PRE­FA­ZIO­NE

Wired (Italy) - - NEWS -

Cre­sci­ta de­mo­gra­fi­ca. In­vec­chia­men­to del­la po­po­la­zio­ne. Di­spo­si­ti­vi in gra­do di mo­ni­to­ra­re, ge­ne­ra­re e con­di­vi­de­re in tem­po reale da­ti pro­ve­nien­ti dal no­stro or­ga­ni­smo. At­ten­zio­ne mag­gio­re al no­stro cor­po, non so­lo quan­do è ma­la­to. Tut­ti gli in­di­ca­to­ri ci di­co­no che la do­man­da di sa­lu­te cre­sce­rà nei pros­si­mi an­ni. E le tec­no­lo­gie di­gi­ta­li avran­no un ruo­lo chia­ve in que­sto cam­bia­men­to. In tut­te le di­re­zio­ni: dalla ri­cer­ca me­di­co-scien­ti­fi­ca – più ve­lo­ce e pre­ci­sa grazie a big da­ta e in­tel­li­gen­ze ar­ti­fi­cia­li – al­la cu­ra del pa­zien­te ogni gior­no più per­so­na­liz­za­ta, dal pro­fon­do cam­bia­men­to del­le azien­de dell’heal­th­ca­re al­la rior­ga­niz­za­zio­ne dei si­ste­mi sa­ni­ta­ri na­zio­na­li e di wel­fa­re (og­gi mes­si a du­ra prova da cit­ta­di­ni sem­pre più an­zia­ni e quin­di più sog­get­ti ad am­ma­lar­si, pe­ral­tro con pa­to­lo­gie cro­ni­che), fi­no agli sti­li di vi­ta sa­lu­bri (sport, ci­bo, ri­du­zio­ne del­lo stress).

Con un si­mi­le scenario, le gran­di azien­de tec­no­lo­gi­che stanno ela­bo­ran­do di­ver­se stra­te­gie di in­gres­so in que­sto mercato. Ibm è par­ti­ta da tem­po con il suo su­per­cal­co­la­to­re Wa­tson, mes­so a di­spo­si­zio­ne di ospe­da­li e cen­tri di ri­cer­ca per con­sen­ti­re di es­se­re più ra­pi­di e pun­tua­li nel­la dia­gno­sti­ca. Al­pha­bet (la hol­ding di Google), at­tra­ver­so il suo fondo di ven­tu­re ca­pi­tal GV, è azio­ni­sta di 54 so­cie­tà del mon­do del­le life scien­ce: star­tup o azien­de più con­so­li­da­te che rea­liz­za­no, per esem­pio, te­ra­pie per­so­na­liz­za­te con­tro il can­cro, ci­bi in la­bo­ra­to­rio più sa­ni di quel­li di ma­dre na­tu­ra, piat­ta­for­me di­gi­ta­li per tro­va­re il me­di­co più vi­ci­no o com­pa­gnie che ana­liz­za­no gran­di quan­ti­tà di da­ti per an­ti­ci­pa­re l’ar­ri­vo di epi­de­mie.

Un al­tro co­los­so tec­no­lo­gi­co in­go­lo­si­to dal­le op­por­tu­ni­tà del­la di­gi­ta­liz­za­zio­ne del­la sa­lu­te è Ama­zon. Che si sta muo­ven­do su diversi fron­ti. All’ini­zio del 2018 ha av­via­to la ven­di­ta di far­ma­ci da ban­co (nean­che a dir­lo più eco­no­mi­ci di quel­li che si tro­va­no in far­ma­cia) con un pro­prio mar­chio: Ba­sic Ca­re. Una mos­sa che ha get­ta­to nel pa­ni­co i big del­le far­ma­cie co­me le sta­tu­ni­ten­si Cvs o Wal­greens che da sem­pre te­me­va­no l’ar­ri­vo di Ama­zon e del­la sua ca­pa­ci­tà di te­ne­re bas­si i prez­zi at­tra­ver­so una lo­gi­sti­ca for­mi­da­bi­le. L’azien­da fon­da­ta da Jeff Be­zos ha inol­tre an­nun­cia­to un ac­cor­do con J.P. Mor­gan e Berk­shi­re Ha­tha­way (hol­ding di cui è pre­si­den­te e Ceo War­ren Buf­fett) per for­ma­re una so­cie­tà as­si­cu­ra­ti­va no pro­fit con l’obiet­ti­vo di ri­dur­re i co­sti per i servizi medici sta­tu­ni­ten­si. È quin­di uf­fi­cia­liz­za­to l’in­gres­so nel ric­chis­si­mo mercato del­le as­si­cu­ra­zio­ni sa­lu­te.

An­che le gran­di so­cie­tà dell’elet­tro­ni­ca di con­su­mo (Ap­ple, Hua­wei, Sam­sung e co­sì via) par­te­ci­pa­no al­la sfi­da. So­no in­fat­ti sem­pre di più i medici che uti­liz­za­no de­vi­ce di real­tà vir­tua­le e au­men­ta­ta per gli in­ter­ven­ti chi­rur­gi­ci o per le vi­si­te. Ma in cre­sci­ta so­no so­prat­tut­to le te­ra­pie di­gi­ta­li (in inglese esi­ste già una pa­ro­la per iden­ti­fi­car­le: di­gi­ceu­ti­cal), ov­ve­ro app – per smart­pho­ne o computer – che con­sen­to­no, per esem­pio, di te­ne­re sot­to con­trol­lo al­cu­ni pa­ra­me­tri vi­ta­li co­me nel ca­so dei ma­la­ti cro­ni­ci o di al­le­na­re al­cu­ne abi­li­tà, co­me l’at­ten­zio­ne in sog­get­ti af­fet­ti da Adhd (Di­stur­bo da de­fi­cit di at­ten­zio­ne/ipe­rat­ti­vi­tà). L’en­te sta­tu­ni­ten­se che ap­pro­va l’in­gres­so sul mercato dei nuo­vi far­ma­ci, la Food and drug ad­mi­ni­stra­tion, ha con­ta­to ol­tre 150 azien­de con una te­ra­pia di­gi­ta­le già com­mer­cia­liz­za­ta.

Le ca­se far­ma­ceu­ti­che non stanno cer­to a guar­da­re que­sta “in­va­sio­ne”. E co­sì, og­gi, non studiano e pro­du­co­no so­la­men­te me­di­ci­na­li e cu­re ma, an­che loro, usa­no la tec­no­lo­gia per cam­bia­re loro stes­se e dun­que – in ma­nie­ra ri­le­van­te – il loro bu­si­ness. C’è chi pro­du­ce di­spo­si­ti­vi medici per il mo­ni­to­rag­gio a di­stan­za dei pa­zien­ti o chi è all’avan­guar­dia del­la me­di­ci­na per­so­na­liz­za­ta grazie ai pas­si in avanti fat­ti nel­la ge­no­mi­ca e nel­le ca­pa­ci­tà di cal­co­lo dei pro­ces­so­ri.

L’obiet­ti­vo di tut­ti è sem­pre uno. Mi­glio­ra­re quella mac­chi­na per­fet­ta – nel­la co­per­ti­na di que­sto vo­lu­me di Wi­red rap­pre­sen­ta­ta da Ro­ber­to Bol­le – che è il cor­po uma­no. Una mac­chi­na che nel cor­so de­gli ul­ti­mi due se­co­li, grazie all’in­no­va­zio­ne scien­ti­fi­ca e tec­no­lo­gi­ca, è tal­men­te mi­glio­ra­ta che og­gi siamo ol­tre set­te mi­liar­di sul­la Ter­ra, con­tro i 700 mi­lio­ni del­la fi­ne del XVIII se­co­lo. Cioè: dalla pri­ma Ri­vo­lu­zio­ne in­du­stria­le in poi è sta­ta re­gi­stra­ta una cre­sci­ta in­cre­di­bi­le del­la qualità e del­la du­ra­ta me­dia del­la vi­ta. Un avan­za­men­to che non è an­co­ra fi­ni­to e che nel­le pros­si­me pa­gi­ne rac­con­tia­mo.

p.s.: Al te­ma dell’in­no­va­zio­ne in sa­lu­te de­di­chia­mo Wi­red Heal­th, un evento – in aper­tu­ra del­la Milano Di­gi­tal Week – con spea­ker da tut­to il mon­do. Sul pal­co, al­cu­ni dei no­mi più im­por­tan­ti del set­to­re co­me Sha­fi Ah­med, chi­rur­go, in­no­va­to­re, im­pren­di­to­re, esper­to di real­tà vir­tua­le e au­men­ta­ta in me­di­ci­na, Giu­sep­pe Testa dell’Isti­tu­to Eu­ro­peo di On­co­lo­gia, Ar­tu­ro Chi­ti dell’Hu­ma­ni­tas di Milano, Atha­na­sios Drou­g­kas dell’Eu­ro­pean Union agen­cy for net­work and in­for­ma­tion security (Eni­sa), Sa­man­tha Pay­ne di Open Bio­nics e mol­ti al­tri. Su Wi­red.it tut­te le in­fo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.