DAL BASSO VERSO L’ALTO,

Paul An­drew e Guil­lau­me Meil­land han­no ri­pen­sa­to le col­le­zio­ni par­ten­do dal­le scar­pe: scel­ta na­tu­ra­le se gui­di FERRAGAMO, il brand ico­na del­la cal­za­tu­ra nel mon­do.

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - Di Da­vid Mi­chon

Sal­va­to­re Ferragamo sta vi­ven­do un vero e pro­prio ri­na­sci­men­to crea­ti­vo gra­zie a Paul An­drew e a Guil­lau­me Meil­land, i due re­spon­sa­bi­li de­si­gn del grup­po. Meil­land, og­gi tren­ta­seien­ne, è ar­ri­va­to nel 2016 a di­ri­ge­re il men­swear del grup­po fio­ren­ti­no, lo stes­so an­no in cui il tren­ta­no­ven­ne An­drew ha pre­so in ma­no le re­di­ni del­la col­le­zio­ne don­na di ac­ces­so­ri e scar­pe. Dal­lo scor­so ot­to­bre, poi, An­drew di­ri­ge an­che il wo­men­swear, e tra lo­ro si è stret­ta una so­li­da col­la­bo­ra­zio­ne. La col­le­zio­ne A/I 2018-19, pen­sa­ta per far co­no­sce­re Ferragamo a un pub­bli­co di­ver­so da quel­lo tra­di­zio­na­le, ha ri­ce­vu­to am­pio con­sen­so cri­ti­co – pas­so im­por­tan­te verso il rag­giun­gi­men­to de­gli obiet­ti­vi, an­che com­mer­cia­li. Vi vie­ne ri­co­no­sciu­to di aver ri­por­ta­to nel­la col­le­zio­ne di Ferragamo una sor­ta di es­sen­zia­li­tà con­tem­po­ra­nea, una cool­ness nell’este­ti­ca e nel mo­do in cui il mar­chio vie­ne rap­pre­sen­ta­to – ve­di per esem­pio il ca­sting del­la sfi­la­ta A/I 2018/19, estre­ma­men­te di­ver­si­fi­ca­to. Paul An­drew: Il mer­ca­to og­gi vi­ve un mo­men­to in­cre­di­bi­le, ognu­no fa co­se di­ver­se. Una vol­ta c’era­no dei trend chia­ri, evi­den­ti, ora non è più co­sì. E noi ab­bia­mo cer­ca­to di con­cen­trar­ci su quei co­di­ci este­ti­ci che so­no par­te in­te­gran­te del­la sto­ria di Ferragamo, e di rie­la­bo­rar­li in mo­do che sia­no fre­schi, mo­der­ni, e rie­sca­no a dia­lo­ga­re con un nuo­vo pub­bli­co. Quan­to al ca­sting, per noi è del­la mas­si­ma im­por­tan­za mo­stra­re la di­ver­si­tà. Chi è il clien­te

di Ferragamo og­gi? Cer­to non lo rap­pre­sen­te­reb­be una sfi­la­ta di so­li uo­mi­ni e don­ne bian­che.

Guil­lau­me Meil­land: Ferragamo è un brand pre­sen­te in oltre 600 ne­go­zi in tutto il mon­do, quin­di de­ve ri­vol­ger­si a un va­sto pub­bli­co più in­ter­na­zio­na­le, e di età dif­fe­ren­ti. Sen­za trend cui al­li­near­si o re­spin­ge­re, a co­sa guar­da­te quan­do vo­le­te mo­der­niz­za­re Ferragamo?

P.A.: Sic­co­me pro­ven­go dal mon­do delle scar­pe da don­na, pen­so a co­me que­sta mai­son è sta­ta fon­da­ta, al mind-set del suo fon­da­to­re. E se guar­dia­mo le scar­pe che Ferragamo crea­va ne­gli an­ni 20, 30, 40, era­no co­sì all’avan­guar­dia... fuori da­gli sche­mi in ter­mi­ni di co­stru­zio­ne, in­no­va­zio­ne dei ma­te­ria­li, com­bi­na­zio­ne di co­lo­ri. La mia idea è di ab­brac­cia­re quella men­ta­li­tà e tra­spor­tar­la nel pre­sen­te. Do­po che Sal­va­to­re è mor­to, nel 1960, senz’al­tro la fa­mi­glia si è con­cen­tra­ta di più nel co­strui­re l’azien­da fa­cen­do­la di­ven­ta­re ciò che è og­gi: un he­ri­ta­ge lu­xu­ry brand pre­sen­te in qua­si ogni Pae­se del mon­do. Poi io e Guil­lau­me ab­bia­mo ini­zia­to a la­vo­ra­re in­sie­me, e si è ri­tor­na­ti a quella men­ta­li­tà ori­gi­na­le, al­la spin­ta in avan­ti. Ades­so cer­chia­mo di in­stil­la­re que­sto ap­proc­cio in­no­va­ti­vo in ogni ca­te­go­ria di pro­dot­to, dai fou­lard alle bor­se, alle scar­pe. Pre­sto la­vo­re­re­mo per as­si­cu­rar­ci la pro­du­zio­ne di ele­men­ti tra i più so­ste­ni­bi­li dell’in­te­ra in­du­stria del­la mo­da. Pen­so che Sal­va­to­re ap­pro­ve­reb­be. Nell’ul­ti­ma sta­gio­ne vi siete uni­ti a tut­ti quei mar­chi che fan­no sfi­la­re la col­le­zio­ne uomo e don­na in­sie­me. Per­ché bi­so­gna­va far­lo, se­con­do voi?

G.M.: Be’, se la mis­sio­ne è man­da­re un mes­sag­gio chia­ro, l’idea di rea­liz­za­re una so­la sfi­la­ta è cer­ta­men­te il mo­do giusto di pro­ce­de­re. Tutto ruo­ta in­tor­no al con­cet­to di flui­di­tà. Na­tu­ral­men­te Ferragamo non è flui­di­tà, ma senz’al­tro spo­sa l’idea di uo­mi­ni e don­ne che dia­lo­ga­no. E ciò si­gni­fi­ca che in ter­mi­ni di co­lo­re, ma­te­ria­li, con­di­vi­do­no la stes­sa este­ti­ca e gli stes­si pen­sie­ri.

P.A.: Il mo­do in cui la­vo­ria­mo ren­de tutto più fa­ci­le. Sce­glia­mo in­sie­me i co­lo­ri all’ini­zio del­la sta­gio­ne, poi toc­ca ai tes­su­ti e quin­di al fit­ting: ci so­no sem­pre sia un mo­del­lo uomo sia una mo­del­la don­na nel­la stan­za, che si pro­va­no i ve­sti­ti e se li scam­bia­no an­che.

Co­me fun­zio­na la vo­stra col­la­bo­ra­zio­ne?

G.M.: Ci espri­mia­mo con as­so­lu­ta li­ber­tà e na­tu­ra­lez­za, co­sì da por­ta­re nuo­ve pro­spet­ti­ve. E se sia­mo lontani, con­di­vi­dia­mo tutto via te­le­fo­no. Quan­do ab­bia­mo ini­zia­to l’azien­da era di­vi­sa in grup­pi, ma og­gi è cam­bia­ta. P.A.: Sic­co­me non di­se­gna­vo abi­ti da an­ni, mi so­no af­fi­da­to all’espe­rien­za di Guil­lau­me e que­sto ha senz’al­tro con­tri­bui­to a crea­re un le­ga­me. Sia­mo di­ven­ta­ti mol­to ami­ci, ci di­ver­tia­mo. Spe­ro che que­sta at­mo­sfe­ra po­si­ti­va si ri­flet­ta nel­la col­le­zio­ne.

Per­ché par­la­te di ve­sti­re “dai pie­di al­la te­sta”? P.A.: Ferragamo è na­to dal­le scar­pe. Ci è ve­nu­to na­tu­ra­le co­min­cia­re da lì, quan­do do­ve­va­mo pen­sa­re al prêt-àpor­ter. Sia nell’uomo sia nel­la don­na, so­no le scar­pe che de­ter­mi­na­no l’or­lo dei pan­ta­lo­ni, la lun­ghez­za dell’abi­to o del cap­pot­to, il mo­do in cui si muo­ve chi li in­dos­sa.

In che mo­do Fi­ren­ze con­ti­nua a es­se­re di ispi­ra­zio­ne? G.M.: La pros­si­mi­tà alle ma­ni­fat­tu­re cam­bia to­tal­men­te l’ap­proc­cio al pro­ces­so crea­ti­vo. In ate­lier chie­do a tut­ti di la­vo­ra­re a ma­no, di co­strui­re le co­se, in mo­do da po­ter ave­re un dia­lo­go co­strut­ti­vo con le fab­bri­che. È co­sì che si tro­va­no le so­lu­zio­ni più in­no­va­ti­ve ai pro­ble­mi. •

Back­sta­ge del­la sfi­la­ta A/I 201819 di Sal­va­to­re Ferragamo, la pri­ma frut­to del­la col­la­bo­ra­zio­nedi An­drew e Meil­land. Ma­schi­le e fem­mi­ni­le so­nosta­ti pre­sen­ta­ti in­sie­me, ren­den­do evi­den­ti i ri­man­di tra le col­le­zio­ni, e il dia­lo­go con gli ac­ces­so­ri e le scar­pe.

Da si­ni­stra. Il fran­ce­se Guil­lau­me Meil­land, 36 an­ni, di­ret­to­re crea­ti­vo del­la col­le­zio­ne ma­schi­le di Sal­va­to­re Ferragamo. Paul An­drew, in­gle­se di 39 an­ni, di­ret­to­re crea­ti­vo del wo­men­swear, e delle li­nee di ac­ces­so­ri e scar­pe don­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.