C’È UN MON­DIA­LE CHE SI CE­LE­BRA

Wired (Italy) - - NEWS -

in que­ste set­ti­ma­ne e nel qua­le l’Ita­lia se la gio­ca a vi­so aper­to. Non stia­mo par­lan­do di pal­lo­ne né di al­tri sport, ma del­la Ro­bo­Cup 2015, la cop­pa del mon­do dei ro­bot, in pro­gram­ma a He­fei, in Ci­na, do­ve sa­re­mo rap­pre­sen­ta­ti da due squa­dre del li­ceo scien­ti­fi­co Ga­li­lei di Tren­to. Ho co­no­sciu­to al­cu­ni di que­sti ra­gaz­zi del ter­zo e del quin­to an­no nel­la lo­ro cit­tà. Si so­no gua­da­gna­ti il di­rit­to a par­te­ci­pa­re al­la cop­pa del mon­do vin­cen­do la fi­na­le ita­lia­na in due ca­te­go­rie, rescue ma­ze e rescue li­ne. L’obiet­ti­vo era rag­giun­ge­re le pre­sun­te vit­ti­me di un di­sa­stro in un la­bi­rin­to evi­tan­do gli osta­co­li, e met­ter­le in sal­vo o por­tar lo­ro gli aiu­ti. Ma più an­co­ra del co­sa, la no­vi­tà del pro­get­to è nel co­me. Per rea­liz­za­re i lo­ro ro­bot, in­fat­ti, i ra­gaz­zi del Ga­li­lei han­no uti­liz­za­to sche­de Ar­dui­no, a co­di­ce aper­to, con un co­sto com­ples­si­vo di po­che cen­ti­na­ia di eu­ro, mol­to più eco­no­mi­che di pro­dot­ti pro­prie­ta­ri. Con l’am­mis­sio­ne ai mon­dia­li in ta­sca, per la de­le­ga­zio­ne de­gli ot­to stu­den­ti e dei due in­se­gnan­ti ac­com­pa­gna­to­ri si è po­sto il pro­ble­ma di co­me fa­re a tro­va­re i sol­di per co­pri­re la tra­sfer­ta. Lo han­no ri­sol­to at­tra­ver­so il cro­w­d­fun­ding e con la ge­ne­ro­si­tà di al­cu­ni spon­sor: In­die­go­go, con sot­to­scri­zio­ni di 20 e 30 eu­ro, è ser­vi­to da so­lo per rag­gra­nel­la­re un die­ci per cen­to dei fon­di ne­ces­sa­ri al viag­gio e al sog­gior­no. Co­mun­que va­da, que­sti li­cea­li, che – mal­gra­do l’età – col­la­bo­ra­no an­che ad al­cu­ni pro­get­ti di ri­cer­ca uni­ver­si­ta­ri, han­no già vin­to. Fan­no par­te del pae­se che ha ca­pi­to co­me ci si muo­ve nell’epo­ca del­la re­te e del­la con­di­vi­sio­ne. Non so­no un ca­so iso­la­to. La se­ra pri­ma di in­con­trar­li, in­sie­me con Alex Za­nar­di – che a fi­ne lu­glio di­fen­de­rà a sua vol­ta i ti­to­li mon­dia­li con­qui­sta­ti nel pa­ra­ci­cli­smo – ave­vo pre­mia­to tra i fi­na­li­sti di “Think for So­cial” al­tri due pro­get­ti por­ta­ti avan­ti da gio­va­nis­si­mi. “Stu­den­ts on Sta­ge”, una piat­ta­for­ma per far in­con­tra­re ra­gaz­zi e azien­de nel­la do­man­da e of­fer­ta di sta­ge di espe­rien­za, rea­liz­za­ta da un grup­po di ma­tu­ran­di del li­ceo Leo­ne XIII di Mi­la­no, e “D-heart”, una star­tup che tra­sfor­ma un te­le­fo­no in un elet­tro­car­dio­gra­fo, per­met­ten­do dia­gno­si a di­stan­za an­che lì do­ve i me­di­ci non pos­so­no ar­ri­va­re. Cer­to, sap­pia­mo tut­ti che l’Ita­lia non è so­lo que­sto, an­zi. C’è una par­te di pae­se che sem­bra ben de­ci­sa a ri­ma­ne­re pian­ta­ta nell’im­mo­bi­li­smo, che all’in­no­va­zio­ne con­trap­po­ne una gra­ni­ti­ca vo­lon­tà di re­stau­ra­re, tron­ca­re, so­pi­re. Ne­gli stes­si gior­ni di que­sti in­con­tri ho avu­to l’oc­ca­sio­ne di ascol­ta­re Car­lo Cot­ta­rel­li, l’ex com­mis­sa­rio per la Re­vi­sio­ne del­la spe­sa pub­bli­ca, rac­con­ta­re i pa­ra­dos­si del­la sua mis­sio­ne per ra­zio­na­liz­za­re il bi­lan­cio pub­bli­co. Mal­gra­do nei mi­ni­ste­ri sia sta­ta in­tro­dot­ta ora­mai da più di 15 an­ni la po­sta elet­tro­ni­ca, spie­ga­va l’eco­no­mi­sta, an­co­ra og­gi ne­gli uf­fi­ci ci so­no le­gio­ni di mes­si cam­mi­na­to­ri, ad­det­ti cioè al­lo spo­sta­men­to fi­si­co dei fal­do­ni di pra­ti­che da un uf­fi­cio all’al­tro. Sia­mo so­spe­si tra con­tem­po­ra­nei­tà e pas­sa­to re­mo­to. Sta a noi sce­glie­re da che par­te sta­re, qui e ora. Non de­ci­de­re si­gni­fi­ca aver già ri­nun­cia­to.

ILRITRATTO DIDORIANGRAY « L’ U N I CO FA S C I N O

D E L PA S S ATO È C H E È PA S S ATO! »

Do­po due an­ni la­scio la di­re­zio­ne di Wi­red. È sta­to un pe­rio­do straor­di­na­rio, so­prat­tut­to per quel che ho im­pa­ra­to dai col­le­ghi e fre­quen­tan­do la co­mu­ni­tà che Wi­red rap­pre­sen­ta. So­no tem­pi di tra­sfor­ma­zio­ne per l’edi­to­ria. E co­me ab­bia­mo det­to fin dal pri­mo gior­no que­sto non è un gior­na­le: è il rap­por­to di fi­du­cia che ci le­ga a co­lo­ro che un tem­po avrem­mo chia­ma­to let­to­ri. E che og­gi si tra­du­ce an­che ne­gli even­ti co­me il Wi­red Next Fe­st e nel­lo spa­zio di ri­le­van­za di Wi­red.it sul di­gi­ta­le che, gra­zie al­la vo­stra at­ten­zio­ne – l’uni­ca ri­sor­sa dav­ve­ro scar­sa dei no­stri tem­pi –, so­no cre­sciu­ti mol­tis­si­mo. Non ci po­te­va es­se­re per­so­na più in­di­ca­ta di Fe­de­ri­co Fer­raz­za, fi­no a ie­ri vi­ce­di­ret­to­re, per nu­tri­re que­sta re­la­zio­ne di nuo­ve idee ed esplo­ra­re nuo­vi mon­di. So che con­ti­nue­re­te a stu­pir­ci tut­ti. In­ven­tan­do, sba­glian­do, in­no­van­do.

IL TRONODISPADE «TRA­SFOR­MA CHI SEI NEL­LA TUA FORZA, CO­SÌ NON P O T R À M A I ES­SE­RE LA TUA

DE­BO­LEZ­ZA»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.