UN GRAN­DE AMO­RE PER OGNI VI­TA

Vanity Fair (Italy) - - Vf Social - — C. Ca­ro Mas­si­mo,

Ho 30 an­ni, il la­vo­ro è la mia pas­sio­ne e ho mol­ti ami­ci. Piac­cio al­le ra­gaz­ze e non ho pro­ble­mi a di­ver­tir­mi, ma lo fac­cio più per non pen­sa­re trop­po all’uni­ca per­so­na con cui vor­rei sta­re, la mia ex, che mi ha la­scia­to due an­ni fa. Lei è sta­ta ed è il mio gran­de amo­re, e nes­sun’al­tra nean­che lon­ta­na­men­te mi fa sen­ti­re co­me quan­do sta­va­mo in­sie­me. Sa­pe­va ren­der­mi fe­li­ce, tran­quil­lo, com­ple­to, un suo sguar­do com­pli­ce ba­sta­va a ras­se­re­nar­mi. Lei era la mia fa­mi­glia, il mio mon­do, quan­do la mia ma­no strin­ge­va la sua mi sen­ti­vo a ca­sa. Due an­ni e mez­zo fa so­no do­vu­to an­da­re all’este­ro per la­vo­ro: un’as­sen­za di sei me­si. Lei do­ve­va fi­ni­re la sua te­si di lau­rea, non po­te­va ac­com­pa­gnar­mi. Ma sta­va­mo in­sie­me già da 4 an­ni e il no­stro amo­re era for­te. Quan­do so­no tor­na­to a ca­sa non sta­vo più nel­la pel­le per la fe­li­ci­tà di ri­ve­der­la, e in­ve­ce lei mi ha la­scia­to. Si era in­na­mo­ra­ta di un suo com­pa­gno di cor­so, nep­pu­re si spie­ga­va co­me fos­se ac­ca­du­to, ma non vo­le­va men­tir­mi. Mi vo­le­va be­ne, ma ama­va lui. Una par­te di me è mor­ta quel gior­no. Tut­ti gli ami­ci mi di­ce­va­no che sa­reb­be pas­sa­to pre­sto, ma do­po due an­ni mi sen­to sem­pre al­lo stes­so mo­do. A vol­te mi ri­tro­vo sot­to ca­sa sua, mi è ca­pi­ta­to di ve­der­la, an­che con lui. Non so­no ar­rab­bia­to, lei ha fat­to quel­lo che sen­ti­va, pe­rò so­no im­men­sa­men­te in­fe­li­ce. La guar­do, rivedo i suoi ge­sti abi­tua­li, i suoi oc­chi sor­ri­den­ti, la sen­to an­co­ra pro­fon­da­men­te mia e non cre­do che pro­ve­rò mai più un sen­ti­men­to co­sì per un’al­tra don­na. For­se c’è so­lo un gran­de amo­re nel­la vi­ta, e io non vo­glio ac­con­ten­tar­mi. O for­se spe­ro che tor­ni da me? È sba­glia­to spe­ra­re di tor­na­re a re­spi­ra­re?

N on è sba­glia­to spe­ra­re di tor­na­re a re­spi­ra­re. È sba­glia­to spe­ra­re di tor­na­re a far­lo at­tac­can­do­si a una bom­bo­la in cui non c’è più os­si­ge­no. La tua ex ave­va fi­ni­to di amar­ti, an­che se non tro­va­va la for­za per usci­re dal gor­go del­le abi­tu­di­ni. La tua tra­sfer­ta di la­vo­ro ha smos­so un equi­li­brio già fra­gi­le. Non ti ha la­scia­to per­ché sei an­da­to all’este­ro. Ti ha la­scia­to quan­do sei an­da­to all’este­ro. La lon­ta­nan­za le avrà con­fer­ma­to quel­lo che so­spet­ta­va da tem­po e for­se non ave­va il co­rag­gio di con­fes­sa­re nean­che a se stes­sa, e cioè che il pen­sie­ro di te non la ren­de­va più fe­li­ce. Eri di­ven­ta­to un fra­tel­lo, un ca­ro ami­co. Ma al­la sua età non le ba­sta­va: non do­vreb­be ba­sta­re a nes­su­na età. Al­lo­ra si è sgan­cia­ta da te e non si può cer­to di­re che sia sta­ta ti­tu­ban­te o am­bi­gua. Tu non hai al­cu­na re­spon­sa­bi­li­tà. Quan­do si vie­ne la­scia­ti, tornano al­la me­mo­ria de­ci­ne di epi­so­di che, ri­vi­si­ta­ti con il sen­no di poi, ci con­vin­co­no fal­sa­men­te che, se quel tal gior­no aves­si­mo det­to A in­ve­ce di B, e fat­to X in­ve­ce di Y, la sto­ria avreb­be pre­so un’al­tra pie­ga. Non è mai co­sì, pur­trop­po. L’esau­ri­men­to del­la pas­sio­ne tra due per­so­ne che si sti­ma­no e si vo­glio­no be­ne di­pen­de da fat­to­ri che qua­si sem­pre esu­la­no dal­le lo­ro in­ten­zio­ni e dai lo­ro com­por­ta­men­ti. Gli in­te­res­si cam­bia­no, e cam­bia­no le prio­ri­tà. Tu ti eri im­mer­so nel mon­do nel la­vo­ro, lei an­co­ra in quel­lo de­gli stu­di. Ave­va­te esi­gen­ze di­ver­se e non fa­cil­men­te com­pa­ti­bi­li. Ma for­se non è nem­me­no que­sto. L’amo­re è un de­mo­ne, di­ce­va Pla­to­ne, un’ener­gia crea­tri­ce e in­sta­bi­le che si sot­trae al­le leg­gi del­la lo­gi­ca. A un cer­to pun­to il suo de­mo­ne ha cam­bia­to di­re­zio­ne e non c’è sta­to più nien­te da fa­re. E co­sì ve­nia­mo al pun­to cru­cia­le del­la let­te­ra. Si può de­fi­ni­re con­clu­sa una sto­ria, quan­do a scri­ver­ne l’epi­lo­go è sta­ta una par­te so­la? Il fat­to che l’al­tra par­te sia an­co­ra coin­vol­ta non ba­sta a te­ne­re vi­vo il lie­vi­to-ma­dre dell’amo­re? Un rap­por­to non do­vreb­be fi­ni­re so­lo quan­do en­tram­bi si so­no in­na­mo­ra­ti di qual­cun al­tro? Chi non si ar­ren­de al ver­det­to va con­si­de­ra­to un ro­man­ti­co in­gua­ri­bi­le, o piut­to­sto un pos­ses­si­vo che chia­ma amo­re il pro­prio ego fe­ri­to dal­la per­di­ta? Chis­sà quan­te vol­te ti sei fat­to an­che tu que­ste do­man­de. La ri­spo­sta va­ria a se­con­da de­gli sta­ti d’ani­mo, ma il tuo cuo­re co­no­sce be­nis­si­mo quel­la giu­sta. Ri­co­no­scer­la è fa­ci­le: di so­li­to è la più do­lo­ro­sa da ac­cet­ta­re. Un amo­re non più ri­cam­bia­to è un sen­ti­men­to no­bi­le, ma in­na­tu­ra­le. Se si pro­trae trop­po a lun­go, di­ven­ta ne­vro­si. Di­ci che nes­su­na don­na rie­sce a far­ti di­men­ti­ca­re la tua ex. Ma dif­fi­cil­men­te la tro­ve­rai, fin­ché an­drai in­con­tro all’amo­re con la ri­ser­va men­ta­le che quel­lo giu­sto è co­mun­que un al­tro. Un al­tro, ol­tre­tut­to, che non tornerà. Non esi­ste un so­lo gran­de amo­re nel­la vi­ta. Esi­ste un gran­de amo­re per ogni vi­ta e cia­scu­no di noi può vi­ver­ne tan­te. Sta a te ela­bo­ra­re il lut­to di quel­la pas­sa­ta per con­cen­trar­ti sul Qui e Ora. Buon 2019, a te e a tut­ti noi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.