Tut­ta Un’Al­tra Mu­si­ca

VOGUE (Italy) - - L’INTERVISTA - Di SA­MI­RA LA­ROU­CI fo­to di SCAN­DE­BERGS

Co­me dj ha ani­ma­to le mi­glio­ri fe­ste del­la mo­da. Ma og­gi, in at­te­sa del pros­si­mo di­sco che usci­rà nel 2019, JA­MES RIGHTON ha de­ci­so di de­di­car­si al «la­vo­ro più paz­zo del mon­do».

Ja­mes Righton è cre­sciu­to nel pic­co­lo bor­go ru­ra­le di Strat­ford-upon-Avon, in In­ghil­ter­ra. Ex can­tan­te e ta­stie­ri­sta dei Kla­xons, spo­sa­to dal 2013 con l’at­tri­ce Kei­ra Knightley – pro­ta­go­ni­sta di “Co­let­te” di Wa­sh West­mo­re­land, que­sto me­se nel­le sa­le – og­gi sta vi­ven­do la vi­ta che ha sem­pre so­gna­to. «Al­lo­ra mi an­no­ia­vo da mo­ri­re, pas­sa­vo un sac­co di tem­po a so­gna­re co­sa sta­va suc­ce­den­do a Lon­dra, a fan­ta­sti­ca­re di es­se­re lì» rac­con­ta, «era ab­ba­stan­za chia­ro a tut­ti che non sa­rei ri­ma­sto do­ve ero cre­sciu­to; sapevo di vo­ler di­ven­ta­re qual­cos’al­tro».

A 21 an­ni Righton va a Lon­dra do­ve for­ma i Kla­xons; in po­chi me­si la band, che non im­ma­gi­na­va cer­to di di­ven­ta­re un sim­bo­lo del mo­vi­men­to New Ra­ve, ot­tie­ne un con­trat­to di­sco­gra­fi­co per l’usci­ta del pri­mo sin­go­lo “Gra­vi­ty’s Rain­bow”. Era il 2006: ne­gli an­ni suc­ces­si­vi il grup­po vin­ce il Mer­cu­ry Pri­ze (2007), si esi­bi­sce con Ri­han­na ai Brit Awards nel 2008, è pro­ta­go­ni­sta di in­nu­me­re­vo­li fe­sti­val in­ter­na­zio­na­li e rac­co­glie cri­ti­che en­tu­sia­ste. Ma do­po die­ci an­ni qual­co­sa si rom­pe. «Non vo­le­vo con­ti­nua­re quel­la vi­ta», ri­cor­da Righton. «La­vo­ra­re con il grup­po era sem­pre più dif­fi­ci­le, e mi pia­ce­va sem­pre me­no. Cer­to, riu­sci­vo a ve­der­mi nei Kla­xons per al­tri tre, sei, per­si­no no­ve an­ni, per­ché an­co­ra le co­se an­da­va­no be­ne. Pe­rò mi sen­ti­vo in trap­po­la. Do­ve­vo pren­de­re una de­ci­sio­ne ma è sta­to mol­to dif­fi­ci­le, per­ché ha si­gni­fi­ca­to la fi­ne del­la band».

Do­po lo scio­gli­men­to dei Kla­xons Righton ha tra­scor­so gli ul­ti­mi tre an­ni al­la ri­cer­ca del­la sua iden­ti­tà mu­si­ca­le. «Mi sen­to co­me se aves­si la­vo­ra­to di più che nei die­ci an­ni pre­ce­den­ti. Pri­ma fa­ce­va­mo un al­bum e poi par­ti­va­mo per un tour mon­dia­le di tre an­ni, que­sto cir­co viag­gian­te fa­ce­va par­te del gio­co, ed era di­ver­ten­te. An­co­ra ades­so mi sem­bra che sia ac­ca­du­to tut­to in fret­ta, è un po’ co­me se fos­se ie­ri».

Sen­za trop­pi cla­mo­ri, Righton lo scor­so an­no ha pub­bli­ca­to “Open Up in The Sky” il pri­mo ep da so­li­sta con lo pseu­do­ni­mo di “Shock Ma­chi­ne” (no­me che nel frat­tem­po ha pe­rò de­ci­so di ab­ban­do­na­re), e sen­za una la­bel al­le spal­le. Non c’è vo­lu­to mol­to per­ché al­cu­ni dei più im­por­tan­ti mu­si­ci­sti del mon­do lo ti­ras­se­ro a bor­do. «Mi ha chia­ma­to Flo­ren­ce and the Ma­chi­ne, e mi ha chie­sto di an­da­re con lei in tour. Al­la fi­ne ho scel­to di la­vo­ra­re al nuo­vo al­bum de­gli Arc­tic Mon­keys», di­ce Righton, «ed è sta­to mol­to bel­lo es­se­re con­tat­ta­to da tan­ti ar­ti­sti e da per­so­ne che ri­spet­to enor­me­men­te».

Nel­la de­ci­sio­ne di ral­len­ta­re ha in­ci­so la na­sci­ta del­la fi­glia Edie nel mag­gio 2015, espe­rien­za di cui par­la con en­tu­sia­smo con­ta­gio­so. «La co­sa più sa­cra è la no­stra fa­mi­glia, no­stra fi­glia, noi due: il re­sto con­ta, ma non è poi co­sì im­por­tan­te».

Quan­do non im­pe­gna­to co­me dj a fe­ste del­la mo­da (è sta­to lo spe­cial gue­st dell’even­to di Vo­gue Ita­lia du­ran­te la fashion week del­lo scor­so set­tem­bre), Righton ha tra­scor­so gran par­te de­gli ul­ti­mi me­si a scri­ve­re il nuo­vo al­bum, in usci­ta all’ini­zio del 2019. «So­no il ca­po di me stes­so, e que­sto vuol di­re che fac­cio il pa­pà dal­le no­ve al­le cin­que, da lu­ne­dì a ve­ner­dì, ed è la co­sa mi­glio­re del mon­do. È un la­vo­ro dif­fi­ci­lis­si­mo, il più paz­zo e straor­di­na­rio che ci sia, ma pas­sa­re del tem­po con tua fi­glia è la co­sa più im­por­tan­te». •

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.