fer­mar­la. Esat­ta­men­te co­me Co­let­te». Le ra­di­ci del suo fem­mi­ni­smo? «Da ra­gaz­za ero mol­to spor­ti­va, ed ero bra­va a rug­by e a cal­cio. Avrei vo­lu­to gio­ca­re a li­vel­lo ago­ni­sti­co ma non ci ho mes­so mol­to a ca­pi­re che, al­me­no ai miei tem­pi, non avrei po­tu­to gua­da­gnar­mi da vi­ve­re in quel mo­do. In quel mo­men­to ho ca­pi­to an­che che in que­sto mon­do non c’era pa­ri­tà fra uo­mi­ni e don­ne». Che, poi, le sue «eroi­ne» ap­par­ten­ga­no qua­si sem­pre ad al­tre epo­che non è che

un mo­do per raf­for­za­re il mes­sag­gio: non pen­sia­te che sia na­to tut­to ne­gli an­ni Ses­san­ta e tan­to me­no con MeToo. «La gen­te è sem­pre ugua­le. In­di­pen­den­te­men­te dal mo­men­to sto­ri­co, il pa­no­ra­ma del­le emo­zio­ni uma­ne non cam­bia. Sic­co­me ho sem­pre ama­to la sto­ria, rac­con­ta­re la vi­cen­da di per­so­nag­gi che mi af­fa­sci­na­no e che han­no vis­su­to in un’epo­ca di­ver­sa dal­la no­stra lo tro­vo an­co­ra più in­te­res­san­te. Inol­tre, quan­do noi in­gle­si pen­sia­mo al pas­sa­to ab­bia­mo in men­te la so­cie­tà vit­to­ria­na, quel ti­po di pu­ri­ta­ne­si­mo. Ma Co­let­te fa­ce­va par­te del­la Bel­le Épo­que, una fa­se di ve­ra e pro­pria esplo­sio­ne dal pun­to di vi­sta crea­ti­vo, so­cia­le, ses­sua­le». Che co­sa sa­pe­va di lei pri­ma di que­sto film? «Non mol­to. Non sa­pe­vo del suo ma­tri­mo­nio con Wil­ly, del fat­to che lui si fos­se spac­cia­to per l’au­to­re dei suoi pri­mi ro­man­zi, e nep­pu­re che fos­se bi­ses­sua­le. Quan­do ho sco­per­to tut­to que­sto ho pen­sa­to: “Cac­chio, è dav­ve­ro una sto­ria fan­ta­sti­ca!”. E ci sa­reb­be­ro an­co­ra co­sì tan­ti aspet­ti da rac­con­ta­re. Per esem­pio, mi sa­reb­be pia­ciu­to ap­pro­fon­di­re la re­la­zio­ne fra Co­let­te e sua ma­dre, una don­na in­cre­di­bil­men­te eman­ci­pa­ta. Ave­va sem­pre con­si­de­ra­to la fi­glia un ge­nio, era cer­ta che avreb­be la­scia­to un se­gno nel mon­do. In­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio co­me lei è sem­pli­ce, puoi ba­sar­ti su tan­tis­si­mo ma­te­ria­le: le bio­gra­fie, i suoi li­bri. A me ha aiu­ta­to in par­ti­co­la­re il ci­clo di Clau­di­ne. Non so­no i ro­man­zi che pre­fe­ri­sco, ma so­no quel­li da cui tra­spa­re me­glio la sua per­so­na­li­tà». E del ma­ri­to che idea si è fat­ta? «In­tan­to di uo­mi­ni co­me lui in gi­ro ce ne so­no an­co­ra pa­rec­chi. Io non vor­rei mai ave­re una re­la­zio­ne con un ti­po del ge­ne­re, ma ca­pi­sco per­ché Co­let­te stes­se con lui. Ave­va un ca­ri­sma enor­me, era di­ver­ten­te, il ti­po di per­so­na con la qua­le vuoi usci­re la se­ra, an­da­re al­le fe­ste per ve­de­re co­me va a fi­ni­re. In­sie­me, co­me cop­pia, era­no del­le ve­re e pro­prie star. Lui sa­rà an­che sta­to un pes­si­mo scrit­to­re ma era bra­vis­si­mo a ven­der­si, un ge­nio nel tra­sfor­ma­re se stes­so e Co­let­te in un mar­chio. Sia­mo con­vin­ti che le ce­le­bri­ty sia­no un’in­ven­zio­ne di que­sti an­ni, evi­den­te­men­te ci sba­glia­mo». Lei co­me la vi­ve la ce­le­bri­tà? «La dif­fe­ren­za è che Co­let­te ado­ra­va es­se­re al cen­tro dell’at­ten­zio­ne, era quel­lo che vo­le­va. Io, in­ve­ce, so­no su­per fe­li­ce se pos­so star­me­ne da qual­che par­te do­ve nes­su­no mi sta a sen­ti­re o mi scat­ta fo­to­gra­fie. Es­se­re fa­mo­sa mi pia­ce so­lo in po­che oc­ca­sio­ni. Per esem­pio, quan­do chia­mo un ri­sto­ran­te e mi di­co­no che non c’è po­sto ma ap­pe­na fac­cio il mio no­me, ec­co che tro­va­no un ta­vo­lo li­be­ro. Il pro­ble­ma è che suc­ce­de an­che di te­le­fo­na­re, di­re: “So­no Kei­ra Knightley” e sen­tir­mi ri­spon­de­re: “Mi di­spia­ce, ma sia­mo al com­ple­to”. E que­sto è dav­ve­ro fa­sti­dio­so». Ri­de. A che pun­to sen­te di es­se­re nel­la sua car­rie­ra? «Sto fa­cen­do i film che avrei vo­lu­to fa­re quin­di­ci an­ni fa. So­no esat­ta­men­te do­ve de­si­de­ra­vo es­se­re. Og­gi, pe­rò, ci so­no mol­ti me­no sol­di nel ci­ne­ma. Il bud­get per un film co­me Co­let­te die­ci an­ni fa sa­reb­be sta­to mol­to più al­to. E me­no sol­di vuol di­re an­che ta­glia­re sul tem­po a di­spo­si­zio­ne per le pro­ve. C’è una sce­na in cui de­vo dan­za­re e l’ab­bia­mo gi­ra­ta con tre­cen­to com­par­se. Per pre­pa­rar­mi ho avu­to tre ore in tut­to. Ora, in quan­to at­tri­ce so­no una caz­za­ra di pro­fes­sio­ne, ma ci so­no oc­ca­sio­ni in cui mi pia­ce­reb­be ave­re un po’ di tem­po per pre­pa­ra­re le mie caz­za­te». Non ha pen­sa­to di di­ri­ge­re un film? «Mi ren­do con­to che a chi non ha espe­rien­za di­ret­ta di que­sto mon­do ven­ga nor­ma­le pen­sa­re: “Be’, do­po tan­ti film, per­ché non pas­sa­re dall’al­tra par­te del­la mac­chi­na da pre­sa?”. In real­tà, so­no due me­stie­ri com­ple­ta­men­te di­ver­si. Un re­gi­sta de­ve ge­sti­re un sac­co di gen­te, è un me­stie­re più “po­li­ti­co”, che ri­chie­de una sor­ta di istin­to ma­chia­vel­li­co che io non ho. So­no qua­si sem­pre per­so­ne de­ter­mi­na­te, an­che du­re. Ma fin­ché non abu­sa­no del lo­ro po­te­re va be­ne. Al­tri­men­ti, en­tra in gio­co la leg­ge. Quan­to a me, non so­no do­ta­ta nep­pu­re di un gran­de spi­ri­to per l’av­ven­tu­ra, il ri­schio, non sen­to il bi­so­gno di cam­bia­re. An­che se mi ac­cor­go che può suo­na­re no­io­so». Con­ti­nua a por­ta­re sua fi­glia sul set? «Sì. E ho una ba­by sit­ter fan­ta­sti­ca che viag­gia con me e poi mio ma­ri­to mi aiu­ta mol­tis­si­mo. So­no for­tu­na­ta. Non ho la­vo­ra­to per un an­no du­ran­te la gra­vi­dan­za, ho ri­pre­so quan­do mia fi­glia ave­va quat­tro me­si. E se da al­lo­ra ho gi­ra­to pa­rec­chi film, la ra­gio­ne è che sto cer­can­do di far­ne il più pos­si­bi­le ades­so che lei non de­ve an­co­ra an­da­re a scuo­la e pos­so por­tar­la sem­pre con me».

LA SCRIT­TRI­CE GE­NIA­LE Kei­ra Knightley in una sce­na di Co­let­te, di­ret­to da Wa­sh West­mo­re­land. Nel ca­st Do­mi­nic We­st, che in­ter­pre­ta il ma­ri­to Wil­ly.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.