FE­DE­RI­CO FERRAZZA

Wired (Italy) - - PREFAZIONE -

Quan­do si par­la di fu­tu­ro, di so­li­to ci so­no due pos­si­bi­li­tà per af­fron­ta­re la que­stio­ne. La pri­ma con­si­ste nel con­si­de­ra­re ine­vi­ta­bi­le quel­lo che sta ac­ca­den­do o che av­ver­rà a bre­ve. Qual­cun al­tro in qual­che luo­go del mon­do – qua­si sem­pre in Ca­li­for­nia – sta de­ci­den­do per noi il do­ma­ni: ro­bot che ci rim­piaz­ze­ran­no sul luo­go di la­vo­ro, si­ste­mi di­gi­ta­li di pro­pa­gan­da e di con­trol­lo di mas­sa che can­cel­le­ran­no il con­cet­to di pri­va­cy e an­nul­le­ran­no la no­stra ca­pa­ci­tà cri­ti­ca, op­pu­re al­go­rit­mi in gra­do di in­di­riz­za­re ogni de­ci­sio­ne di ac­qui­sto.

Il se­con­do ap­proc­cio è quel­lo di chi cre­de nel­la re­li­gio­ne dell’Ho­mo Fa­ber. Quel­la per cui ogni sin­go­lo in­di­vi­duo è com­ple­ta­men­te ar­te­fi­ce del pro­prio de­sti­no, con la ca­pa­ci­tà di crea­re, co­strui­re e ma­ni­po­la­re la real­tà in cui vi­ve se­con­do i pro­pri bi­so­gni. In un mon­do in­ter­con­nes­so, go­ver­na­to per for­tu­na non da un so­lo es­se­re uma­no e nel qua­le le tec­no­lo­gie so­no so­la­men­te de­gli stru­men­ti (fan­ta­sti­ci, ma pur sem­pre stru­men­ti al no­stro ser­vi­zio), c’è pe­rò una ter­za via. Ed è for­se quel­la più vi­ci­na al­la real­tà. Nes­su­no di noi è in­fat­ti com­ple­ta­men­te ar­te­fi­ce del pro­prio de­sti­no. Ma, al­me­no nel­le eco­no­mie svi­lup­pa­te, non sia­mo nem­me­no in to­ta­le ba­lia de­gli al­tri o del­le tec­no­lo­gie che, se­con­do i fu­tu­ro­lo­gi più di­sto­pi­ci, ci stan­no con­dan­nan­do a un de­sti­no da sud­di­ti. Sia­mo im­mer­si in un am­bien­te che è ca­rat­te­riz­za­to dal­la tec­no­lo­gia, an­zi è tec­no­lo­gia: in­tel­li­gen­ze ar­ti­fi­cia­li pre­sen­ti in ogni set­to­re del­la so­cie­tà, me­di­ci­ne, cu­re e di­spo­si­ti­vi che ci ga­ran­ti­sco­no una

vi­ta da so­le, mi­glio­re si­ste­mi e più co­me lun­ga, bloc­k­chain au­to­mo­bi­li che per­met­to­no che si gui­da­no tran­sa­zio­ni – non so­lo fi­nan­zia­rie – si­cu­re, ener­gie pu­li­te che non ren­do­no più un os­si­mo­ro il bi­no­mio svi­lup­po (o cre­sci­ta) e so­ste­ni­bi­li­tà. E mol­to, mol­to al­tro. È chia­ro che que­ste in­no­va­zio­ni non so­no sta­te pro­dot­te da sin­go­li in­di­vi­dui. Ci si è ar­ri­va­ti con il tem­po e gra­zie a una mol­te­pli­ci­tà di per­so­ne che ha mes­so il pro­prio mat­ton­ci­no o il pro­prio pi­xel.

Se quin­di vo­glia­mo vi­ve­re il no­stro tem­po in ma­nie­ra ri­le­van­te, la­scian­do cioè un se­gno a fa­vo­re del­la col­let­ti­vi­tà e ma­ga­ri del­le fu­tu­re ge­ne­ra­zio­ni, dob­bia­mo usa­re que­sti stru­men­ti e fa­re la no­stra par­te. Al­la ba­se di tut­to c’è quin­di la co­no­scen­za dei mez­zi. È l’obiet­ti­vo del vo­lu­me di Wi­red che sta­te sfo­glian­do ora: una mag­gio­re con­sa­pe­vo­lez­za de­gli stru­men­ti di cui par­la­vo qual­che ri­ga più in al­to. Per gra­zie que­sto al­la ab­bia­mo col­la­bo­ra­zio­ne co­strui­to di una Ip­sos. re­da­zio­ne Con i no­stri “au­men­ta­ta” gior­na­li­sti e i lo­ro ri­cer­ca­to­ri (da sem­pre at­ten­ti ai cam­bia­men­ti del­le di­na­mi­che so­cia­li e di mer­ca­to) ab­bia­mo in­fat­ti co­sti­tui­to un team per map­pa­re le prin­ci­pa­li ten­den­ze che ci at­ten­do­no nel 2018 in set­te am­bi­ti: tec­no­lo­gia, scien­ze, mo­bi­li­tà, cul­tu­ra/me­dia, bu­si­ness, politica e am­bien­te/ener­gia.

Ab­bia­mo co­sì scat­ta­to set­te istan­ta­nee del mon­do (in ogni ca­pi­to­lo in­tro­dot­te dal­la pa­ro­la Now) e in­di­vi­dua­to le sfi­de da af­fron­ta­re ( Next). Ov­ve­ro gli stru­men­ti ne­ces­sa­ri a ca­pi­re co­me da­re il no­stro pic­co­lo (o gran­de) con­tri­bu­to al cam­bia­men­to pro­fon­do che stia­mo vi­ven­do. Che, poi, per usa­re le pa­ro­le – ri­fe­ri­te non so­lo all’esplo­ra­zio­ne spa­zia­le – dell’astro­nau­ta Buzz Al­drin (qual­che me­se fa ospi­te del Wi­red Next Fe­st) è l’uni­co mo­do per re­sta­re vi­vi: «O esplo­ria­mo nuo­vi ter­ri­to­ri o ci estin­gue­re­mo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.