Fo­reword/1 ma­ni li­be­re, di Ca­ro­li­ne Is­sa

VOGUE (Italy) - - EDITORIALE - di CA­RO­LI­NE IS­SA*

Non so se sia gra­zie a una pre­di­spo­si­zio­ne ge­ne­ti­ca o al con­di­zio­na­men­to sto­ri­co, ma le don­ne pos­seg­go­no le stes­se ca­pa­ci­tà di Par­va­ti, la dea in­dia­na dal­le mol­te ma­ni. La­vo­ro, ami­ci, fi­gli, ge­ni­to­ri e part­ner non so­no vo­ci di un me­nu da cui sce­glie­re, ma un co­ro di pre­te­se da sod­di­sfa­re. La cul­tu­ra ali­men­ta le ri­chie­ste, ma la na­tu­ra sfor­tu­na­ta­men­te non è riu­sci­ta a for­ni­re i mez­zi per ri­spon­der­vi. La mag­gior par­te di noi ha un mas­si­mo di due brac­cia con le qua­li ge­sti­re tut­to ciò che ci vie­ne but­ta­to ad­dos­so, ed era già co­sì pri­ma che tra­scor­res­si­mo le ore di ve­glia in­col­la­te ai no­stri smart­pho­ne, esten­sio­ne uni­ver­sa­le del brac­cio del­la don­na mo­der­na. In ri­spo­sta al­la te­sta chi­na del­la don­na di­gi­ta­le, al­lo scher­mo il­lu­mi­na­to e al­le di­ta in pe­ren­ne mo­vi­men­to sul­la ta­stie­ra, gli sti­li­sti stan­no ora pro­po­nen­do so­lu­zio­ni che re­sti­tui­sco­no li­ber­tà di mo­vi­men­to al­le ma­ni – più im­pe­gna­te che mai –, co­sì che i no­stri mo­men­ti In­sta­gram e la di­pen­den­za da Ti­kTok pos­sa­no per­si­ste­re li­be­ri, nel be­ne e nel ma­le. E co­sa me­glio, al­lo­ra, del­le pos­si­bi­li­tà of­fer­te dal­le nuo­ve bor­se che la­scia­no le ma­ni li­be­re e che so­no chic ed ele­gan­ti quan­to le lo­ro con­tro­par­ti più tra­di­zio­na­li?

Karl La­ger­feld con le ico­ni­che ca­te­nel­le di Cha­nel ha crea­to una sor­ta di sau­toir in­cro­cia­to che ter­mi- na con due bor­se ap­pog­gia­te sui fian­chi, per­fet­te per la no­ma­de ur­ba­na con tan­to da tra­spor­ta­re. Con la mi­ni buc­ket di Na­nu­sh­ka in­ve­ce sa­rà for­se ne­ces­sa­rio sce­glie­re le pro­prie co­se con un po’ più di cu­ra. La pri­ma usci­ta di Ric­car­do Ti­sci per Bur­ber­ry, poi, ha pre­sen­ta­to una mol­ti­tu­di­ne di so­lu­zio­ni che la­scia­no le ma­ni li­be­re: dal­la mas­sic­cia ca­te­na d’oro le­ga­ta in vi­ta per fis­sa­re un pic­co­lo astuc­cio in pel­le ri­gi­da al­la col­la­na di cor­da da usa­re per ap­pen­de­re il pas­sa­por­to al col­lo.

Ma in­dos­se­re­ste mai il te­le­fo­no al­la ca­vi­glia? John Gal­lia­no di Mai­son Mar­gie­la sta scom­met­ten­do sul fat­to che po­tre­ste far- lo. Le sue tec­no­ri­bel­li han­no sfi­la­to in pas­se­rel­la con pas­so de­ci­so e con i te­le­fo­ni fis­sa­ti agli ar­ti gra­zie ad ac­ces­so­ri me­tal­li­ci che la­scia­no le ma­ni com­ple­ta­men­te li­be­re. Una so­lu­zio­ne al­tret­tan­to estre­ma è sta­ta la bor­sa-mi­cro­cin­tu­ra di Paul An­drew per Fer­ra­ga­mo: più cin­tu­ra che bor­sa, ma co­mun­que sem­pre in gra­do di con­te­ne­re una mi­nu­sco­la chia­ve.

Al­cu­ni sti­li­sti so­no ar­ri­va­ti ad­di­rit­tu­ra a so­lu­zio­ni estre­me e han­no eli­mi­na­to del tut­to la bor­sa. Ma­ri­ne Ser­re – og­gi la mia pre­fe­ri­ta, la sua P/E 2019 è sta­ta per me una del­le mi­glio­ri – ha in­cor­po­ra­to lo “stoc­cag­gio” di­ret­ta­men­te ne­gli abi­ti: ha in­fat­ti usa­to dei gi­let da pe­sca ri­ci­cla­ti in­te­gran­do la bor­sa ne­gli abi­ti. Cer­to, for­se in tal mo­do non ar­ri­ve­re­mo mai a per­de­re le no­stre co­se, ma di con­tro con ogni pro­ba­bi­li­tà non ri­cor­de­re­mo in qua­le ta­sca si tro­va­no! Ma non im­por­ta: nel mon­do di Par­va­ti, le so­lu­zio­ni mul­ti­scom­par­to ci per­met­to­no di con­cen­trar­ci su ciò che con­ta dav­ve­ro. •

*Na­ta a Mon­treal, di stan­za a Lon­dra, dal 2002 è chief exe­cu­ti­ve e fa­shion di­rec­tor di Tank Ma­ga­zi­ne. Nel 2004 apre l’agen­zia crea­ti­va Tank Form e nel 2007 il ma­ga­zi­ne di­gi­ta­le Be­cau­se­lon­don.com di cui è di­ret­to­re. Dal 2015 fir­ma per Nord­strom una sua col­le­zio­ne di prêt-à-por­ter.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.