Vinile Monografie

LE PIÙ BELLE CANZONI ITALIANE INTERPRETA­TE DA MINA

- Lucio Mazzi

PDU, 1968

Il cielo in una stanza / Munasterio ’e Santa Chiara / Canzone per te / Ma l’amore no / Se stasera sono qui / ’O sole mio / La musica è finita / Io che amo solo te / Non ti scordar di me / Silenzioso slow / Roma, nun fa’ la stupida stasera

Ecco un disco… on demand. L’album conteneva infatti brani scelti dai lettori delle riviste «Amica», «La Domenica del Corriere» e «Tribuna illustrata»: varie votazioni, settimana dopo settimana, avevano determinat­o la tracklist di questo 33 giri che venne allegato gratuitame­nte ai periodici citati. Di fatto, era una novità sentire Mina misurarsi con queste canzoni: solo E se domani e Canzone per te erano infatti già state pubblicate in questa versione. Le altre o lo erano state in versioni differenti o, sempliceme­nte, non erano mai state cantate da Mina. Dunque, vecchie canzoni e nuove interpreta­zioni (e nuovi arrangiame­nti, firmati da Augusto Martelli). A cominciare da Il cielo in una stanza, qui presente in versione acustica differente da quella del 1960, come con una nuova veste è Se stasera sono qui, già comparsa in versione live in MINA ALLA BUSSOLA DAL VIVO pochi mesi prima. I brani più “datati” in lingua della raccolta sono Non ti scordar di me provenient­e dal film omonimo del 1935 e Silenzioso slow (più nota come Abbassa la tua radio per favor) del 1940 (e sempre degli anni 40 è Ma l’amore no). I più recenti vengono dal Festival di Sanremo: La musica è finita lanciata da Ornella Vanoni (e Mario Guarnera) nel 1967 e Canzone per te, vittoriosa nel 1968 grazie a Roberto Carlos e al suo autore Sergio Endrigo, qui rappresent­ato anche dal suo primo successo Io che amo solo te. Non mancano i brani in dialetto: Roma, nun fa’ la stupida stasera arriva dalla commedia musicale Rugantino e gode, grazie a Mina, di un deciso rilancio. Qualche polemica suscitò la spregiudic­ata interpreta­zione di Munasterio ’e Santa Chiara, mentre sull’altro classico napoletano (’O sole mio) nessuno ebbe da ridire. Forse per la particolar­ità della sua pubblicazi­one, il disco non è mai stato ristampato né in vinile né in Cd.

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy