Le fan­ta­sti­che quat­tro

Un mar­chio di oro­lo­ge­ria ra­du­na a Shan­ghai le su­per am­bas­sa­dor Ni­co­le Kid­man, Cin­dy Cra­w­ford, Ales­san­dra Am­bro­sio e Liu Shi­shi. Con una pa­ro­la d’or­di­ne: con­ti­nui­tà

Vanity Fair (Italy) - - Style - di CRI­STI­NA MAN­FRE­DI

Shan­ghai, Pa­di­glio­ne Ex­po-I. Du­ran­te una se­ra­ta di ga­la, sul pal­co sa­le un uo­mo ele­gan­te ed emo­zio­na­to per­ché chia­ma a sé quat­tro don­ne di quel­le che fan­no ve­ni­re i bri­vi­di. Le si­gno­re in que­stio­ne so­no Ni­co­le Kid­man, Cin­dy Cra­w­ford, Ales­san­dra Am­bro­sio e Liu Shi­shi, men­tre lui è Ray­nald Ae­schli­mann, pre­si­den­te e ceo di Ome­ga, il brand sviz­ze­ro di oro­lo­ge­ria che ha riu­ni­to quat­tro sue am­bas­sa­dor per la pre­sen­ta­zio­ne del­la nuo­va col­le­zio­ne Con­stel­la­tion Ma­n­hat­tan, lan­cia­ta per la pri­ma vol­ta nel 1982. In tem­pi di in­fluen­cer che im­paz­za­no sui so­cial me­dia con fol­lo­wer a pro­fu­sio­ne, ver­reb­be da ipo­tiz­za­re il tra­mon­to dei te­sti­mo­nial nell’ac­ce­zio­ne più clas­si­ca, ov­ve­ro fi­gu­re che si as­so­cia­no a un mar­chio, di­ven­tan­do­ne un vol­to che li ac­com­pa­gna nel tem­po. Ma a giu­di­ca­re dal gra­do di fi­bril­la­zio­ne di tut­ti i pre­sen­ti in sa­la, for­se le co­se non stan­no pro­prio co­sì. A Shan­ghai, sim­bo­lo di uno svi­lup­po elet­triz­zan­te, emer­ge una ri­cer­ca di con­ti­nui­tà e coe­ren­za, co­me se, do­po es­ser­si ine­bria­to con la cul­tu­ra del li­ke, il pub­bli­co stes­se ri­co­min­cian­do a de­si­de­ra­re an­che sti­mo­li più ra­di­ca­ti. Ve­de­re che un per­so­nag­gio co­me Ni­co­le Kid­man si le­ga a un brand per co­sì tan­to tem­po, tra­smet­te si­gni­fi­ca­ti al di là di con­trat­ti e com­pen­si. C’è un che di ras­si­cu­ran­te nel ri­tro­va­re an­co­ra Cin­dy Cra­w­ford, lei che or­mai più di vent’an­ni fa era sta­ta pro­ta­go­ni­sta di un ser­vi­zio con Ome­ga, scat­ta­to da Herb Ritts, per poi tra­sfor­mar­si in ve­ra e pro­pria am­ba­scia­tri­ce del brand. E que­sta sen­sa­zio­ne con­for­tan­te va­le per la au­dien­ce in­ter­na­zio­na­le, co­me per le ce­le­bri­ty. «Cre­do nel­la lon­ge­vi­tà e nel­la leal­tà dei rap­por­ti con le mai­son a cui scel­go di le­gar­mi», spie­ga Ni­co­le Kid­man, a cui fa eco Cra­w­ford, che nel­le ul­ti­me cam­pa­gne ha con­di­vi­so la sce­na con i fi­gli Ka­ia e Pre­sley Ger­ber, a lo­ro vol­ta di­ven­ta­ti vol­ti uf­fi­cia­li del brand: «Mi pia­ce l’idea che die­tro al mio ruo­lo per Ome­ga ci sia una sto­ria di va­lo­ri con­di­vi­si che si è evo­lu­ta nel tem­po e che ora tra­smet­to ai miei ra­gaz­zi, co­me una spe­cie di ere­di­tà». In un’epo­ca che tut­to di­vo­ra, cre­sce la vo­glia di sta­bi­li­tà.

«Cre­do nel­la lon­ge­vi­tà e nel­la leal­tà dei rap­por­ti con le mai­son a cui scel­go di le­gar­mi»

Ome­ga ha por­ta­to nel­la me­ga­lo­po­li ci­ne­se Liu Shi­shi, Ales­san­dra Am­bro­sio, Cin­dy Cra­w­ford e Ni­co­le Kid­man per pre­sen­ta­re il re­sty­ling de­gli ico­ni­ci se­gna­tem­po Con­stel­la­tion, tra i più ama­ti dal­le don­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.