SO­NO UNA BRA­VA RA­GAZ­ZA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Super Teen - di LYNN HIRSCHBERG fo­to ALASDAIR MCLELLAN ser­vi­zio ME­LA­NIE WARD

Cu­rio­sa, sem­pre all’er­ta, gli oc­chi spa­lan­ca­ti sul mon­do: la gio­va­ne pro­ta­go­ni­sta di Stran­ger Things di­chia­ra che ama far­si no­ta­re. Sem­bra es­se­re na­ta con una na­tu­ra­le do­se di si­cu­rez­za, ep­pu­re, co­me i suoi coe­ta­nei, na­scon­de un fon­do di ti­mi­dez­za. E una pas­sio­ne per le ca­ra­mel­le ros­se

Al par­ty ce­le­bra­ti­vo dei Baf­ta, i Bri­ti­sh Aca­de­my of Film and Te­le­vi­sion Arts, che si è te­nu­to a Los An­ge­les due an­ni fa, Mil­lie Bob­by Bro­wn – al­lo­ra do­di­cen­ne – era sta­ta l’at­tra­zio­ne del­la fe­sta. Stran­ger Things, un in­tel­li­gen­te tri­bu­to al­la cul­tu­ra pop de­gli an­ni ’80, era ap­pe­na esplo­so, e il suo per­so­nag­gio, Un­di­ci, una ra­gaz­zi­na ul­tra­ter­re­na dal fi­si­co an­dro­gi­no, sguar­do dia­bo­li­co e ca­pa­ci­tà te­le­ci­ne­ti­che, era già di­ven­ta­ta la stel­la più scin­til­lan­te del­la se­rie. Di­ver­sa­men­te da Un­di­ci, ra­gaz­za un po’ smar­ri­ta e non sem­pre a pro­prio agio, Bro­wn, na­ta a Mar­bel­la, in Spa­gna, ma cre­sciu­ta nel Dor­set, in In­ghil­ter­ra, ha una per­so­na­li­tà spu­meg­gian­te e ma­gne­ti­ca, ol­tre a un’in­na­ta pro­pen­sio­ne a so­cia­liz­za­re. A det­ta di suo pa­dre, Ro­bert Bro­wn, Mil­lie, ter­za di quat­tro fi­gli (tre fem­mi­ne e un ma­schio), è na­ta co­sì, do­ta­ta di una na­tu­ra­le si­cu­rez­za. È da quan­do ave­va 8 an­ni che ma­ci­na pro­vi­ni per spot pub­bli­ci­ta­ri, film e mu­si­cal co­me Ma­til­da e An­nie. Il suo pri­mo in­ca­ri­co è sta­to per una pub­bli­ci­tà di Pu­blix, la ca­te­na di su­per­mer­ca­ti. Per il pro­vi­no le era sta­to chie­sto di te­ne­re in ma­no dei cu­p­ca­ke e di­re: «Mam­ma, pren­dia­mo que­sti?». Il re­gi­sta del ca­sting ave­va det­to a suo pa­dre: «Sua fi­glia è dav­ve­ro spe­cia­le». «Quan­do ho ot­te­nu­to quel pri­mo la­vo­ro, ho su­bi­to rea­liz­za­to che ero na­ta per re­ci­ta­re», ri­cor­da Bro­wn. Ora è più al­ta ri­spet­to agli esor­di in Stran­ger Things, ma per il re­sto non sem­bra es­se­re cam­bia­ta: è cu­rio­sa, sem­pre in al­ler­ta, e co­sì at­traen­te con que­gli oc­chio­ni spa­lan­ca­ti sul mon­do. La fa­mi­glia Bro­wn ha la­scia­to l’In­ghil­ter­ra e si è tra­sfe­ri­ta ad Atlan­ta per le ri­pre­se di Stran­ger Things, la cui ter­za sta­gio­ne è at­te­sa per l’esta­te 2019, e per la qua­le Net­flix ha pro­po­sto a Bro­wn un con­trat­to da 3 mi­lio­ni di dol­la­ri. Co­me ogni ado­le­scen­te che si ri­spet­ti, an­che Mil­lie vi­ve in sim­bio­si con il cel­lu­la­re. D’al­tron­de, ha ol­tre 17 mi­lio­ni di fol­lo­wer su In­sta­gram che non per­do­no mai un suo po­st. L’an­no scor­so ha in­con­tra­to il fa­mo­so rap­per ca­na­de­se Dra­ke in Au­stra­lia, do­ve en­tram­bi era­no in tour: la fo­to di lui che l’ab­brac­cia è di­ven­ta­ta vi­ra­le. «Mi ha in­vi­ta­ta al suo con­cer­to, e ora par­lia­mo spes­so. Gli chie­do sem­pre un pa­re­re», rac­con­ta. For­se è pro­prio Dra­ke ad aver­le con­si­glia­to di usa­re la sua fa­ma per at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne su al­cu­ne que­stio­ni im­por­tan­ti. Quan­do lo scor­so mar­zo ha vin­to il pre­mio di at­tri­ce te­le­vi­si­va pre­fe­ri­ta ai Kids’ Choi­ce Awards, Bro­wn ha scel­to di pre­sen­tar­si in­dos­san­do una ma­gliet­ta sul­la qua­le era­no sta­ti ri­ca­ma­ti i no­mi del­le vit­ti­me del­la spa­ra­to­ria av­ve­nu­ta il 14 feb­bra­io al­la scuo­la di Par­kland, in Flo­ri­da. «Vo­glio as­su­mer­mi se­ria­men­te le mie re­spon­sa­bi­li­tà. So be­ne di ave­re una vo­ce e ho in­ten­zio­ne di usar­la sag­gia­men­te», af­fer­ma Bro­wn. Nel 2015, al pri­mo pro­vi­no per Stran­ger Things, Bro­wn non im­ma­gi­na­va che que­sta se­rie avreb­be rap­pre­sen­ta­to il suo tram­po­li­no di lan­cio. «Non sa­pe­vo nul­la del pro­get­to, a di­re il ve­ro era tut­to top secret. Ri­cor­do di aver par­la­to via Sky­pe con i re­gi­sti (i fra­tel­li Matt e Ross Duf­fer, ndr), prin­ci­pal­men­te di film de­gli an­ni ’80 co­me E.T., Stand by Me e Pol­ter­gei­st. Poi so­no an­da­ta a Los An­ge­les per fa­re una pro­va, e il gior­no se­guen­te mi han­no co­mu­ni­ca­to che ero sta­ta pre­sa! Ave­vo 11 an­ni. Ab­bia­mo gi­ra­to, poi so­no tor­na­ta a ca­sa mia, in In­ghil­ter­ra. Mi so­no det­ta, ok, è un pic­co­lo la­vo­ro. Do­po co­sa fa­rò? Sia­mo tor­na­ti ne­gli Sta­ti Uni­ti per la pre­miè­re. Tre gior­ni do­po, la mia vi­ta è cam­bia­ta ra­di­cal­men­te: i miei fol­lo­wer so­no schiz­za­ti a 1 mi­lio­ne in un so­lo gior­no. Tut­te le ri­vi­ste mi cer­ca­va­no. Uno dei miei obiet­ti­vi era fi­ni­re sul­la co­per­ti­na di W e, ci cre­di?, i so­gni pos­so­no av­ve­rar­si». Ter­mi­na­ta la pri­ma sta­gio­ne di Stran­ger Things, Bro­wn ha fir­ma­to un con­trat­to con Cal­vin Klein, ed è sta­ta no­mi­na­ta per un Em­my e un pre­mio Sag (i pre­mi con­se­gna­ti dal­lo Screen Ac­tors Guild, il sin­da­ca­to di cui fan­no par­te più di 100 mi­la at­to­ri ame­ri­ca­ni, ndr), men­tre la sua se­rie ha vin­to una men­zio­ne ai Gol­den Glo­be. La ri­vi­sta Ti­me l’ha vo­lu­ta nel­la sua Ti­me100, tra­sfor­man­do­la nel­la più gio­va­ne del­le per­so­ne mai in­se­ri­te nel­la pre­sti­gio­sa li­sta. «Non pen­so di es­se­re cam­bia­ta. Sen­to di ave­re an­co­ra mol­to da fa­re e sof­fro an­co­ra di stress, ca­pi­ta che sia pre­da dell’an­sia», di­ce. Ep­pu­re Bro­wn è sem­pre ap­par­sa mol­to si­cu­ra di sé. Che que­sta in­si­cu­rez­za im­prov­vi­sa ab­bia a che fa­re con l’in­gres­so nell’ado­le­scen­za? «Può es­se­re. Ma ado­ro an­co­ra le fe­ste! An­che se, quan­do al­la ce­ri­mo­nia dei Baf­ta ho in­con­tra­to Ju­stin Tim­ber­la­ke, giu­ro che ero sul pun­to di sve­ni­re», ri­spon­de. E ag­giun­ge, cam­bian­do abil­men­te ar­go­men­to: «Fam­mi qual­che do­man­da».

Qual è sta­ta la tua gran­de cot­ta? «Pa­ris Jack­son. È dav­ve­ro sti­lo­sa. La con­si­de­ro co­me una so­rel­la. E co­me se non ba­stas­se suo­na il pia­no!». E il pri­mo al­bum che hai com­pra­to con i tuoi sol­di? «Un di­sco di Amy Wi­ne­hou­se. Ave­vo 6 an­ni e sa­pe­vo a me­mo­ria ogni sin­go­la pa­ro­la di Va­le­rie. Ma mio pa­dre mi proi­bi­va di sen­ti­re Re­hab. Di­cia­mo che c’era­no al­cu­ne re­go­le in ca­sa. Amy Wi­ne­hou­se era sen­za dub­bio la mia can­tan­te pre­fe­ri­ta, ma all’epo­ca mi sve­glia­vo can­tan­do We Found Lo­ve di Ri­han­na. Mi da­va la ca­ri­ca quan­do do­ve­vo an­da­re a scuo­la». Qual è il tuo tra­ve­sti­men­to di Hal­lo­ween pre­fe­ri­to? «Non so­no mai sta­ta mol­to abi­le con i co­stu­mi di Hal­lo­ween. Di fat­to, re­ci­tan­do, mi tra­sfor­mo sem­pre in al­tri per­so­nag­gi, quin­di che sen­so ha tra­ve­stir­mi? Ne­gli ul­ti­mi due an­ni, per Hal­lo­ween ho vi­sto tan­tis­si­me per­so­ne in gi­ro tra­ve­sti­te da Un­di­ci. Da un la­to mi fa pia­ce­re. Ma di­cia­mo che è sin­go­la­re ve­de­re un uo­mo di 40 an­ni che fin­ge di es­se­re una ra­gaz­zi­na di 12».

Da pic­co­la, qual era il tuo gio­cat­to­lo pre­fe­ri­to? «Un mi­cro­fo­no con le can­zo­ni di Hi­gh School Mu­si­cal. Ado­ra­vo can­ta­re con Zac Efron, ma quan­do ho in­con­tra­to Zac di per­so­na so­no riu­sci­ta a ma­la­pe­na a spic­ci­ca­re pa­ro­la». Ri­cor­di a chi hai in­via­to la tua pri­ma email? «Ho sem­pre de­si­de­ra­to par­te­ci­pa­re al­lo show di El­len DeGe­ne­res, e in ef­fet­ti è pro­prio a lei che ho man­da­to la pri­ma email. Le ho rac­con­ta­to la sto­ria del­la mia vi­ta, spie­gan­do­le per­ché do­ve­va as­so­lu­ta­men­te in­vi­tar­mi al suo pro­gram­ma. Ma nes­su­no mi ha mai ri­spo­sto. In com­pen­so, cin­que an­ni do­po so­no sta­ta chia­ma­ta da El­len in per­so­na, la qua­le non so­lo ha re­cu­pe­ra­to quell’email, ma l’ha let­ta da­van­ti a tut­ti. Un mo­men­to mol­to im­ba­raz­zan­te: ave­vo fat­to un sac­co di er­ro­ri di gram­ma­ti­ca». Nel tuo pri­mo film, Go­d­zil­la II - King of the Mon­sters, che usci­rà la pros­si­ma pri­ma­ve­ra, in­ter­pre­ti una ra­gaz­za di no­me Ma­di­son. È sta­to dif­fi­ci­le re­ci­ta­re con un mo­stro vir­tua­le? «La ve­ri­tà è che Go­d­zil­la era co­me una “pal­li­na da ten­nis”, di fat­to ero ob­bli­ga­ta a te­ne­re lo sguar­do co­stan­te­men­te ri­vol­to ver­so l’al­to. Non vi di­co il mal di col­lo, e in­fat­ti mi han­no pra­ti­ca­to il dry need­ling nel­la zo­na del col­lo (una pro­ce­du­ra – con­tro­ver­sa – che uti­liz­za un ago da ago­pun­tu­ra nel­la mu­sco­la­tu­ra per al­le­via­re il do­lo­re, ndr) e ne ho avu­to be­ne­fi­cio». Ora che vivi qui, che co­sa ti pia­ce di più de­gli Sta­ti Uni­ti? «Ado­ro le ca­ra­mel­le ros­se di Jol­ly Ran­cher. San­no di ci­lie­gia. E so­no mol­to aspre. Mi han­no proi­bi­to di man­giar­le per­ché pa­re che co­lo­ri­no la lin­gua. Co­mun­que an­che se ne man­gi un­di­ci la lin­gua re­sta per­fet­ta­men­te nor­ma­le». Men­tre ti­ra fuo­ri la lin­gua per mo­strar­mi co­me ef­fet­ti­va­men­te non ci fos­se­ro trac­ce ros­se da ca­ra­mel­le, Bro­wn vie­ne in­ter­rot­ta dal­lo staff per si­ste­ma­re ca­pel­li e truc­co. Sen­za co­no­sce­re la sua pas­sio­ne per Amy Wi­ne­hou­se, la sty­li­st de­ci­de che la pet­ti­na­tu­ra sa­reb­be sta­ta una ver­sio­ne di­sor­di­na­ta e ca­sual del­la co­fa­na, se­gno di­stin­ti­vo del­la mi­ti­ca can­tan­te. Bro­wn è vi­si­bil­men­te su di gi­ri. Suo pa­dre, se­du­to lì vi­ci­no in­sie­me con il fi­glio mag­gio­re a guar­da­re al­la tv il Li­ver­pool – la sua squa­dra di cal­cio pre­fe­ri­ta – , di tan­to in tan­to sor­ri­de al ri­fles­so del­la fi­glia nel­lo spec­chio. Mi ave­va det­to: «Mil­lie tra­su­da si­cu­rez­za e spa­val­de­ria, ma la se­ra, tra le mu­ra di ca­sa, può tra­sfor­mar­si in una ra­gaz­zi­na ti­mi­da. È un la­to di lei che so­lo la sua fa­mi­glia co­no­sce». Men­tre il ma­ke-up ar­ti­st le di­se­gna uno sguar­do da gat­to, al­lun­gan­do con il truc­co i suoi oc­chi ton­di, Bro­wn ri­ma­ne in­can­ta­ta dal­la tra­sfor­ma­zio­ne. Le chie­do se si è mai sen­ti­ta la clas­si­ca ado­le­scen­te ir­re­quie­ta, se ha mai avu­to vo­glia di fa­re qual­che paz­zia, es­se­re ri­bel­le, scappare? «Pos­so es­se­re ri­bel­le», ri­spon­de, sce­glien­do con cu­ra le pa­ro­le. «Ma mai trop­po. Per di­re, i miei non mi han­no mai chiu­sa in ca­sa per pu­ni­zio­ne. So­no una bra­va ra­gaz­za. Ma mi pia­ce fa­re ru­mo­re, far­mi no­ta­re». Per in­ter­pre­ta­re Un­di­ci, Bro­wn si è do­vu­ta sot­to­por­re a un ta­glio ra­di­ca­le, ra­den­do­si la te­sta e ri­nun­cian­do al­la sua lun­ga chio­ma. Il che, si ca­pi­sce be­ne, sa­reb­be un trau­ma per qual­sia­si un­di­cen­ne. «Ra­sar­si non è sta­ta af­fat­to una pas­seg­gia­ta. Da un la­to, pe­rò, ho sco­per­to che non è ma­le. Quan­do hai i ca­pel­li co­sì cor­ti, sta­re sot­to la piog­gia equi­va­le a ri­ce­ve­re un mas­sag­gio al­la te­sta. Co­sì, ave­vo l’abi­tu­di­ne di cam­mi­na­re sot­to la piog­gia con il ca­po sco­per­to, con le per­so­ne a fis­sar­mi co­me se fos­si paz­za. E in­ve­ce io sor­ri­de­vo, fe­li­ce di sen­ti­re l’ac­qua pic­chiet­ta­re sul­la te­sta. Dall’al­tro la­to, pe­rò, c’era an­che chi mi fis­sa­va chie­den­do­si se fos­si ma­la­ta. Al­tri ad­di­rit­tu­ra ri­de­va­no di me, sen­za nem­me­no sa­pe­re se ef­fet­ti­va­men­te aves­si qual­che ma­lat­tia. In quei ca­si ho sof­fer­to mol­to, ma il lo­ro at­teg­gia­men­to mi ha in­se­gna­to qual­co­sa in più sul­la com­pas­sio­ne. In de­fi­ni­ti­va, cre­do che vi­ve­re con la te­sta ra­sa­ta sia sta­ta la co­sa mi­glio­re che mi po­tes­se ca­pi­ta­re: es­se­re di­ver­sa da­gli al­tri mi ha cam­bia­to la vi­ta. Ho cer­ca­to di ono­ra­re la mia cal­vi­zie e, co­sì, spe­ro di po­ter ispi­ra­re al­tre per­so­ne. Og­gi è que­sto il mio mes­sag­gio per il mon­do».

«SO DI AVE­RE UNA VO­CE. E HO IN­TEN­ZIO­NE DI USAR­LA SAG­GIA­MEN­TE»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.