Sty­le/La Sto­ria il te­so­ro del ma­ha­ra­ja,

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - Di Lel­la Sca­lia di Mar­ta Gal­li

In viag­gio nel Ra­ja­sthan più se­gre­to con LUCIA SILVESTRI, di­ret­tri­ce crea­ti­va di Bul­ga­ri, che qui da trent’an­ni va a cac­cia delle pie­tre più pre­zio­se.

Lucia Silvestri or­di­na tè Ma­sa­la e un toa­st. È un ri­tua­le im­mu­ta­bi­le, nel giar­di­no del Ram­ba­gh Pa­la­ce a Jai­pur, con un tap­pe­to so­no­ro di flau­ti a co­la­zio­ne.

Po­co do­po, in uno dei sa­lot­ti­ni del pa­laz­zo – grand ho­tel in­ter­na­zio­na­le già re­si­den­za del ma­ha­ra­ja –, è pron­ta all’in­con­tro con due in­dia­ni mer­can­ti di gem­me, con le ma­ni­che cor­te e i trol­ley “far­ci­ti” di an­ti­chi te­so­ri. Una col­la­na di to­pa­zi d’epo­ca geor­gia­na e al­tre me­ra­vi­glie so­no im­bal­la­te nel­le sca­to­le di pla­sti­ca del­la mer­ce­ria, av­vol­te nel­le pa­gi­ne strap­pa­te dai gior­na­li. So­no oltre trent’an­ni che Silvestri vie­ne in Ra­ja­sthan a cac­cia di pie­tre ed è mo­stran­do il con­sue­to aplomb che pren­de a esa­mi­na­re la mer­ce. Le di­ta apro­no svel­te, ma al­tret­tan­to ra­pi­da­men­te ri­chiu­do­no, le car­ti­ne con den­tro goc­ce di sme­ral­do e, men­tre lie­vi­ta la pi­la de­gli scar­ti, cre­sce lo scon­for­to sul vol­to dei ven­di­to­ri. So­lo un col­lier di dia­man­ti pro­ve­nien­ti dal­la leg­gen­da­ria – or­mai esau­ri­ta – mi­nie­ra di Gol­con­da rie­sce a da­re un bri­vi­do, che per un mo­men­to le fa di­men­ti­ca­re di es­se­re la di­ret­tri­ce crea­ti­va di una bla­so­na­ta mai­son di gio­iel­le­ria, non­ché se­ve­ra exe­cu­ti­ve di­rec­tor re­spon­sa­bi­le de­gli ac­qui­sti dei pre­zio­si. È una don­na ra­pi­ta dal so­gno, per un at­ti­mo. «Ma non ab­bia­mo un clien­te per que­sto», sen­ten­zia in­ter­rom­pen­do bru­sca­men­te il va­gheg­gia­men­to. E i bril­lan­ti do­vran­no tor­na­re nel­le sca­to­le del­la mer­ce­ria.

Non ave­va an­co­ra vent’an­ni Lucia Silvestri quan­do ha ini­zia­to a la­vo­ra­re per Bul­ga­ri. Do­ve­va es­se­re una so­sti­tu­zio­ne tem­po­ra­nea. «Fi­ni­ti i sei me­si tor­no a stu­dia­re bio­lo­gia», ave­va det­to al pa­dre. Poi un gior­no, è toc­ca­to a lei por­ta­re un do­cu­men­to nell’uf­fi­cio di Pao­lo Bul­ga­ri. «Spar­se sul suo ta­vo­lo c’era­no pie­tre me­ra­vi­glio­se; ero ti­mi­da, ma co­min­ciai a toc­car­le», rac­con­ta. «Le piac­cio­no?», fe­ce lui. «Pos­so­no non pia­ce­re?», ha ri­spo­sto.

Con­ge­da­ti i due mer­can­ti, Lucia pro­met­te al ma­ni­po­lo di oc­ci­den­ta­li che l’ac­com­pa­gna di por­tar­li ad as­sag­gia­re la fa­mo­sa be­van­da in­dia­na di lat­te fer­men­ta­to – il mi­glior las­si in cit­tà è di­stri­bui­to nei bic­chie­ri di coc­cio a un an­go­lo di stra­da. Ec­co­ci co­sì nel tram­bu­sto del­la Pink Ci­ty, do­ve le re­go­le del­la pre­ce­den­za equi­val­go­no al­la leg­ge del più for­te. Uni­ca me­tro­po­li in­dia­na svi­lup­pa­ta su pian­ta re­go­la­re, con le stra­de che si bi­for­ca­no all’an­go­lo de­stro, Jai­pur de­ve il suo im­pian­to nel XVIII se­co­lo al ma­ha­ra­ja Jai Sin­gh II, il qua­le die­de im­pul­so ai com­mer­ci in­vi­tan­do ban­chie­ri e mer­can­ti a co­strui­re le lo­ro ha­ve­li (ca­se) nel­la nuo­va ca­pi­ta­le: in par­ti­co­la­re, scris­se let­te­re ai com­mer­cian­ti gian­se­ni­sti, stir­pe vo­ta­ta al­la non vio­len­za e al ve­ge­ta­ria­ne­si­mo, che tut­to­ra con­trol­la gli scam­bi di gem­me.

Pro­se­guen­do lun­go la di­ret­tri­ce prin­ci­pa­le, giun­gia­mo al quar­tier ge­ne­ra­le di uno dei for­ni­to­ri di fi­du­cia di Lucia. Mr V. sfog­gia il phy­si­que du rô­le dell’at­to­re bol­ly­woo­dia­no, è tutto ve­sti­to fir­ma­to e ha im­ban­di­to sul ta­vo­lo un el­do­ra­do di pie­tre grez­ze: ci­tri­ni, cal­ce­do­ni, spi­nel­li, ru­bi­ni, sme­ral­di, zaf­fi­ri. È qui che Lucia sa di po­ter fa­re una buo­na se­le­zio­ne, e non pas­se­rà mol­to tem­po per­ché co­min­ci a schiz­za­re l’idea di un gio­iel­lo. In­tan­to qual­co­sa vie­ne man­da­to al la­bo­ra­to­rio al pia­no di sot­to, do­ve gli ar­ti­gia­ni so­no pron­ti a mo­la­re e sfac­cet­ta­re. «Si per­de qual­che ca­ra­to, ma in que­sto mo­do la pie­tra co­min­cia a es­se­re at­tra­ver­sa­ta dal­la lu­ce e ri­ve­la la sua per­so­na­li­tà»,

Po­co do­po è pron­ta all’in­con­tro con due in­dia­ni mer­can­ti di gem­me, i trol­ley far­ci­ti di an­ti­chi te­so­ri. Una col­la­na di to­pa­zi e al­tre me­ra­vi­glie so­no im­bal­la­te in sca­to­le di pla­sti­ca del­la mer­ce­ria, av­vol­te nel­le pa­gi­ne strap­pa­te dai gior­na­li. Le di­ta apro­no svel­te le car­ti­ne con den­tro goc­ce di sme­ral­do.

spie­ga. «Non è que­stio­ne di per­fe­zio­ne, ci in­te­res­sa­no quel­le con ca­rat­te­re».

Spie­ga che a vol­te ci vo­glio­no me­si, se non an­ni pri­ma di ot­te­ne­re tut­ti gli ele­men­ti giu­sti per un pro­dot­to di al­ta gio­iel­le­ria, a me­no che que­sti non ar­ri­vi­no dal­la stes­sa pier­re bru­te. A pro­po­si­to, si di­ce che Mr V. ne pos­seg­ga una di quat­tro chi­li, rin­ve­nu­ta una de­ci­na di an­ni fa in Na­mi­bia do­ve sta­va ab­ban­do­na­ta in un sac­co co­me un sas­so di po­co con­to: è lo sme­ral­do che lui e Lucia chia­ma­no af­fet­tuo­sa­men­te “The Ba­by”. E ap­pun­to, do­po es­ser­si fat­to pre­ga­re, scom­pa­re e riap­pa­re or­go­glio­so con “il bim­bo” tra le brac­cia. I ra­ri pez­zi di que­ste di­men­sio­ni so­no og­get­to di una sor­ta di cu­rio­so fe­ti­ci­smo. I rac­con­ti sui grez­zi, nell’am­bien­te, si spre­ca­no. Mr V. ri­fe­ri­sce di un ami­co a Lon­dra che usa­va un enor­me ru­bi­no in­ca­sto­na­to nel­la sua scor­za co­me fer­ma­por­ta, igno­ran­do­ne il va­lo­re. «Quan­do ti de­ci­de­rai a ta­gliar­lo?», lo in­cal­za lei in­di­can­do l’im­po­nen­te be­ril­lo, e l’al­tro: «Ti pro­met­to, Lucia, che tro­ve­rò quel che ti ser­ve, ma que­sto...».

«È cer­ta­men­te un ri­schio», no­ta la di­ret­tri­ce crea­ti­va fuori di lì, men­tre ri­sa­lia­mo sull’au­to blu. «Un esem­pla­re del ge­ne­re può rac­chiu­de­re il più splen­den­te de­gli sme­ral­di co­me la più co­cen­te de­lu­sio­ne». Ta­glia­re è sem­pre una que­stio­ne de­li­ca­ta. Lucia ha un aned­do­to me­mo­ra­bi­le. «Aspet­ta­no a fi­ne gior­na­ta, quan­do so­no più stan­ca, per ti­ra­re fuori i pez­zi mi­glio­ri». Quella vol­ta un al­tro com­mer­cian­te di Jai­pur – che per ra­gio­ni di ri­ser­va­tez­za chia­me­re­mo Mr R. – estras­se un co­fa­net­to ne­ro che cu­sto­di­va una par­ti­ta di sme­ral­di ci­lin­dri­ci ca­vi al cen­tro, co­sì da po­ter es­se­re in­fi­la­ti su una col­la­na in­dia­na, e ini­ziò a can­tar­ne le lo­di. «Non so­no Bul­ga­ri», lo fer­mò lei. «Trop­po scu­ri e opa­chi. Do­vre­sti di­vi­der­li in due, per far en­tra­re la lu­ce». Si re­se con­to che il ri­schio che le pie­tre si fran­tu­mas­se­ro nel ten­ta­ti­vo di se­zio­nar­le era de­ci­sa­men­te alto e ca­pì la ti­tu­ban­za del ven­di­to­re. Se ne an­dò. L’an­no se­guen­te pe­rò a New York, in­con­tran­do­lo di nuo­vo, riap­par­ve lo stes­so co­fa­net­to. Den­tro gli sme­ral­di: al­cu­ni non ave­va­no re­si­sti­to al ta­glio, ma gli al­tri era­no di ec­ce­zio­na­le bel­lez­za. (Sa­reb­be­ro di­ven­ta­ti uno scul­to­reo brac­cia­le ac­qui­sta­to, se­du­ta stan­te, da una giap­po­ne­se a Por­to Cer­vo).

La no­stra ul­ti­ma tap­pa è pro­prio il gio­va­ne Mr R., nel­la sua vil­la pro­get­ta­ta di fre­sco da ar­chi­tet­ti di gri­do con tan­to di giar­di­no in­door, spa, ci­ne­ma e am­pio sa­lo­ne-bar. E do­po un pran­zo con tut­ta la sua fa­mi­glia – per­ché qui

il com­mer­cio è ta­le, un af­fa­re di fa­mi­glia – lui e Lucia s’in­vo­la­no verso la trat­ta­ti­va.

Lucia Silvestri è un ca­so ra­ro nell’am­bien­te, pra­ti­ca­men­te il so­lo, di crea­ti­va e buyer. Un ruo­lo, que­st’ul­ti­mo, che la pro­iet­ta in un mon­do di uo­mi­ni. «Si­gno­ra, è una delle po­che don­ne con cui ho avu­to pia­ce­re di fa­re af­fa­ri», le dis­se un mer­can­te ebreo. I fra­tel­li Bul­ga­ri han­no ce­du­to so­lo a lei que­sto com­pi­to. Sul ta­vo­lo del­la ne­go­zia­zio­ne si tra­sfor­ma, gio­ca, re­ci­ta, e mo­stra la sua in­so­spet­ta­bi­le te­na­cia. «A vol­te la vi­ta ti met­te in si­tua­zio­ni che non ave­vi pro­gram­ma­to e ti fa sco­pri­re qua­li­tà che mai avre­sti pen­sa­to di ave­re. Pen­sa­re che da ra­gaz­za ero co­sì ti­mi­da da ver­go­gnar­mi an­che a te­ne­re in ma­no una si­ga­ret­ta in pub­bli­co». Ne­gli an­ni Set­tan­ta, men­tre l’im­pe­ro dei ma­ha­ra­ja an­da­va in fran­tu­mi, gran­di te­so­ri si ri­ver­sa­va­no in Oc­ci­den­te via Pa­ri­gi. Ora è lei a ri­sa­li­re la fi­lie­ra qui, co­me in Sri Lan­ka, in Zam­bia, Na­mi­bia o in al­tre re­mo­te de­sti­na­zio­ni, per sco­va­re le pie­tre co­lo­ra­te più esu­be­ran­ti, «l’ani­ma del set­to­re crea­ti­vo di Bul­ga­ri», e da­re co­sì vi­ta alle com­bi­na­zio­ni ete­ro­dos­se di pre­zio­se e se­mi­pre­zio­se che so­no la ci­fra del­la mai­son, e di Lucia. Lei me­sco­la, si di­ver­te, sa per­fet­ta­men­te che i gio­iel­li non val­go­no per la cas­sa­for­te, ma de­vo­no es­se­re so­prat­tut­to una gio­ia. Co­me scen­de­re dall’au­to blu e be­re un las­si sul mar­cia­pie­de di Jai­pur. •

Silvestri è un ca­so uni­co nell’am­bien­te, as­sie­me crea­ti­va e buyer. Un ruo­lo che la pro­iet­ta in un mon­do di uo­mi­ni. «Si­gno­ra, è una delle po­che don­ne con cui ho avu­to il pia­ce­re di fa­re af­fa­ri», le dis­se un mer­can­te. I fra­tel­li Bul­ga­ri han­no ce­du­to so­lo a lei que­sto com­pi­to.

Lucia Silvestri, Bul­ga­ri Jewel­ry Crea­ti­ve Di­rec­tor, a Jai­pur, in Ra­ja­sthan.

Una col­la­na di per­le di sme­ral­di e una se­le­zio­ne di pie­tre se­mi­pre­zio­se; si ri­co­no­sco­no ru­bel­li­ti, ame­ti­ste, gra­na­ti man­da­ri­ni, pe­ri­do­ti, to­pa­zi, ci­tri­ne, sme­ral­di, ac­que­ma­ri­ne. Nel­la pa­gi­na se­guen­te. Un gran­de pez­zo di ru­bel­li­te del Mo­zam­bi­co, una delle tor­ma­li­ne più ri­cer­ca­te per la pu­rez­za del cri­stal­lo e la clas­si­ci­tà del co­lo­re ros­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.