I NUO­VI MAE­STRI

Wired (Italy) - - NEXT - AN­TO­NIO SPA­DA­RO*

Pa­pa Fran­ce­sco è or­mai al suo se­con­do Han­gout su Goo­gle+. In vi­deo­con­fe­ren­za al­cu­ni stu­den­ti di­sa­bi­li col­le­ga­ti da Spa­gna, In­dia, Bra­si­le e Sta­ti Uni­ti han­no rac­con­ta­to come la tec­no­lo­gia li stia aiu­tan­do a stu­dia­re, gio­ca­re e co­mu­ni­ca­re.

Ri­spon­den­do a una ra­gaz­za di­sa­bi­le ha det­to di non pos­se­de­re un ta­blet e an­zi di es­se­re un «di­no­sau­ro» quan­do è al­le pre­se con la tec­no­lo­gia. E gli di­spia­ce. Ma que­sta in­com­pe­ten­za tec­ni­ca non gli im­pe­di­sce di chat­ta­re con gran­de na­tu­ra­lez­za da­van­ti a un pc né di pre­sta­re gran­de at­ten­zio­ne all’in­no­va­zio­ne e al­le po­ten­zia­li­tà del di­gi­ta­le. Per que­sto, in­fat­ti, ha in­ve­sti­to il suo ca­ri­sma a fa­vo­re di progetti non proft a so­ste­gno dell’edu­ca­zio­ne e dei gio­va­ni. Co­sì, già a Bue­nos Ai­res, ha so­ste­nu­to Scho­las Oc­cur­ren­tes: na­ta con po­chi gio­va­ni, l’ini­zia­ti­va con­ta a og­gi 400mi­la scuo­le, spar­se nei cin­que con­ti­nen­ti, con­nes­se tra lo­ro. Il nuo­vo pro­gram­ma, Scho­las Labs, vuo­le pro­muo­ve­re im­pre­se e star­tup tec­no­lo­gi­che per nuo­ve ini­zia­ti­ve nel cam­po dell’in­te­gra­zio­ne sco­la­sti­ca. Il pa­pa che ama ab­brac­cia­re fsi­ca­men­te sa pe­rò che l’am­bien­te di­gi­ta­le per­met­te agli uo­mi­ni di toc­car­si al di là del­lo spa­zio e del tem­po. E com­pren­de l’im­por­tan­za del­la rete per l’edu­ca­zio­ne e la scuo­la. Per que­sto ha det­to: «Quan­do non co­mu­ni­chia­mo, stia­mo da so­li con i no­stri li­mi­ti. Ed è ma­le per noi. Quan­do co­mu­ni­chia­mo, la co­sa più im­por­tan­te è la co­mu­ni­ca­zio­ne, è da­re e ri­ce­ve­re. E que­sto è be­ne e non ci fa sta­re so­li». In­som­ma non ha par­la­to di tec­ni­ca, ma di sen­so: ha fat­to ca­pi­re che co­mu­ni­ca­re è con­di­vi­de­re, e che la rete può con­tri­bui­re a su­pe­ra­re al­cu­ni no­stri li­mi­ti, an­che di ca­rat­te­re fsi­co o psi­co­lo­gi­co. E il fat­to che ab­bia chat­ta­to con ra­gaz­ze e ra­gaz­zi di­sa­bi­li lo dice con chia­rez­za. Fran­ce­sco non è un cy­be­ren­tu­sia­sta ma un “pro­fe­ta”, cioè ve­de nel­la rete il se­gno di una vo­ca­zio­ne dell’uma­ni­tà a es­se­re uni­ta, con­nes­sa. E que­sto, ha scrit­to, im­pli­ca la ne­ces­si­tà di «ener­gie fre­sche e un’im­ma­gi­na­zio­ne nuo­va».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.