Fo­reward/1 in snea­kers per sem­pre?, di Su­zy Men­kes

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - di SU­ZY MEN­KES* *In­ter­na­tio­nal Vo­gue Edi­tor

Ho po­sa­to lo sguar­do sul­la sa­go­ma di le­gno del pie­de di Pier­re Ber­gé, il compagno di una vi­ta di Yves Saint Lau­rent. Ac­can­to, su uno scaf­fa­le dei la­bo­ra­to­ri Ber­lu­ti a Pa­ri­gi, c’era, co­me fos­se scol­pi­ta, una scar­pa strin­ga­ta di pel­le, quel­la che ogni uo­mo ele­gan­te ha al­me­no una vol­ta so­gna­to di ave­re.

Ac­can­to a me, in quei gior­ni di por­te aper­te del­le Jour­nées Par­ti­cu­liè­res or­ga­niz­za­te da Lv­mh, una fiu­ma­na di uo­mi­ni e donne che ave­va­no com­pra­to il bi­gliet­to per assistere a que­sto even­to de­di­ca­to all’ar­ti­gia­na­to. Lo sguar­do mi è ca­du­to sui lo­ro pie­di e mi so­no re­sa con­to di una co­sa straor­di­na­ria: tutti gli uo­mi­ni – di cui pro­ba­bil­men­te nem­me­no uno su­pe­ra­va i tren­ta­cin- que an­ni, an­zi, al­cu­ni era­no mol­to più giovani – sem­bra­va­no aver mes­so da par­te le snea­kers.

Non c’è dub­bio che le scar­pe spor­ti­ve ab­bia­no in­va­so il mon­do del­la mo­da ma­schi­le – non da ul­ti­mo da Louis Vuit­ton, do­ve Vir­gil Abloh, il nuovo direttore ar­ti­sti­co men­swear, è su­bi­to di­ven­ta­to ce­le­bre per la sua col­la­bo­ra­zio­ne con Ni­ke. Le snea­kers/trai­ners so­no “l’ac­ces­so­rio” del­la ge­ne­ra­zio­ne dei mil­len­nials, e quin­di è dav­ve­ro dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re che qual­cu­no che non ha mai in­fi­la­to una scar­pa “ve­ra” – con to­ma­ia e par­te ester­na di pel­le ri­gi­da, più sof­fi­ce nel­la lin­guet­ta – pos­sa ora ac­cet­ta­re di co­strin­ge­re i pie­di in una so­li­da strin­ga­ta di pel­le. Tut­ta­via, nel mon­do del­la mo­da le co­se cam­bia­no im­per­cet­ti­bil­men­te e al­tret­tan­to velocemente. Non vuol di­re che la gen­te stia ne­ces­sa­ria­men­te ab­ban­do­nan­do le snea­kers, piut­to­sto che sta cer­can­do del­le scar­pe adat­te a oc­ca­sio­ni di­ver­se. C’è sta­to un mo­men­to in cui era cool ar­ri­va­re a un ma­tri­mo­nio in abi­to ele­gan­te e scar­pe spor­ti­ve di­pin­te a ma­no a mo­ti­vi vi­va­ci. Ora, quell’idea ci fa fa­re solo un gi­gan­te­sco sba­di­glio “fa­shion”.

Sul­le pas­se­rel­le è suc­ces­sa la stes­sa co­sa. Sarà for­se per­ché so­no tan­te le sfi­la­te che me­sco­la­no i ses­si, men­swear e wo­men­swear, ma di fat­to il mes­sag­gio ora pa­re es­se­re: sia­te ele­gan­ti dal­la testa ai pie­di. Quell’idea un po’ in­de­fi­ni­ta di “smart ca­sual” non ba­sta più. Pren­dia­mo Cé­li­ne. Gui­da­to da Phoe­be Phi­lo, il brand era si­no­ni­mo di fem­mi­ni­li­tà, ed era espli­ci­ta­men­te pen­sa­to per sod­di­sfa­re le ri­chie­ste del­la don­na con­tem­po­ra­nea. Pas­san­do alla ver­sio­ne pro­po­sta da He­di Sli­ma­ne nel­la sua sfi­la­ta Ce­li­ne (ora sen­za ac­cen­to), l’ab­bi­glia­men­to ma­schi­le sar­to­ria­le ha eclis­sa­to lo sti­le fem­mi­ni­le spes­so più frou frou. Co­sa in­dos­sa­va­no gli uo­mi­ni di He­di? Sti­va­let­ti af­fu­so­la­ti e ap­pun­ti­ti, con tre cin­tu­ri­ni (vi­sti poi anche ai pie­di del­le donne). C’era­no scar­pe ma­schi­li lu­ci­de con il cin­tu­ri­no in pre­zio­sa pel­le co­lor rug­gi­ne, e per­si­no strin­ga­te argento in net­to con­tra­sto con un cap­pot­to leo­par­da­to.

E per fi­ni­re c’era­no anche del­le strin­ga­te da uo­mo Ce­li­ne che Pier­re Ber­gé, gran­de so­ste­ni­to­re di He­di, avreb­be si­cu­ra­men­te adot­ta­to. La mo­da tro­va sem­pre il mo­do di es­se­re un pas­so avan­ti. •

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.