LA MIA BUO­NA STEL­LA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Protagonisti - di LYNN HIRSCHBERG fo­to INEZ & VINOODH ser­vi­zio SA­RA MOONVES

Era­no an­ni che pro­va­va quel «bri­vi­do». Ma pri­ma non si sen­ti­va pron­to ad af­fron­tar­lo, poi gli ami­ci han­no cer­ca­to di dis­sua­der­lo. Al­la fi­ne si è de­ci­so: era ar­ri­va­to il tem­po di de­but­ta­re co­me re­gi­sta. E do­po le pol­pet­te e un duet­to, ha ca­pi­to an­che qual era la sto­ria (e la com­pa­gna) giu­sta

PP­ri­ma di scrit­tu­rar­la nel­la sua emo­zio­nan­te ver­sio­ne di È na­ta una stel­la, Brad­ley Coo­per sa­pe­va so­lo va­ga­men­te chi fos­se La­dy Ga­ga. «Non la co­no­sce­vo be­ne», mi spie­ga una mat­ti­na in un ri­sto­ran­te di Ma­n­hat­tan. Jeans e fel­pa na­vy, l’at­to­re è già ca­ri­co di ener­gie ben pri­ma che ar­ri­vi il caf­fè: è un ti­po mat­ti­nie­ro e al­le 8.30 è in pie­di da ore. Re­cen­te­men­te si è tra­sfe­ri­to – con la com­pa­gna di lun­ga da­ta, la mo­del­la Iri­na Shayk, e la fi­glia Lea, che in mar­zo com­pi­rà due an­ni – da Los An­ge­les a New York, e per gior­ni è ri­ma­sto in­col­la­to al­la scri­va­nia per pro­gram­ma­re tut­ti gli im­pe­gni in cit­tà. Co­no­sco Brad­ley Coo­per dai tem­pi del­la sua no­mi­na­tion agli Oscar co­me mi­glior at­to­re pro­ta­go­ni­sta per il film Il la­to po­si­ti­vo - Sil­ver Li­nings Play­book del 2012: ha sem­pre avu­to un en­tu­sia­smo con­ta­gio­so, che fa qua­si te­ne­rez­za, per tut­ti gli aspet­ti del­la sua pro­fes­sio­ne. Ma que­sta mat­ti­na si av­ver­te un li­vel­lo di­ver­so di coin­vol­gi­men­to. Coo­per non so­lo ha di­ret­to A Star Is Born, ma è sta­to an­che co­sce­neg­gia­to­re, ha scrit­to mol­te can­zo­ni del film e ha vi­gi­la­to su ogni det­ta­glio del­la pro­du­zio­ne. Ha per­fi­no im­pa­ra­to a can­ta­re e a par­la­re co­me una star del­la mu­si­ca coun­try-rock, ab­bas­san­do il suo re­gi­stro vo­ca­le di un’ot­ta­va per­ché la vo­ce suo­nas­se più ru­vi­da e ro­ca. Sin dall’ini­zio del­la car­rie­ra da at­to­re pro­fes­sio­ni­sta, Brad­ley è sta­to af­fa­sci­na­to non so­lo dal per­so­nag­gio che di vol­ta in vol­ta si tro­va­va a in­ter­pre­ta­re ma an­che da tut­to il re­sto, e nel film si per­ce­pi­sce che i suoi so­gni si so­no fi­nal­men­te av­ve­ra­ti. Il suo pri­mo gran­de suc­ces­so è del 2001, quan­do in­ter­pre­ta il ruo­lo dell’ami­co «ca­ri­no» nel­la se­rie Alias. Sul set, quan­do non re­ci­ta­va, pas­sa­va il tem­po in sa­la di mon­tag­gio ed esa­mi­na­va os­ses­si­va­men­te le di­ver­se per­for­man­ce, co­sì co­me le lu­ci e le ri­pre­se. «Ero af­fa­sci­na­to da tut­to ciò che ri­guar­da­va il ci­ne­ma, ero quel­lo che fa­ce­va con­ti­nua­men­te do­man­de. Per me il bri­vi­do non ve­ni­va so­lo dal­la re­ci­ta­zio­ne», mi spie­ga. Il che ci ri­por­ta a La­dy Ga­ga o, co­me la chia­ma lui, Ste­fa­ni (il suo no­me com­ple­to è Ste­fa­ni Ger­ma­not­ta). «Ero con mia ma­dre a un even­to be­ne­fi­co de­di­ca­to al­la lot­ta con­tro il can­cro», ri­cor­da. «Non co­no­sce­vo la mu­si­ca di La­dy Ga­ga. Ave­va­no an­nun­cia­to che ci sa­reb­be sta­to un ospi­te mu­si­ca­le a sor­pre­sa e poi Ste­fa­ni è ap­par­sa sul pal­co con i ca­pel­li ti­ra­ti in­die­tro e ha can­ta­to La vie en ro­se. So­no ri­ma­sto ra­pi­to». Lui non l’ha vi­sta co­me una ce­le­bri­tà mon­dia­le, ma co­me una don­na sem­pli­ce, e im­me­dia­ta­men­te se l’è im­ma­gi­na­ta co­me pro­ta­go­ni­sta del film. «Il gior­no do­po ho chia­ma­to il suo agen­te e gli ho chie­sto: pos­so an­da­re su­bi­to a ca­sa sua per in­con­trar­la? Ho gui­da­to fi­no a Ma­li­bu e ci sia­mo se­du­ti sul por­ti­co, poi mi ri­cor­do so­lo che ab­bia­mo man­gia­to spa­ghet­ti con le pol­pet­te e che le ho chie­sto: pos­sia­mo can­ta­re una can­zo­ne in­sie­me?». Ti­ra fuo­ri il te­le­fo­no. «Ho un vi­deo di noi due men­tre ese­guia­mo la can­zo­ne. Ci era­va­mo ap­pun­to ap­pe­na in­con­tra­ti. Le ho chie­sto se co­no­sces­se The Mid­night Special e mi ha det­to di no. Ma ab­bia­mo sca­ri­ca­to lo spar­ti­to e mi so­no se­du­to al pia­no­for­te ac­can­to a lei». Il vi­deo è ma­gi­co: quan­do ini­zia­no a can­ta­re, lui ap­pa­re ner­vo­so e Ga­ga, con i ca­pel­li bion­do pla­ti­no, sem­bra si­cu­ra ma al­lo stes­so tem­po cau­ta. Do­po il pri­mo ver­so, lei si fer­ma e lo fis­sa: «Qual­cu­no ti ha mai sen­ti­to can­ta­re?». Il fat­to che Ste­fa­ni ri­co­no­sca il suo ta­len­to na­tu­ra­le sem­bra in­co­rag­giar­lo. Ini­zia­no ad ar­mo­niz­za­re il ri­tor­nel­lo e al­la fi­ne del­la can­zo­ne Ga­ga lo ha tra­sfor­ma­to in un in­no blues al­la Ja­nis Jo­plin. Brad­ley guar­da lo scher­mo: «In quel

«NON ERO MAI VI­STO CO­ME IL TI­PO GIU­STO PER FA­RE L’AT­TO­RE PRIN­CI­PA­LE»

mo­men­to ero co­sì fe­li­ce. Le mie ori­gi­ni so­no ita­lia­ne, pro­prio co­me le sue. Ci sia­mo im­me­dia­ta­men­te sen­ti­ti a no­stro agio. Ab­bia­mo stret­to una sor­ta di pat­to: io avrei cre­du­to in lei co­me at­tri­ce e lei avreb­be cre­du­to in me co­me mu­si­ci­sta. Ave­vo bi­so­gno di plu­to­nio. E il plu­to­nio in A Star Is Born è la vo­ce di Ste­fa­ni».

Era già mol­to tem­po che Coo­per pro­get­ta­va A Star Is Born. Clint Ea­st­wood gli ave­va sug­ge­ri­to di re­ci­ta­re in un suo re­ma­ke che sta­va pro­get­tan­do. «Ma que­sto suc­ce­de­va cin­que an­ni fa: io ne ave­vo 38 e sen­ti­vo di es­se­re trop­po gio­va­ne per la par­te. Far fin­ta di aver vis­su­to più di quan­to ave­vo fat­to non avreb­be fun­zio­na­to. Di­re no a Ea­st­wood è sta­ta la co­sa più dif­fi­ci­le che ab­bia mai fat­to. Ave­vo in­via­to re­gi­stra­zio­ni per ogni suo film. Era il mio eroe!». Nel 2014, Clint e Brad­ley han­no la­vo­ra­to in­sie­me in Ame­ri­can Sni­per, che ha pro­cu­ra­to a Coo­per la pri­ma di (fi­no­ra) tre no­mi­na­tion agli Oscar, e in feb­bra­io li ri­tro­ve­re­mo in­sie­me nel nuo­vo Il cor­rie­re - The Mu­le, di­ret­to e in­ter­pre­ta­to da Ea­st­wood. Du­ran­te la pro­mo­zio­ne di Ame­ri­can Sni­per, Ea­st­wood e Coo­per par­te­ci­pa­ro­no a un even­to al­lo Cha­teau Mar­mont Ho­tel, a Los An­ge­les, do­ve An­nie Len­nox si sta­va esi­ben­do in I Put a Spell on You. L’at­to­re ri­ma­se ip­no­tiz­za­to. «Men­tre cantava, le ho vi­sto pul­sa­re le ve­ne sul col­lo e ho det­to a Clint: fac­cia­mo È na­ta una stel­la. Ma lui ri­spo­se: “Quel­la na­ve è già sal­pa­ta”. La se­ra an­dai a let­to im­ma­gi­nan­do nel­la mia te­sta l’in­te­ro ini­zio del film». Fra il 2014 e il 2015 Brad­ley in­ter­pre­ta The Ele­phant Man a Broad­way e a Lon­dra per mol­ti me­si. Era sta­to l’adat­ta­men­to ci­ne­ma­to­gra­fi­co di quel­la piè­ce a spin­ger­lo a re­ci­ta­re, quan­do era un ra­gaz­zo: «Ave­vo vi­sto il film a 12 an­ni, quel­la sto­ria mi ha cam­bia­to, mi ha la­scia­to un se­gno in­de­le­bi­le. È sta­to il mo­men­to in cui ho pen­sa­to con­sa­pe­vol­men­te: vo­glio fa­re que­sto la­vo­ro». Fi­ni­te le re­ci­te, Coo­per ca­pì di es­se­re pron­to a re­ci­ta­re nei panni di Jack­son Mai­ne, star in­ter­na­zio­na­le del­la mu­si­ca rock-coun­try, al­co­liz­za­to e ca­ri­sma­ti­co. Nel­le pri­me ver­sio­ni di A Star Is Born, il per­so­nag­gio ma­schi­le è fa­mo­so ma sfor­tu­na­to a cau­sa del­la sua di­pen­den­za e del suo com­por­ta­men­to spe­ri­co­la­to. Brad­ley ha vo­lu­to mo­di­fi­ca­re la sto­ria: «Non mi in­te­res­sa­va rac­con­ta­re un uo­mo in­vi­dio­so di qual­cun al­tro che di­ven­ta fa­mo­so. Mi pia­ce­va l’idea di un ve­ro amo­re, due per­so­ne di­ver­se ma en­tram­be con qual­co­sa di rot­to, che si tro­va­no, ma che in real­tà non pos­so­no es­se­re ag­giu­sta­te». Per in­ter­pre­ta­re Mai­ne e coor­di­na­re tut­ti gli aspet­ti del­la pro­du­zio­ne, l’at­to­re e re­gi­sta ha al­le­sti­to per sei me­si una sor­ta di boot camp nel­la sua ca­sa di Los An­ge­les. Da bam­bi­no, suo­na­va il con­trab­bas­so («a cau­sa del car­to­ne di Tom e Jer­ry, do­ve il gat­to suo­na­va il con­trab­bas­so e sem­bra­va co­sì fi­co»), ma ha do­vu­to im­pa­ra­re la chi­tar­ra e il pia­no­for­te, e a can­ta­re co­me un pro­fes­sio­ni­sta. «Ogni gior­no mi sve­glia­vo e mi al­le­na­vo, poi due ore di le­zio­ne di chi­tar­ra e due ore di pia­no­for­te. Pran­zo. Poi Lu­kas Nel­son, il mio col­la­bo­ra­to­re, ar­ri­va­va e pas­sa­va­mo un’ora e mez­za a com­por­re mu­si­ca. Il re­sto del­la gior­na­ta scri­ve­vo la sce­neg­gia­tu­ra. Iri­na era in­cin­ta, era tut­to per­fet­to. Lea è na­ta una set­ti­ma­na pri­ma dell’ini­zio del­le ri­pre­se». La pro­du­zio­ne è ini­zia­ta al Coa­chel­la Mu­sic Fe­sti­val. Seb­be­ne La­dy Ga­ga fos­se la head­li­ner del con­cer­to, è riu­sci­ta co­mun­que a gi­ra­re. Coo­per si è an­che esi­bi­to in un duet­to li­ve con lei. «All’ini­zio ero ter­ro­riz­za­to. Quan­do sei sul pal­co di fron­te a 30 mi­la per­so­ne ti di­men­ti­chi tut­to. Qua­si non riu­sci­vo a re­spi­ra­re. Ma quan­do ho guar­da­to Ste­fa­ni mi so­no ri­las­sa­to: la sua fi­du­cia in me co­me mu­si­ci­sta mi ha da­to co­rag­gio». Cre­sciu­to nel­la pe­ri­fe­ria di Phi­la­del­phia, Coo­per nu­tri­va una gran­de am­mi­ra­zio­ne per il pa­dre, un me­dia­to­re fi­nan­zia­rio scom­par­so nel 2011, di cui por­ta al col­lo la fe­de nuziale, le­ga­ta con una ca­te­ni­na: «Vo­le­vo es­se­re co­me lui, a 8 an­ni an­da­vo a scuo­la in­dos­san­do com­ple­ti e por­ta­vo con me una ven­ti­quat­tro­re», mi di­ce. Ades­so si pre­pa­ra a rea­liz­za­re un nuo­vo pro­get­to co­me re­gi­sta e sce­neg­gia­to­re: un bio­pic sul com­po­si­to­re e di­ret­to­re d’or­che­stra Leo­nard Bern­stein. Ed è chia­ro che in fu­tu­ro fa­re l’at­to­re non gli ba­ste­rà. «Ho sem­pre pen­sa­to di ave­re sei per­so­nag­gi den­tro di me e ne ho già in­ter­pre­ta­ti al­cu­ni: so­no sta­to un sol­da­to in Ame­ri­can Sni­per, un mu­si­ci­sta in A Star Is Born, uno chef nel Sa­po­re del suc­ces­so e un uo­mo de­for­me in The Ele­phant Man. Vo­glio an­co­ra re­ci­ta­re la par­te di un di­ret­to­re d’or­che­stra. E poi chis­sà?». Fa una pau­sa. «So­no sem­pre sta­to uno svan­tag­gia­to, non ero mai vi­sto co­me il ti­po giu­sto per es­se­re l’at­to­re prin­ci­pa­le». Gli di­co che do­po A Star Is Born è im­pos­si­bi­le sot­to­va­lu­tar­lo. Ab­boz­za un sor­ri­so: «For­se. Ma chis­sà. L’ho sen­ti­to di­re per tut­ta la mia car­rie­ra. Agli ini­zi non riu­sci­vo mai a ot­te­ne­re la par­te per­ché di­ce­va­no che non ave­vo ab­ba­stan­za sex ap­peal». Un’al­tra pau­sa. «Al­la fi­ne, de­vi con­cen­trar­ti sul la­vo­ro e non ascol­ta­re nes­su­no. Le per­so­ne cui vo­glio be­ne e che mi vo­glio­no be­ne mi han­no det­to di non di­ri­ge­re È na­ta una stel­la, che sa­reb­be sta­to trop­po dif­fi­ci­le e avrei do­vu­to co­min­cia­re con qual­co­sa di più fa­ci­le. For­tu­na­ta­men­te non li ho ascol­ta­ti. Ho ama­to il fat­to che sia sta­to dav­ve­ro dif­fi­ci­le rea­liz­za­re que­sto film. Al­tri­men­ti, non avreb­be lo stes­so va­lo­re. E que­sto è sta­to sem­pre il mio obiet­ti­vo: rea­liz­za­re qual­co­sa, non im­por­ta quan­to im­pe­gna­ti­vo, che sa­reb­be sta­to ri­cor­da­to».

«ERA IL NO­STRO PAT­TO: IO AVREI CRE­DU­TO IN LEI CO­ME AT­TRI­CE,

LEI IN ME CO­ME MU­SI­CI­STA»

DO­PO GA­GA, CLINT Brad­ley Coo­per, 44 an­ni il 5 gen­na­io, è re­gi­sta e pro­ta­go­ni­sta di A Star Is Born, che ha ri­ce­vu­to 5 no­mi­na­tion ai Gol­den Glo­be del 6 gen­na­io. L’at­to­re tor­na an­che a re­ci­ta­re con Clint Ea­st­wood nel film Il cor­rie­re - The Mu­le, che usci­rà il 7 feb­bra­io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.