LA VI­TA FLUI­DA

Vanity Fair (Italy) - - Cover Story - di PAO­LA JACOBBI fo­to CAR­TER SMI­TH ser­vi­zio SA­RAH GRITTINI

Si de­fi­ni­sce in bi­li­co fra ie­ri e og­gi, «co­me se aves­si tut­te le età in con­tem­po­ra­nea». E se del pas­sa­to (quel­lo vis­su­to dal­la non­na e dal­la mamma at­tri­ci) rim­pian­ge la pri­va­cy, del pre­sen­te ap­prez­za so­prat­tut­to una co­sa: pren­der­si più ri­schi e più re­spon­sa­bi­li­tà

MMe­la­nie Grif­fi­th ha fat­to una ca­pa­ti­na sul set di que­sto ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co pre­sen­tan­do­si con un sor­ri­so: «So­no la mamma di Da­ko­ta». Pri­ma o poi suc­ce­de, non a tut­ti, ma suc­ce­de. Il fi­glio d’ar­te di­ven­ta co­sì fa­mo­so che so­no i pa­dri e le ma­dri a de­fi­nir­si «ge­ni­to­re di». È il mo­men­to, di so­li­to, in cui scom­pa­io­no le ac­cu­se di ne­po­ti­smo per­ché si­gni­fi­ca che, a quel pun­to, il fi­glio o la fi­glia d’ar­te han­no di­mo­stra­to di es­se­re qual­cu­no ol­tre il co­gno­me che por­ta­no. Suc­ces­se a Mi­chael Dou­glas, pre­mio Oscar co­me pro­dut­to­re del film Qual­cu­no vo­lò sul ni­do del cu­cu­lo. Quel gior­no smi­se di es­se­re il fi­glio di Kirk Dou­glas, di­vo di un ven­ten­nio di ci­ne­ma, e Kirk di­ven­ne il pa­pà di Mi­chael. Co­me Dou­glas, Da­ko­ta John­son fa par­te dell’ari­sto­cra­zia di Hol­ly­wood, i cui quar­ti di no­bil­tà non si mi­su­ra­no in ti­to­li no­bi­lia­ri ma in ti­to­li di te­sta. Sua non­na è Tip­pi He­dren, pro­ta­go­ni­sta de­gli Uc­cel­li di Al­fred Hit­ch­cock, la ma­dre è Me­la­nie Grif­fi­th, il pa­dre è Don John­son, il pa­tri­gno An­to­nio Ban­de­ras. Da­ko­ta sten­de le lun­ghe gam­be su uno stra­no di­va­no ro­ton­do che oc­cu­pa il sa­lo­ne del­la villa sul­le col­li­ne so­pra Los An­ge­les, do­ve ci in­con­tria­mo. Ha l’aria di­strat­ta, si­bil­li­na o for­se un po’ scoc­cia­ta, è il fe­ni­cot­te­ro più ro­sa di quel­la sa­va­na che chia­ma­no Hol­ly­wood. Ri­pe­te ogni do­man­da che le fac­cio, pri­ma di ri­spon­de­re. For­se vuo­le pe­sa­re le pa­ro­le, for­se vuo­le pren­de­re tem­po ed evi­ta­re al­tre do­man­de, che con­si­de­ra sco­mo­de. Dall’in­ter­vi­sta so­no esclu­si a prio­ri ri­fe­ri­men­ti ai film trat­ti da Cin­quan­ta sfu­ma­tu­re che l’han­no re­sa po­po­la­re (i tre ti­to­li del­la se­rie han­no in­cas­sa­to nel mon­do un mi­liar­do di dol­la­ri!) e a Ch­ris Mar­tin, front­man dei Cold­play, ex ma­ri­to di Gw­y­ne­th Pal­trow, og­gi fi­dan­za­to di Da­ko­ta e, chis­sà, fu­tu­ro ma­ri­to. Pro­ta­go­ni­sta di Su­spi­ria di Lu­ca Gua­da­gni­no, in usci­ta il 1° gen­na­io, te­sti­mo­nial del­le tre fra­gran­ze Guc­ci Bloom, a 29 an­ni Da­ko­ta, die­tro l’aria ap­pa­ren­te­men­te va­ga, sem­bra ave­re idee chia­ris­si­me sul fu­tu­ro. Ha ini­zia­to a pro­dur­si da so­la i suoi pro­get­ti. Uno di que­sti (ma de­ve an­co­ra ini­zia­re a gi­ra­re) è Queens of the Sto­ned Age, che rac­con­ta la sto­ria ve­ra, trat­ta da un re­por­ta­ge di GQ Ame­ri­ca, del­le Green An­gels, un grup­po di spac­cia­tri­ci di ma­ri­jua­na go­ver­na­te da una splen­di­da mo­del­la e al ser­vi­zio di star del­la mu­si­ca e del­lo spet­ta­co­lo. Lei è mol­to po­po­la­re tra i coe­ta­nei ma se do­ves­se spie­ga­re qua­li so­no i trat­ti che distinguono la sua ge­ne­ra­zio­ne, che co­sa di­reb­be? «Non sen­to di ap­par­te­ne­re al­la mia ge­ne­ra­zio­ne, è co­me se aves­si tut­te le età in con­tem­po­ra­nea. So­no vec­chia e gio­va­ne, più gio­va­ne e più vec­chia, oscil­lo tra que­ste due co­se con­ti­nua­men­te». In­si­sto. La mu­si­ca ser­ve spes­so a de­fi­ni­re una ge­ne­ra­zio­ne. Lei che co­sa ascol­ta? «So­no una nerd mu­si­ca­le. Ascol­to tut­to. Ul­ti­ma­men­te Gra­ce Slick, sta­mat­ti­na Phi­lip Glass. Tra le co­se nuo­ve mi piac­cio­no Ja­mes Bla­ke e l’ul­ti­mo dei Nails. Ve­de, sto sem­pre tra vec­chio e nuo­vo. Tut­to un po’ flui­do, sen­za di­vi­sio­ni net­te, co­me le di­ce­vo». Quan­do ha ini­zia­to, con un pic­co­lo ruo­lo in The So­cial Net­work, do­ve abi­ta­va e che co­sa si aspet­ta­va da que­sto la­vo­ro? «Abi­ta­vo con il mio ra­gaz­zo di al­lo­ra e vo­le­vo l’in­di­pen­den­za eco­no­mi­ca. Gua­da­gna­re fa­cen­do ci­ne­ma». Obiet­ti­vo am­pia­men­te rag­giun­to. E poi, che co­sa vuo­le dal fu­tu­ro? «Un nu­me­ro al­tis­si­mo di film mol­to bel­li, sen­za bi­so­gno di scen­de­re a com­pro­mes­si». Qua­li com­pro­mes­si? «Spes­so per po­ter fa­re film in­di­pen­den­ti e di qua­li­tà è ne­ces­sa­rio gi­ra­re film com­mer­cia­li». Che, ma­ga­ri, non le in­te­res­sa­no? «Non ho det­to que­sto. Amo tut­ti i film che ho fat­to. Ma ho sco­per­to che, se hai una cer­ta po­po­la­ri­tà, puoi pren­der­ti più tem­po tra un pro­get­to e l’al­tro». Qual era il mi­glior aspet­to dell’es­se­re at­tri­ce ai tem­pi di sua non­na? «Al­lo­ra gli stu­dios in­ve­sti­va­no su di te, ti pa­ga­va­no le­zio­ni di pia­no­for­te e dan­za, ti se­gui­va­no e so­ste­ne­va­no. Pen­sa­va­no lo­ro al­la stra­te­gia, nel be­ne e nel ma­le. Ma il van­tag­gio più gran­de è che non esi­ste­va­no i so­cial me­dia e le at­tri­ci po­te­va­no re­sta­re crea­tu­re mi­ste­rio­se e pro­teg­ge­re la lo­ro pri­va­cy, non co­me ades­so. Io sto sui so­cial me­dia in mo­do mol­to pas­si­vo. Leg­go tut­to, se­guo tut­to, ma non po­sto mai nien­te. Li uso per in­for­mar­mi, ma non ne fac­cio par­te per­ché non vo­glio pub­bli­ciz­za­re la mia vi­ta». Ci sa­rà pu­re qual­che van­tag­gio, ades­so, ri­spet­to ai tem­pi di sua non­na, o an­che so­lo di sua ma­dre. «Sì, c’è. Og­gi le at­tri­ci pos­so­no ave­re più con­trol­lo sul­le lo­ro car­rie­re. Pos­sia­mo pro­dur­re, co­me sto fa­cen­do io. O scri­ve­re. O

di­ven­ta­re re­gi­ste. Pren­der­ci più ri­schi e più re­spon­sa­bi­li­tà. Tut­te co­se in pas­sa­to mol­to dif­fi­ci­li». Pen­sa che il #MeToo ab­bia cam­bia­to, stia cam­bian­do qual­co­sa? «Cer­ti uo­mi­ni ci pen­se­ran­no due vol­te pri­ma di com­por­tar­si ma­le. Ma il #MeToo non ri­guar­da so­lo le mo­le­stie e non ri­guar­da so­lo Hol­ly­wood. Don­ne di ogni set­to­re pro­dut­ti­vo stan­no con­di­vi­den­do un sen­ti­men­to nuo­vo, non si la­scia­no sco­rag­gia­re al­la pri­ma dif­fi­col­tà. Tut­te, cre­do, ci sen­tia­mo un po’ più for­ti». Su­spi­ria è il re­ma­ke di un hor­ror fa­mo­so ma è an­che un po’ una me­ta­fo­ra del­la po­ten­za del­la fem­mi­ni­li­tà. Co­me si è sen­ti­ta a gi­ra­re que­sto film? «Be­nis­si­mo. So­prat­tut­to per­ché con Lu­ca Gua­da­gni­no la­vo­ro sem­pre be­ne (il re­gi­sta ave­va già di­ret­to Da­ko­ta in A Big­ger Spla­sh, ndr), la no­stra è un’ami­ci­zia, una col­la­bo­ra­zio­ne ar­ti­sti­ca, un so­da­li­zio spe­cia­le. Ho im­pa­ra­to più co­se nei due film con Lu­ca che in mol­tis­si­mi al­tri». Le è mai ca­pi­ta­to di non ama­re un per­so­nag­gio che de­ve in­ter­pre­ta­re e di sfor­zar­si di far­se­lo pia­ce­re? «Non è un pro­ble­ma che mi pon­go. Ho den­tro di me mol­te don­ne di­ver­se e, a se­con­da del film, le va­do a cer­ca­re. La crea­ti­vi­tà è un pro­ces­so stra­no, vie­ne a on­da­te, non si sa che co­sa pos­sa di­strug­ger­la o ispi­rar­la, ogni vol­ta è di­ver­so». E, nel­la vi­ta ve­ra, in qua­li mo­men­ti si sen­te più a suo agio? Im­ma­gi­no non nel­le in­ter­vi­ste. «Im­ma­gi­na be­ne (ri­de per un na­no­se­con­do). Pre­fe­ri­sco guar­da­re un film, leg­ge­re un li­bro, sta­re con gli ami­ci». Quin­di pre­su­mo che non le piac­cia nem­me­no sta­re su un red car­pet con ad­dos­so gli sguar­di di tut­ti. «A lei pia­ce­reb­be?». Non cre­do, ma io non so­no un’at­tri­ce. «Ec­co il pun­to. Pen­sa che un’at­tri­ce non ab­bia sen­ti­men­ti? Tut­ti ad­dos­so, le lu­ci spa­ra­te, gen­te che ur­la, l’idea che il gior­no do­po ti fa­ran­no a pez­zi per­ché non è pia­ciu­ta la tua pet­ti­na­tu­ra o il tuo ve­sti­to: co­me si fa a non es­se­re a di­sa­gio? È tre­men­do ep­pu­re an­che splen­di­do, per­ché è una si­tua­zio­ne mol­to for­tu­na­ta. Ma io mi sen­to sem­pre un po’ scis­sa, an­che lì».

GRAN RI­TOR­NO DA PAU­RA Da­ko­ta John­son, 29 an­ni, pro­ta­go­ni­sta di Su­spi­ria, re­gia di Lu­ca Gua­da­gni­no, al ci­ne­ma dal 1° gen­na­io.

In que­sta pa­gi­na: abi­to, Ale­xan­der McQueen. Nel­le al­tre pa­gi­ne del ser­vi­zio: abi­ti e gioielli, Guc­ci. Han­no col­la­bo­ra­to Mar­ti­na An­ti­no­ri e Sha­ron Chi­trit. Make-up Mé­la­nie In­gles­[email protected]­ward Ar­tists. Hair Mark To­wn­send for Do­ve Hair Ca­[email protected]­works Ar­tists. Ma­ni­cu­re Ashlie John­son for Cha­[email protected] Wall Group. Pro­duc­tion View­fin­ders.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.