LA TEC­NO­LO­GIA CHE TI STA A CUO­RE

Wired (Italy) - - NEXT -

ME­DI­CA­LE Ogni an­no in Ita­lia 50mi­la per­so­ne muo­io­no in se­gui­to a un ar­re­sto car­dia­co cau­sa­to da un’arit­mia ma­li­gna, ma la tec­no­lo­gia è sem­pre più ef­fi­ca­ce nel con­tra­sta­re que­sto pe­ri­co­lo.

L’ul­ti­ma buo­na no­ti­zia si chia­ma Em­blem S-ICD, un de­fi­bril­la­to­re di se­con­da ge­ne­ra­zio­ne con­ce­pi­to da spe­cia­li­sti ita­lia­ni e svi­lup­pa­to dall’ame­ri­ca­na Bo­ston Scien­ti­fic che l’ha pre­sen­ta­to in an­te­pri­ma a Mi­la­no in oc­ca­sio­ne del con­gres­so Eh­ra Eu­ro­pa­ce-Car­dio­stim 2015. La pri­ma ge­ne­ra­zio­ne di que­sti de­fi­bril­la­to­ri, im­pian­ta­ti sot­to la pel­le del to­ra­ce, e quin­di po­co in­va­si­vi, pro­teg­ge già mi­lio­ni di pa­zien­ti, ma Em­blem è del 20% più sot­ti­le, di­spo­ne di bat­te­rie pro­gram­ma­te per du­ra­re il 40% più dei si­ste­mi tra­di­zio­na­li e di un mo­ni­to­rag­gio re­mo­to. Per i pa­zien­ti è un cam­bia­men­to epo­ca­le. «Per ca­pi­re la por­ta­ta di que­sta in­no­va­zio­ne», os­ser­va Ma­ria Gra­zia Bon­gior­ni, car­dio­lo­go pres­so l’ospe­da­le Ci­sa­nel­lo di Pi­sa, «ba­sta met­ter­si nei pan­ni di una per­so­na che de­ve ri­ce­ve­re un di­spo­si­ti­vo co­me un de­fi­bril­la­to­re, un cor­po estra­neo che gli sal­va la vi­ta, ma che ri­ma­ne co­mun­que un cor­po estra­neo con cui de­ve con­vi­ve­re quo­ti­dia­na­men­te: più pic­co­lo e sot­ti­le è, me­glio è. An­co­ra più im­por­tan­te è la sem­pli­ci­tà di im­pian­to, che ri­du­ce i gior­ni di ri­co­ve­ro e la du­ra­ta del­la bat­te­ria, che per­met­te di di­mi­nui­re il nu­me­ro di so­sti­tu­zio­ni nel cor­so del­la vi­ta». L’im­pat­to del­la tec­no­lo­gia sul­la me­di­ci­na è de­sti­na­to ad au­men­ta­re an­co­ra. «Noi me­di­ci sia­mo as­se­ta­ti di nuo­ve tec­no­lo­gie», con­fes­sa Bon­gior­ni che è sta­ta an­che uno dei pri­mi spe­cia­li­sti a uti­liz­za­re i Goo­gle Glass in sa­la ope­ra­to­ria, «ne ab­bia­mo bi­so­gno per fa­re me­glio il no­stro la­vo­ro e sal­va­re la vi­ta dei pa­zien­ti. La tec­no­lo­gia ha sen­so se può es­se­re im­pie­ga­ta nel­la pra­ti­ca di tut­ti i gior­ni, ma an­che per mi­glio­ra­re la for­ma­zio­ne del­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni di me­di­ci. L’in­se­gna­men­to, in un mon­do che cor­re sul web, non può pre­scin­de­re da que­sti stru­men­ti che con­sen­to­no di far vi­ve­re la pro­ce­du­ra agli al­lie­vi in tem­po rea­le, sen­za bar­rie­re di spa­zio». — s.m.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.