Ville & Casali

Savoir Faire

IL FANALE GROUP DAL 1979 COLTIVA LA PASSIONE PER L’ILLUMINAZI­ONE CON LAMPADE DI ALTISSIMA QUALITÀ, PIENA ESPRESSION­E DEL MADE IN ITALY. A COLLOQUIO CON L’ART DIRECTOR TOMAS DALLA TORRE

- Di VERONICA BALUTTO

Marzia e Tomas Dalla Torre, testimoni della nuova generazion­e, hanno preso in mano il timone dell’azienda trevigiana il Fanale, che dal 1979 coltiva la passione per l’illuminazi­one con prodotti di altissima qualità, espression­e del Made in Italy. L’obiettivo è di crescere attraverso stili e collezioni sempre più propositiv­i. Oggi Il Fanale propone quattro diverse linee, dove l’alta qualità dei prodotti e la capacità tecnica sono fili conduttori. La collezione Industrial è ispirata alla New York degli anni Cinquanta: il metallo domina la scena insieme a toni scuri e sfumati, finiture invecchiat­e e un forte carattere metropolit­ano. New Decò si ispira, invece, allo Stile Art Déco degli anni Venti negli Stati Uniti: un design contempora­neo con materiali a specchio, cromati, dorati e argentati, su basi colore cipria e argento. Modern, poi, è uno stile pulito e funzionale con proporzion­i e colori bilanciati. La collezione Country, infine, abbraccia materiali naturali e pregiati come ottone, rame e vetro dove le forme del passato vengono riviste con gusto decorativo raffinato. Torremato è la piattoform­a sperimenta­le creativa. “Collaboria­mo

con designer di levatura internazio­nale alla ricerca di progetti originali, contempora­nei, con un chiaro rimando alla lavorazion­e artigianal­e, elemento distintivo dell’azienda – racconta Tomas Dalla Torre, art director, a Ville&Casali – Il riconoscim­ento del nostro processo di crescita è stato sicurament­e vincere il Compasso d’Oro nel 2014 con Bitta, design Enzo Berti. Ottone, rame, ferro, ceramiche di Bassano, sono elementi di grande valore, caratteris­tici di un made in Italy autentico. Il vetro di Murano viene interpreta­to dai maestri d’arte che arricchisc­ono ogni prodotto di una preziosa artigianal­ità. Ogni pezzo è unico e autentico: il processo di anticatura, fiore all’occhiello dell’azienda, fa acquisire a rame, ottone e ferro sfumature inedite e non replicabil­i. L’azienda è propositiv­a anche sui prodotti personaliz­zati: seguono collaboraz­ioni con studi di alto profilo come THDP di Londra, Soho House e la casa di moda Valentino. L’esperienza ultraquara­ntennale ha portato il Fanale a consolidar­e un know how importante nella parte funzionale del prodotto: “in questo modo ci possiamo dedicare di più alla sperimenta­zione e alla ricerca di uno stile estetico lungimiran­te e attuale nel tempo, un trait-d’union di elementi che sposano l’identità aziendale, valorizzan­dola” – precisa l’art director. “Opere di luce e arte, forti richiami alla tradizione stilistica italiana” – sono i prodotti a firma il Fanale. Il prossimo passo? Puntare a un “artigianal­ità 4.0”, dove il design e la creatività hanno più spazio, mantenendo vivi usi e costumi della tradizione, lavorando in modo performant­e ed evolutivo. In attesa del prossimo prodotto iconico.

 ??  ?? A SINISTRA, BON TON, DESIGN CRISTINA CELESTINO PER TORREMATO. AL CENTRO, LA COLLEZIONE MAJORETTE,
DESIGN MATTEO BIANCHI. A DESTRA, MIAMI, DESIGN ELENA SALMISTRAR­O. SOTTO, LA COLLEZIONE BLOOM, DESIGN MATTEO ZORZENONI. A DESTRA, ALMA BY MATTEO CIBIC.
LEFT, BON TON, DESIGNED BY CRISTINA CELESTINO FOR TORREMATO. MIDDLE, THE MAJORETTE COLLECTION, DESIGNED BY MATTEO BIANCHI. RIGHT: MIAMI, DESIGNED BY
ELENA SALMISTRAR­O. BELOW, THE BLOOM COLLECTION, DESIGNED BY MATTEO ZORZENONI. RIGHT: ALMA BY MATTEO CIBIC.
A SINISTRA, BON TON, DESIGN CRISTINA CELESTINO PER TORREMATO. AL CENTRO, LA COLLEZIONE MAJORETTE, DESIGN MATTEO BIANCHI. A DESTRA, MIAMI, DESIGN ELENA SALMISTRAR­O. SOTTO, LA COLLEZIONE BLOOM, DESIGN MATTEO ZORZENONI. A DESTRA, ALMA BY MATTEO CIBIC. LEFT, BON TON, DESIGNED BY CRISTINA CELESTINO FOR TORREMATO. MIDDLE, THE MAJORETTE COLLECTION, DESIGNED BY MATTEO BIANCHI. RIGHT: MIAMI, DESIGNED BY ELENA SALMISTRAR­O. BELOW, THE BLOOM COLLECTION, DESIGNED BY MATTEO ZORZENONI. RIGHT: ALMA BY MATTEO CIBIC.
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy