IN VO­LO con DE NI­RO

Fi­no a qual­che me­se fa nes­su­no lo co­no­sce­va, poi Mar­cel­lo Fon­te ha vin­to al Fe­sti­val di Can­nes e ades­so pun­ta all’Oscar. Ma la sua è una lun­ga sto­ria, che par­te dal­la Ca­la­bria. Co­me il li­bro che ha ap­pe­na scrit­to

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Nilovi Divi - di EN­RI­CA BROCARDO fo­to LO­REN­ZO MOSCIA

Si par­te con mam­ma Ro­sa, i pie­di nel­la ter­ra ar­ri­va­ta sui ca­mion per tra­sfor­ma­re la di­sca­ri­ca in un «giar­di­no». In quell’or­to e nel­le ba­rac­che di la­mie­ra co­strui­te da suo pa­dre Pep­pi­no, Mar­cel­lo Fon­te ci è cre­sciu­to, in Ca­la­bria. Ed è da lì che co­min­cia Not­ti stel­la­te, il suo li­bro au­to­bio­gra­fi­co che esce per Ei­nau­di il 20 no­vem­bre. Fon­te lo ha scrit­to in col­la­bo­ra­zio­ne con Giu­lia­no Mi­nia­ti e Pao­lo Tri­po­di, gli stes­si con i qua­li ave­va la­vo­ra­to al suo film Asi­no vo­la, pre­sen­ta­to al Fe­sti­val del ci­ne­ma di Lo­car­no nel 2015. La sto­ria, del re­sto, era la stes­sa: quel­la di un bam­bi­no che vo­le­va suo­na­re nel­la ban­da del pae­se. La sua sto­ria. In que­ste set­ti­ma­ne è im­pe­gna­to sul set del nuo­vo film di Mim­mo Ca­lo­pre­sti, Via dall’Aspro­mon­te, am­bien­ta­to in Ca­la­bria ne­gli an­ni Cin­quan­ta, nel qua­le in­ter­pre­ta il per­so­nag­gio di Cic­ci­ta­lia, det­to il poe­ta. «L’uni­co che ha un po’ viag­gia­to e che por­ta le sue biz­zar­rie ai ra­gaz­zi­ni del pae­se. Al­la pro­va co­stu­me non si tro­va­va­no le scar­pe giu­ste, ho det­to: ma una vol­ta mi­ca ce le ave­va­no le scar­pe! E co­sì sia­mo tut­ti scal­zi. Ma po­te­vo far­mi i fat­ti miei?». A Ro­ma, po­che set­ti­ma­ne fa, ha gi­ra­to un al­tro film, Un an­no in Ita­lia di Fran­ce­sca Ar­chi­bu­gi, con Mi­cae­la Ra­maz­zot­ti e Adria­no Gian­ni­ni. «La mia pri­ma sce­na di nu­do. Chis­sà co­me sa­rà ve­der­si nu­do sul gran­de scher­mo». Nel mag­gio scor­so, a Can­nes, Fon­te è sta­to pre­mia­to co­me mi­glior at­to­re per Dog­man di Mat­teo Gar­ro­ne. Il film è sta­to scel­to co­me can­di­da­to ita­lia­no nel­la cor­sa agli Oscar e, da al­lo­ra, è spes­so in viag­gio per pre­sen­tar­lo: To­ron­to, Hong Kong, Il Cai­ro, Lon­dra, New York, Los An­ge­les. Ma se pen­sa­te che la sua vi­ta sia cam­bia­ta, sba­glia­te. Ha sem­pli­ce­men­te espan­so il rag­gio d’azio­ne del­la sua mis­sio­ne che, co­me scri­ve lui stes­so nell’ul­ti­mo ca­pi­to­lo del li­bro, con­si­ste nel «por­ta­re ovun­que un po’ di scom­pi­glio, al­le­gria, im­pre­vi­sto». Par­lia­mo su Sky­pe. No­no­stan­te una gior­na­ta com­pli­ca­ta – in mat­ti­na­ta è an­che ca­du­to dal­la grop­pa di un asi­no – non ha per­so la chiac­chie­ra.

Il cur­ri­cu­lum «Quan­do mi so­no tra­sfe­ri­to a Ro­ma, ver­so i vent’an­ni, mio fra­tel­lo An­to­nio, l’ar­chi­tet­to, mi spie­gò che per tro­va­re la­vo­ro do­ve­vo man­da­re il cur­ri­cu­lum: “Scri­vi su un fo­glio tut­ti i la­vo­ri im­por­tan­ti che hai fat­to”. So­lo che un fo­glio non mi è ba­sta­to. Ini­ziai: “A 10 an­ni ha co­min­cia­to a suo­na­re in una pic­co­la ban­da di Reg­gio Ca­la­bria, aiu­ta­to da un vec­chio mu­si­ci­sta, don Pao­li­no, per il qua­le era di­ven­ta­to co­me un fi­glio”, e avan­ti co­sì. Tut­ta la pri­ma pa­gi­na era de­di­ca­ta al­la mu­si­ca. Gi­ra­vi il fo­glio: “Si è ap­pas­sio­na­to al­la mec­ca­ni­ca fin da pic­co­lo. La pri­ma bi­ci Bmx glie­la re­ga­lò sua ma­dre quan­do ave­va 7 an­ni. Un gior­no, an­dò da un ami­co con l’of­fi­ci­na e si fe­ce da­re la mi­ti­ca chia­ve 13 a tu­bo, mon­tò due fan­ta­sti­ci pe­da­li­ni di die­tro e, da al­lo­ra, an­da­va dal suo ami­chet­to Pa­squa­li­no e gli di­ce­va: Sa­li”. Nel ter­zo fo­glio, s’in­trec­cia­va­no il me­stie­re di ma­cel­la­io e bar­bie­re per­ché il cas­sie­re del­la ma­cel­le­ria do­ve ero an­da­to a la­vo­ra­re do­po aver fat­to pra­ti­ca in bar­be­ria era un bar­bie­re in pen­sio­ne e ogni tan­to gli ta­glia­vo i ca­pel­li. In­fi­ne, nel quar­to fo­glio, scris­si: “De­ci­se di ve­ni­re a Ro­ma con le idee mol­to pre­ci­se, di­ven­ta­re at­to­re”. Quan­do mio fra­tel­lo lo les­se ri­de­va tan­to da ave­re le la­cri­me agli oc­chi. Ma io non ca­pi­vo il per­ché. Al­le ele­men­ta­ri l’uni­ca co­sa che mi pia­ce­va era­no i te­mi. Ti­to­lo: “La tua gior­na­ta”. E io rac­con­ta­vo che ero an­da­to a ca­sa di un com­pa­gno di clas­se e ave­vo sco­per­to il bi­det, per­ché, da noi, mio pa­dre il bi­det lo usa­va per pian­tar­ci il prez­ze­mo­lo. La mae­stra leg­ge­va e pian­ge­va, ma io non ca­pi­vo il per­ché».

L’in­con­tro con Ci­ne­cit­tà «A Ro­ma, mio fra­tel­lo mi ave­va chia­ma­to per­ché sta­va fa­cen­do uno spet­ta­co­lo ama­to­ria­le e gli ser­vi­va uno che suo­na­va, for­se quel­lo che c’era pri­ma era mor­to. Avrei do­vu­to fer­ma­mi tre gior­ni, so­no ri­ma­sto vent’an­ni. Mi re­ga­lò una mac­chi­net­ta fo­to­gra­fi­ca che mi por­ta­vo dap­per­tut­to. Mi pia­ce­va esplo­ra­re. Ri­cor­do l’odo­re del tram nu­me­ro 5, i mer­ca­ti quan­do an­co­ra si sen­ti­va la puz­za del pe­sce che la gen­te dei pa­laz­zi si la­men­ta­va, il mio giub­bot­to gial­lo, ma pro­prio gial­lo, di pla­sti­ca. Mi pia­ce­va truc­car­mi. Mi met­te­vo il fard che mi fa­ce­va sen­ti­re bel­lo. E ri­cor­do be­nis­si­mo la pri­ma vol­ta che so­no en­tra­to a Ci­ne­cit­tà e ho sco­per­to quel mon­do fin­to. La ca­sa di Un me­di­co in fa­mi­glia che ve­de­vo in tv me la so­no ri­tro­va­ta lì. E Pao­lo Bo­no­lis, che quan­do c’era Bim Bum Bam io ero quel­lo che do­ve­va te­ne­re il fi­lo dell’an­ten­na sen­nò i miei fra­tel­li non lo po­te­va­no guar­da­re. Al ci­ne­ma ho fat­to di tut­to, l’at­trez­zi­sta, l’im­bu­ca­to, la com­par­sa. Una vol­ta gi­ra­va­no Una sto­ria qua­lun­que, e io so­no an­da­to a fa­re le fo­to an­che se non si po­te­va, e men­tre sta­vo lì a te­ner com­pa­gnia a Ni­no Man­fre­di, il re­gi­sta mi di­ce: “Ti va di fa­re un pas­sag­gio?”. Un gior­no, in­ve­ce, da­vo una ma­no a co­strui­re una sce­no­gra­fia del film Apri gli oc­chi e... so­gna. Can­ta­vo – quan­do la­vo­ro mi pia­ce can­ta­re – e un ti­po mi fa: “Vuoi fa­re la com­par­sa?”. Si pren­de il mio nu­me­ro, do­po 15 gior­ni squil­la il te­le­fo­no, era lui: “Ci ve­dia­mo a Ci­ne­cit­tà nel po­me­rig­gio per la pro­va co­stu­mi”. Ar­ri­vo e ve­do tut­te que­ste per­so­ne che stan­no co­struen­do una co­sa stra­na: gen­te che get­ta ac­qua in una pi­sci­na, al­tri che spor­ca­no ve­sti­ti, grat­ta­no sti­va­li nuo­vi... Sta­va­no fa­cen­do il por­to di Gangs of New York».

La svol­ta «Do­po Can­nes ho viag­gia­to tan­to. Al fe­sti­val di Tel­lu­ri­de so­no ar­ri­va­to sul­lo stes­so ae­reo di Ro­bert De Ni­ro. Ho co­no­sciu­to Her­zog. E, fi­nal­men­te, mi so­no but­ta­to nel Mar Ros­so. In Dog­man, il mio per­so­nag­gio vor­reb­be por­ta­re la fi­glia in va­can­za là, ma non ci rie­sce. Io ci ho por­ta­to il film e mi so­no im­mer­so a 14 me­tri con la mia GoP­ro. Fil­mo tut­to per far­mi un dia­rio e sto an­che mon­tan­do un do­cu­men­ta­rio su mia ma­dre. Lei già al­lo­ra era una don­na fem­mi­ni­sta, mo­der­na, for­te. Pu­re i ma­fio­si li fa­ce­va scappare. Ma­ga­ri sem­bra che quan­do ero pic­co­lo sia sta­ta du­ra con me, ma è un mo­do di amar­si, è Ca­la­bria, di­ci “vaf­fan­cu­lo” ma in­ten­di “ti vo­glio be­ne”. An­co­ra un pa­io di gior­ni fa l’ho chia­ma­ta: sto ar­ri­van­do con due ami­ci, che c’è da ma­gnà? E lei: “Non c’ho nien­te, è tar­di, non ve­ni­re”. So­no an­da­to da so­lo. Mi ve­de: “E i tuoi ami­ci?”. Per­ché, al­la fi­ne, le fa­ce­va pia­ce­re. De­vo fa­re i fi­gli. De­vo fa­re i fi­gli pri­ma che sia tar­di, sen­nò mi toc­ca cor­rer­gli die­tro col ba­sto­ne e io, in­ve­ce, ci vo­glio gio­ca­re a cal­cio. Un gior­no, spe­ro, mi co­strui­rò la mia ca­sa pez­zo per pez­zo. Ne­gli al­ber­ghi ho vi­sto ogni ge­ne­re di va­sca da ba­gno, le doc­ce, i mar­mi, le lu­ci sof­fu­se, non sof­fu­se. Co­no­sco la ru­bi­net­te­ria di tut­to il mon­do a me­mo­ria. In­tan­to, con­ti­nuo a fa­re quel­lo che sto fa­cen­do, e cer­ca­re di far­lo be­ne e im­pa­ra­re ogni gior­no qual­co­sa di nuo­vo, con­fron­tar­mi con gli al­tri. Che è me­glio che sta­re nel­la pro­pria stan­za a dir­si quan­to si è bra­vi».

Not­ti stel­la­te.

Mar­cel­lo Fon­te, 40 an­ni, fo­to­gra­fa­to al Tea­tro Val­le di Ro­ma. Il 20 no­vem­bre l’at­to­re pub­bli­ca il li­bro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.