Il Per­so­nag­gio noi, vi­sti da qui, di Lo­ren­zo Mie­li

Non solo Må­ne­skin. Se c’è un luo­go te­le­vi­si­vo do­ve os­ser­va­re co­me so­no cam­bia­ti i ra­gaz­zi ita­lia­ni – per gu­sti, sti­le, co­lo­re del­la pel­le – que­sto è X FAC­TOR. Co­me spiega a Vo­gue Ita­lia il pro­dut­to­re.

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - Di LO­REN­ZO MIE­LI

Noi che fac­cia­mo “X Fac­tor” ci sen­tia­mo di­re spes­so una co­sa bel­la: que­sto pro­gram­ma rac­con­ta un paese abi­ta­to da ra­gaz­zi che non si ve­do­no qua­si mai in tv. Ra­gaz­zi evo­lu­ti, crea­ti­vi, col­ti, pre­pa­ra­ti, co­rag­gio­si. Ra­gaz­zi ar­ri­va­ti da lon­ta­no oppure ita­lia­nis­si­mi anche se non lo so­no per la leg­ge. Ra­gaz­zi gen­der fluid. Ra­gaz­zi che so­gna­no anche se a vol­te il fu­tu­ro fa paura. Guar­dan­do­li, al­lo­ra, il pub­bli­co si fa do­man­de per noi fon­da­men­ta­li: «Ma dav­ve­ro que­sto ra­gaz­zo ha 16 an­ni? Ma co­me lo han­no tro­va­to?». Ora, io di que­sto vor­rei par­la­re: di co­me lo ab­bia­mo tro­va­to e di co­sa non ab­bia­mo an­co­ra fat­to per lui. Set­te an­ni fa, quan­do mi è ve­nu­to in men­te di por­ta­re “X Fac­tor” da Rai 2 a Sky, non ave­vo mai vi­sto un talent show. Pen­sa­re che una co­raz­za­ta main­stream po­tes­se fun­zio­na­re nel­la nic­chia del­la pay era un az­zar­do. Ma se do­ves­si ri­dur­re il mio la­vo­ro a un’im­ma­gi­ne, ne use­rei una del “Pic­co­lo Prin­ci­pe”: il ser­pen­te che in­ghiot­te l’ele­fan­te e di­ven­ta un cap­pel­lo. Ec­co, io per la­vo­ro fac­cio cap­pel­li. Cer­co sem­pre di met­te­re nel con­te­ni­to­re un con­te­nu­to che vie­ne da al­tri mon­di per tra­sfor­mar­lo. E per far­lo cer­co di por­ta­re al ci­ne­ma, in tv (e su Net­flix, In­sta­gram, tutti i me­dia) ar­ti­sti e pro­dot­ti che crei­no caos nel si­ste­ma, evol­ven­do­lo. Set­te an­ni fa, da anal­fa­be­ta dei talent, ho ca­pi­to che un pro­gram­ma co­me “X Fac­tor” è sem­pre a un bi­vio. Può es­se­re tv nor­ma­le o un luo­go per­fet­to di pas­sag­gio di ele­fan­ti in­te­res­sa­ti solo alla mu­si­ca. Noi ab­bia­mo scelto quest’ul­ti­ma stra­da, la più ri­schio­sa: il no­stro talent per es­se­re au­ten­ti­co do­ve­va es­se­re fat­to da gen­te che vo­le­va solo scri­ve­re can­zo­ni o can­tar­le. Gen­te che dal­la tv ci pas­sa­va, ma con l’idea di uscir­ne al più pre­sto. A co­min­cia­re dai giu­di­ci. Per que­sto Mor­gan fun­zio­na­va: un ar­ti­sta ge­nia­le che met­te­va in sce­na sen­za censure la sua lot­ta contro la tv. Co­me Fe­dez, Mi­ka, Ma­nuel Agnelli, Asia Argento. Tutti ele­fan­ti che vo­le­va­no di­ven­ta­re cap­pel­li. E tutti con lo sco­po di tro­va­re là fuo­ri ra­gaz­zi con un ta­len­to ec­ce­zio­na­le e ba­sta.

Quel ra­gaz­zo di 16 an­ni l’ab­bia­mo tro­va­to co­sì, an­dan­do a cac­cia di ele­fan­ti. Ma vi­sto che se un pro­dut­to­re scri­ve be­ne del suo pro­gram­ma si com­pia­ce inu­til­men­te, vo­glio di­re anche quel­lo che non va. Per fa­re sì che que­sta cac­cia si man­ten­ga au­ten­ti­ca e non diventi ma­nie­ra, dob­bia­mo pren­der­ci fi­no in fon­do una re­spon­sa­bi­li­tà: il fu­tu­ro di quel ra­gaz­zo. So­no an­ni che ra­gio­nia­mo su que­sto. Su co­sa fa­ran­no non solo i vin­ci­to­ri, ma tutti i più bravi, ori­gi­na­li, de­li­ca­ti, fuo­ri dal mon­do pro­tet­to di “X Fac­tor”. Ci aiu­ta­no i giu­di­ci, e gli agen­ti, i ma­na­ger e i di­sco­gra­fi­ci, ma non ba­sta. Sen­to che dob­bia­mo fa­re an­co­ra tan­to. An­co­ra una vol­ta “X Fac­tor” è a un bi­vio. E, per­ché l’ele­fan­te non fi­ni­sca di­ge­ri­to dal ser­pen­te del­lo sho­w­biz, anche sta­vol­ta dob­bia­mo sce­glie­re la stra­da più ri­schio­sa.•

Lo­ren­zo Mie­li (45 an­ni), pro­dut­to­re ci­ne­ma­to­gra­fi­co e te­le­vi­si­vo. A lui si de­vo­no anche for­tu­na­te se­rie tv co­me La ma­fia uc­ci­de solo d’esta­te, Ro­man­zo fa­mi­glia­re e The Young Po­pe.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.