RI­TOR­NO in ZIM­BA­B­WE

A un an­no dal­la ca­du­ta di Ro­bert Mu­ga­be, il Pae­se che era fuo­ri dal­la map­pa cer­ca la stra­da per ri­na­sce­re. E pun­ta tut­to sul­la bel­lez­za moz­za­fia­to, il suo eser­ci­to di ele­fan­ti, i leo­ni del Par­co Hwan­ge fra­tel­li di Ce­cil. Ab­bia­mo se­gui­to la fa­mi­glia Ma­vros

Vanity Fair (Italy) - - Vanity In Vaggio - di LAU­RA FIENGO fo­to CATHERINA UNGER

Nel­la jeep nes­su­no par­la, qua­si nem­me­no si re­spi­ra. Quan­do Paul, il ran­ger del Ver­ney’s Camp, ha det­to «Non so­no sta­ti lo­ro», pur con gli oc­chi fis­si nel pun­to che in­di­ca il suo di­to non ave­va­mo mes­so a fuo­co la sce­na. «Lo­ro chi?», chie­dia­mo tut­ti. Do­man­da as­sur­da, co­me a vol­te ca­pi­ta quan­do hai da­van­ti co­se mai vi­ste, non ci sia­mo ac­cor­ti che qui da­van­ti a noi c’è quel­lo che re­sta di un gi­gan­te­sco ele­fan­te, una mon­ta­gna, nem­me­no sem­bra­va un ani­ma­le da quan­to è gran­de e iner­te, co­me par­te del pae­sag­gio. Ma non è tut­to: an­co­ra più vi­ci­no, a po­co più di un me­tro dal no­stro vei­co­lo, stan­no sdra­ia­ti due gros­si, cri­nie­ru­ti leo­ni che cer­ca­no in­va­no di rial­zar­si da ter­ra do­po l’enor­me pran­zo. So­no co­sì fuo­ri gio­co che al­cu­ni gio­va­ni im­pa­la, che di nor­ma si ter­reb­be­ro ti­mo­ro­si a cen­ti­na­ia di me­tri, han­no in­va­so il cam­po vi­si­vo e stan­no pas­san­do tran­quil­li in fi­la in­dia­na co­me in un car­toon Di­sney, sal­tan­do qua­si sul­le zam­pe del lo­ro pre­da­to­re più te­mu­to. La­scia­no per­fi­no i cuc­cio­li in re­tro­guar­dia in­cu­sto­di­ti. «Nes­sun pe­ri­co­lo, i due leo­ni so­no tra­mor­ti­ti dal­le pro­tei­ne, sa­rà co­sì per ore e gli im­pa­la lo san­no», spie­ga Paul men­tre gi­ra len­ta­men­te l’au­to per se­gui­re uno dei due che si tra­sci­na fi­no a una poz­za d’ac­qua vi­ci­na per be­re. «Non han­no uc­ci­so l’ele­fan­te, che è mor­to for­se per l’età, ma di cer­to han­no ap­pro­fit­ta­to del­la si­tua­zio­ne. Il più gran­de si chia­ma Hum­ba», di­ce Paul, «avrà già 5 o 6 an­ni, è un pa­ren­te di Ce­cil (il leo­ne con­si­de­ra­to il sim­bo­lo del­lo Zim­ba­b­we che è sta­to uc­ci­so in que­sta zo­na da un cac­cia­to­re ame­ri­ca­no nel lu­glio 2015, ndr). Lo­ro due so­no cer­ta­men­te del­la stes­sa fa­mi­glia, li co­no­sco­no tut­ti qui». Ma qui, in real­tà, non c’è nes­su­no. A par­te noi e lo staff del Ver­ney’s Camp, aper­to da po­chi gior­ni con le sue se­die di me­tal­lo stu­dia­ta­men­te sem­pli­ci, il fa­lò, le ten­de ca­chi vec­chio sti­le con i pa­li di al­lu­mi­nio, maz­zi di fio­ri del de­ser­to su ta­vo­li edoar­dia­ni che ti do­man­di co­me sia­no ar­ri­va­ti fi­no qui e le taz­ze del tè sui bau­li an­ti­chi da La mia Afri­ca, in tut­to il gior­no non ab­bia­mo in­con­tra­to ani­ma vi­va. Se sia­mo ar­ri­va­ti a Hwan­ge è gra­zie al­la buo­na en­tra­tu­ra di Ale­xan­der Ma­vros, uno de­gli av­ven­tu­ro­si com­po­nen­ti di una fa­mi­glia tra le più no­te fra Lon­dra e lo Zim­ba­b­we gra­zie al pa­triar­ca Pa­trick Ma­vros (non è co­sì âgé, ma ca­ri­sma­ti­co, ci scu­se­rà) che ha uni­to l’idea pio­nie­ra dell’av­ven­tu­ra e del­la na­tu­ra, pra­ti­ca­men­te con­ge­ni­ta tra gli

zim­ba­b­weans, con la crea­zio­ne di gio­iel­li e og­get­ti d’ar­te so­prat­tut­to d’ar­gen­to ispi­ra­ti al­la na­tu­ra che por­ta­no il suo no­me. Ale­xan­der, uno dei fi­gli Ma­vros, que­st’an­no ha de­ci­so di apri­re la sua pre­zio­sa agen­da e c’è da scom­met­ter­ci an­che quel­le dei suoi in­te­res­san­ti pa­ren­ti per fa­re quel­lo che già fa­ce­va per hob­by: or­ga­niz­za­re viag­gi uni­ci in Zim­ba­b­we e in tut­ta l’Afri­ca cen­tro-sud con il no­me di Ma­vros Sa­fa­ris (ma­vros­sa­fa­ris.com. In­sta­gram moz­za­fia­to: @ma­vros­sa­fa­ris) coin­vol­gen­do le gui­de, gli ami­ci per­so­na­li, esper­ti pe­sca­ti in tut­ta l’Afri­ca au­stra­le dal del­ta dell’Oka­van­go al­la Na­mi­bia, in­som­ma chiun­que del­la lo­ro pre­zio­sa cer­chia di raf­fi­na­ti av­ven­tu­rie­ri di lun­go cor­so po­tes­se con­tri­bui­re a pre­sen­ta­re il me­glio del me­glio di un Pae­se che in real­tà, al net­to del­le Ca­sca­te Vic­to­ria (che lo Zim­ba­b­we di­vi­de con lo Zam­bia, noi na­tu­ral­men­te ti­fia­mo per la par­te «Zim», più spet­ta­co­la­re), co­no­sco­no be­ne so­lo gli in­ten­di­to­ri. Co­sì, sot­to l’egi­da dei Ma­vros, con il mio grup­pet­to di gior­na­li­sti all bri­ti­sh (mol­tis­si­mi dei tra­vel wri­ter più no­ti d’In­ghil­ter­ra, sa­rà un ca­so, han­no ra­di­ci zim­ba­b­wa­ne) ab­bia­mo dor­mi­to in ca­se pri­va­te so­spe­se su luo­ghi moz­za­fia­to che non so­no su nes­su­na map­pa co­me Khaye­li­tshe, una vil­la afri­can in­du­strial de­si­gn sul­le stu­pen­de col­li­ne di gra­ni­to di Ma­to­bo di pro­prie­tà di Beks Ndo­lo­vu, gui­da di sa­fa­ri di­ven­ta­to im­pren­di­to­re che qui è un sim­bo­lo del ri­scat­to di un Pae­se in­te­ro, viag­gia­to con un sa­fa­ri bu­tler al se­gui­to che cu­ci­na pa­sti gour­mand e or­ga­niz­za sun­do­w­ners, ape­ri­ti­vi al ca­lar del so­le che so­no l’es­sen­za stes­sa dell’Afri­ca nel bu­sh, nei po­sti più im­per­vi che si pos­sa­no im­ma­gi­na­re, sog­gior­na­to nel­le vil­le sul­lo Zam­be­si del Ma­te­tsi Ri­ver Lod­ge di Vic­to­ria Falls, do­ve Sa­ra Gar­di­ner, fi­glia dei pro­prie­ta­ri, ha la­scia­to a ca­sa la sua lau­rea a Ox­ford e con aria an­ge­li­ca da in­gle­se di buo­na fa­mi­glia si oc­cu­pa di te­ne­re lon­ta­ni coc­co­dril­li ed ele­fan­ti dal­le ri­ve del suo stu­pen­do lod­ge (an­che il suo In­sta­gram, va­le la pe­na, è co­me par­ti­re: @sa­ra_­snaps). L’idea di ri­met­te­re lo Zim­ba­b­we sul map­pa­mon­do del­le mi­glio­ri

«SI VIAG­GIA IN LUO­GHI CHE NON SO­NO SU NES­SU­NA MAP­PA»

rot­te afri­ca­ne ar­ri­va in se­gui­to al­la ca­du­ta del pre­si­den­te-dit­ta­to­re eter­no Ro­bert Mu­ga­be do­po 37 an­ni, esat­ta­men­te un an­no fa, che ha da­to a tut­to il Pae­se uno slan­cio di en­tu­sia­smo e spe­ran­za per il fu­tu­ro che ha ri­por­ta­to a ca­sa mol­tis­si­mi espa­tria­ti di tut­te le età, pron­ti ad apri­re at­ti­vi­tà e pro­get­ti. E an­che se la nuo­va si­tua­zio­ne do­po la fu­ga del 93en­ne pa­dre pa­dro­ne 12 me­si do­po non è la pa­lin­ge­ne­si im­me­dia­ta, so­prat­tut­to dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co, al­cu­ne buo­ne nuo­ve so­no già real­tà: il fron­te del­la con­ser­va­zio­ne na­tu­ra­le e dell’an­ti-poa­ching sta ti­mi­da­men­te co­min­cian­do a vin­ce­re. Un da­to re­cen­te del­le sta­ti­sti­che che fa ben spe­ra­re chi co­me i Ma­vros cre­de che il ri­scat­to del Pae­se stia nel­lo svi­lup­po di un tu­ri­smo di al­to li­vel­lo, at­ten­to al­la tu­te­la dei luo­ghi, in una pa­ro­la nel sa­fa­ri, di­ce che il poa­ching, il brac­co­nag­gio, in Zim­ba­b­we do­po il 2017 sa­reb­be di­mi­nui­to (il con­di­zio­na­le è d’ob­bli­go). Il nu­me­ro di ele­fan­ti uc­ci­si nel 2017 era 53, nel 2018 qua­si fi­ni­to so­no 12. Di cer­to nel par­co di Hwan­ge, do­ve il leo­ne si era ad­dor­men­ta­to, da que­sto pun­to di vi­sta è una pro­met­ten­te iso­la fe­li­ce. Men­tre lo per­cor­ria­mo in­can­ta­ti dal nul­la as­so­lu­to, la­scia­ta la «sce­na del cri­mi­ne» un grup­po di ele­fan­ti che sem­bra non fi­ni­re mai ci si pa­ra da­van­ti bloc­can­do la stra­da. Una mi­gra­zio­ne. Gros­si ma­schi ner­vo­si che pas­san­do fan­no tre­ma­re tut­to e but­ta­no giù in­te­ri tron­chi di al­be­ri, ma­dri con i pic­co­li at­tac­ca­ti al­la co­da che in­chio­da­no di col­po bloc­can­do tut­ta la fi­la. Non è il so­li­to sa­fa­ri, e non sia­mo in uno dei fa­mo­si par­chi e ri­ser­ve afri­ca­ne do­ve l’ar­ri­vo di uno qual­sia­si dei Big Fi­ve (ele­fan­te, leo­ne, leo­par­do, ri­no­ce­ron­te e bu­fa­lo; quan­do si ag­giun­ge la ba­le­na co­me in Su­da­fri­ca o in Na­mi­bia di­ven­ta­no i Big Six) è sa­lu­ta­to da sgom­ma­te di vei­co­li, an­che de­ci­ne l’in­gor­go si chia­ma elephant jam, lion jam, leo­pard jam e co­sì via che cor­ro­no a met­ter­si in scia con obiet­ti­vi da mez­zo me­tro ai fi­ne­stri­ni. Sia­mo in un luo­go com­ple­ta­men­te di­ver­so: Hwan­ge Na­tio­nal Park, il più gran­de del­lo Zim­ba­b­we (14.650 km qua­dra­ti), nell’an­go­lo Nord Ove­st del Pae­se. Hwan­ge, re­mo­to ma vi­ci­no all’ae­ro­por­to in­ter­na­zio­na­le di Vic­to­ria Falls, po­treb­be es­se­re la me­ta­fo­ra di tut­to il Pae­se, e di­ven­te­rà cer­ta­men­te fa­mo­so. Di una bel­lez­za e ric­chez­za na­tu­ra­le strug­gen­ti, po­po­la­to da po­che per­so­ne e 100 spe­cie di ani­ma­li, 400 di uc­cel­li e, so­prat­tut­to, dal­la più gran­de con­cen­tra­zio­ne di ele­fan­ti del mon­do: ol­tre 35 mi­la. An­che al­le Ca­sca­te Vic­to­ria è tut­to un ele­fan­te, ma non so­lo. Ip­po­po­ta­mi in ac­qua, bar­che sul­lo Zam­be­si (sem­bra pla­ci­do, ma non è il la­go di Gar­da e la vi­ta ani­ma­le ab­bon­da, ka­yak ri­ser­va­to agli in­tre­pi­di). Su tut­to, il rom­bo in­ces­san­te del­la ca­sca­ta. Do­po aver in­cro­cia­to un eso­do di bab­bui­ni vi­si­bil­men­te mol­to tri­sti (per un fu­ne­ra­le, i bab­bui­ni, sco­pria­mo, ce­le­bra­no lut­ti e fe­sti­vi­tà in mo­do mol­to si­mi­le al no­stro), cor­ria­mo in una mis­sio­ne not­tur­na nel­la gran­de ri­ser­va del Ma­te­tsi Ri­ver Lod­ge al­la ri­cer­ca di un leo­par­do av­vi­sta­to, che for­se non c’è e poi ap­pa­re pro­prio ac­can­to, nel­la not­te il­lu­mi­na­ta dal­le fo­toe­let­tri­che co­me un gros­so gat­to che fiu­ta la cac­cia. A que­sto pun­to tut­ti noi gior­na­li­sti ci in­for­mia­mo con i Ma­vros sul prez­zo di que­sti viag­gi in un Pae­se che non c’era e che sta tor­nan­do gra­zie al­la sua na­tu­ra e al­la sua gen­te fi­du­cio­sa. Com­pre­si i vo­li e tut­to fi­no all’ul­ti­mo gin to­nic con vi­sta leo­ne e ae­ro­pla­ni­ni va­ri, co­me si usa nei sa­fa­ri, per una set­ti­ma­na si spen­do­no cir­ca 5 mi­la eu­ro. In­ve­sti­men­to per la fab­bri­ca di ri­cor­di per­so­na­le as­si­cu­ra­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.