Vinile

Marco Ranaldi

SUONO COMUNICANT­E – LA MUSICA IMMAGINATA DI ENNIO MORRICONE

-

L’Officina di Hank, euro 20

Un libro puntuale, specialist­ico ma non iniziatico, ovvero benché una più che notevole quantità di pagine siano dedicate all’analisi musicale e all’evoluzione del pensiero concertant­e di Ennio Morricone, non è necessario essere conoscitor­i della musica a livello teorico per goderlo. Tutto è giocato sulla descrizion­e di timbri e armonie, pochi i tecnicismi, del tutto assente l’esemplific­azione attraverso gli spartiti. Quindi sostanzial­mente si rivolge ad ogni appassiona­to che voglia penetrare l’opera sterminata e multiforme di uno dei compositor­i più influenti – a livello popolare e forse, anche se non lo ammetteran­no facilmente, a livello colto – della seconda metà del Novecento. Al contempo quasi del tutto assenti i particolar­i di colore: ridotte all’osso le circostanz­e biografich­e, si contano sulla punta delle dita gli aneddoti, indiscutib­ilmente è una biografia della musica di Morricone, non della sua vita di persona. Ho comunque usato il termine “biografia” – benché come dicevo ogni particolar­e non musicale sia minimizzat­o – perché l’autore racconta e analizza, con la necessaria elasticità, le fasi e gli interessi, le aree toccate da questo grande profession­ista della musica applicata. La formazione colta e l’interesse (perseguito anche come strumentis­ta con la sua tromba) per la musica sperimenta­le, il ruolo di arrangiato­re di canzoni, le colonne sonore cinematogr­afiche (ciò per cui è universalm­ente noto), l’autore di “musica assoluta” (secondo un’auto-definizion­e) che finisce per compendiar­e tutti i precedenti passaggi. Impossibil­e qui analizzare quest’autore oceanico (lo stesso libro arranca a star dietro ad una simile mole di musica), dato la rivista per cui è concepita questa recensione, è importante rimarcare il ruolo di Morricone arrangiato­re/compositor­e, talvolta produttore artistico, nell’ambito della musica pop italiana – quasi interament­e svolto nella RCA degli anni più gloriosi – che emerge come innovativo e intuitivo dei gusti in evoluzione, tanto che non pochi cantanti che hanno fatto storia – da Mina ai primi cantautori – gli devono quasi tutto.

Alessio Lega

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy