IL VAC­CI­NO CHE VERRË

In prin­ci­pio fu il va­io­lo eci pen­sò di­ret­ta­men­te la na­tu­ra a tro­va­re una con­tro­mi­su­ra. Da al­lo­ra, l ’ idea ( e la pra­ti­ca) del­la vac­ci­na­zio­ne ha fatto pas­si da gi­gan­te. Ora va all’at­tac­co dei v irus mu­tan­ti e prova a c am­bia­re pro­spet­ti­va

Wired (Italy) - - WIRED -

Nel­la vi­ta, an­che quan­do ac­ca­de qual­co­sa di brut­to, esi­ste sem­pre un ri­svol­to po­si­ti­vo. Pen­sa­te al mor­bil­lo. Chi lo con­trae pas­sa gior­na­te mol­to spia­ce­vo­li, ri­schia pu­re la pel­le, ma al­la fi­ne qual­co­sa di po­si­ti­vo ri­ma­ne: non con­trar­rà mai più il mor­bil­lo. Il prin­ci­pio sul qua­le si ba­sa­no le vac­ci­na­zio­ni è un’esten­sio­ne di que­sta ve­ri­tà: quan­do vac­ci­nia­mo un in­di­vi­duo, es­sen­zial­men­te lo met­tia­mo nel­le con­di­zio­ni di chi ha avu­to la ma­lat­tia ed è gua­ri­to, sen­za pe­rò far­gli cor­re­re gli stes­si ri­schi e sen­za far­gli pa­ti­re le stes­se sof­fe­ren­ze. Co­me si può met­te­re, in tut­ta sicurezza, un pa­zien­te nel­le con­di­zio­ni di chi ha avu­to la ma­lat­tia ed è gua­ri­to? Tra­di­zio­nal­men­te esi­sto­no due stra­de: la pri­ma è usa­re un mi­cror­ga­ni­smo at­te­nua­to, che in­fet­ta il pa­zien­te ma non gli pro­vo­ca nessun dan­no, sti­mo­lan­do­gli al­lo stes­so tem­po in ma­nie­ra in­ten­sa ed ef­fi­ca­ce il sistema im­mu­ni­ta­rio. Do­ve li tro­via­mo que­sti mi­cror­ga­ni­smi at­te­nua­ti? Il pri­mo nel­la sto­ria ce l’ha mes­so a di­spo­si­zio­ne la na­tu­ra: era il virus del va­io­lo del­le muc­che, la ver­sio­ne at­te­nua­ta del va­io­lo uma­no. Ci si ac­cor­se che chi con­trae­va per ca­so il va­io­lo del­le muc­che era poi im­mu­ne a quel­lo uma­no: ec­co la pro­te­zio­ne sen­za la ma­lat­tia, o me­glio con una ma­lat­tia im­men­sa­men­te più lie­ve. Il virus era “vac­ci­no” (in­te­so co­me ag­get­ti­vo: “ca­ni­no”, “fe­li­no”, que­sto era del­le vac­che e quin­di “vac­ci­no”) e, con il pas­sag­gio da ag­get­ti­vo a so­stan­ti­vo, la pri­ma vac­ci­na­zio­ne era na­ta. Eb­be tan­to suc­ces­so da far scom­pa­ri­re il virus del va­io­lo (quel­lo vero) dalla fac­cia del­la ter­ra.

Ma co­me fa­re per gli al­tri virus, quel­li dei qua­li la na­tu­ra non ci ave­va ge­ne­ro­sa­men­te re­ga­la­to la ver­sio­ne at­te­nua­ta? Non c’era­no, quin­di bi­so­gna­va pre­pa­rar­se­li. Per for­tu­na ci si ac­cor­se che, pren­den­do un virus e fa­cen­do­lo re­pli­ca­re a lun­go in la­bo­ra­to­rio, quel­lo si “in­de­bo­li­va”. Ora sap­pia­mo il per­ché (si ac­cu­mu­la­no mu­ta­zio­ni nel ge­no­ma del virus, che ne di­mi­nui­sco­no la ca­pa­ci­tà di mol­ti­pli­car­si nel pa­zien­te), ma all’ini­zio, quan­do non si ave­va­no le co­no­scen­ze ne­ces­sa­rie di vi­ro­lo­gia mo­le­co­la­re, l’ap­proc­cio era com­ple­ta­men­te em­pi­ri­co. Si pro­va­va, quin­di si va­lu­ta­va la “cat­ti­ve­ria” dei virus su­gli animali e in­fi­ne si spe­ri­men­ta­va sull’uo­mo. È grazie a que­sta me­to­do­lo­gia che so­no sta­ti ot­te­nu­ti im­por­tan­tis­si­mi vac­ci­ni, co­me quel­li at­tual­men­te in uso con­tro ro­so­lia, mor­bil­lo, pa­ro­ti­te e va­ri­cel­la. Cer­to, non sem­pre è an­da­to tut­to li­scio: nel ca­so del­la pa­ro­ti­te, per esem­pio, il pri­mo virus “at­te­nua­to”, che sem­bra­va si­cu­ris­si­mo – il cep­po Ura­be –, si di­mo­strò più “cat­ti­vo” del pre­vi­sto: un vac­ci­na­to su 10mi­la svi­lup­pa­va una me­nin­gi­te, per cui fu pron­ta­men­te so­sti­tui­to. Non per tut­ti i virus, pe­rò, è pos­si­bi­le uti­liz­za­re que­sta stra­te­gia. Al­cu­ni, per esem­pio, non si at­te­nua­no: in que­sti ca­si, si ten­ta di ren­der­li inof­fen­si­vi in la­bo­ra­to­rio, ta­glian­do via pez­zi di ge­no­ma o in­se­ren­do “osta­co­li” al­la loro re­pli­ca­zio­ne, ma non è co­sa fa­ci­le e fi­no­ra nes­su­no di que­sti vac­ci­ni è ar­ri­va­to in far­ma­cia.

Al­tre vol­te il virus è pe­ri­co­lo­sis­si­mo e l’at­te­nua­zio­ne è pro­ble­ma­ti­ca. Pro­va­te a immaginare un virus Ebo­la at­te­nua­to: lo iniet­te­rem­mo cer­ta­men­te con il fia­to so­spe­so. Per que­sto si è scel­ta una stra­da com­ple­ta­men­te di­ver­sa: si è pre­so un pezzo di Ebo­la e lo si è tra­pian­ta­to in virus me­no pe­ri­co­lo­si (che in que­sto ca­so ven­go­no chia­ma­ti “vet­to­ri”, in quan­to tra­spor­ta­no pro­tei­ne estra­nee) che, in­fet­tan­do l’uo­mo, da un la­to non cau­sa­no nul­la che pos­sa lon­ta­na­men­te ri­cor­da­re Ebo­la, dall’al­tro su­sci­ta­no una ri­spo­sta im­mu­ne con­tro il pezzo di que­sto virus che vie­ne tra­spor­ta­to. Que­sti vac­ci­ni non so­no an­co­ra in com­mer­cio, ma i risultati pre­li­mi­na­ri so­no dav­ve­ro en­tu­sia­sman­ti: uno di que­sti sem­bra ave­re un’ef­fi­ca­cia del 100%! Quan­do que­ste stra­de non por­ta­no a nul­la, bi­so­gna fa­re di­ver­sa­men­te: ab­ban­do­na­re i virus at­te­nua­ti e pre­pa­ra­re i vac­ci­ni in ma­nie­ra di­ver­sa: uti­liz­zan­do i virus inat­ti­va­ti. Ac­can­to al­la pos­si­bi­li­tà di usa­re un virus “vi­vo”, in­fat­ti, esi­ste quella di pren­der­lo, far­lo crescere in col­tu­ra, e poi – uti­liz­zan­do al­cu­ne so­stan­ze chi­mi­che – inat­ti­var­lo in mo­do che non sia più in gra­do di re­pli­car­si, ma re­sti ca­pa­ce di sti­mo­la­re cor­ret­ta­men­te il sistema im­mu­ni­ta­rio. Ca­pi­te che è una co­sa piut­to­sto com­pli­ca­ta: se il virus lo di­strug­gia­mo trop­po, non è più in gra­do di sti­mo­la­re una ri­spo­sta; ma se lo di­strug­gia­mo trop­po po­co è an­co­ra vi­vo e ca­pa­ce di pro­vo­ca­re la ma­lat­tia.

In pas­sa­to, quan­do le tecniche era­no me­no raf­fi­na­te, ac­cad­de­ro ve­re e pro­prie tra­ge­die: nel 1955, la man­ca­ta inat­ti­va­zio­ne di 120.000 do­si di vac­ci­no con­tro la po­lio­mie­li­te, do­vu­ta a un er­ro­re di pro­du­zio­ne da par­te di una pic­co­la azien­da far­ma­ceu­ti­ca, cau­sò de­ci­ne di pa­ra­li­si e ad­di­rit­tu­ra diversi mor­ti. Ades­so siamo di­ven­ta­ti più bra­vi, i con­trol­li so­no mol­to più ser­ra­ti e que­sti in­ci­den­ti non ca­pi­ta­no più; mol­ti vac­ci­ni si­cu­ri ed ef­fi­ca­ci so­no co­sti­tui­ti da virus pro­dot­ti in la­bo­ra­to­rio e poi inat­ti­va­ti (co­me quel­lo con­tro l’epa­ti­te A). Nel ca­so, poi, di bat­te­ri che cau­sa­no ma­lat­tie at­tra­ver­so la pro­du­zio­ne di una tos­si­na, ov­ve­ro una pro­tei­na che ha un ef­fet­to estre­ma­men­te ne­ga­ti­vo sul no­stro or­ga­ni­smo – in po­che pa­ro­le, qual­co­sa di si­mi­le a un ve­le­no –, lo stes­so gio­chet­to può es­se­re fatto con la tos­si­na stes­sa. La pu­ri­fi­chia­mo, la trat­tia­mo chi­mi­ca­men­te e poi la som­mi­ni­stria­mo al pa­zien­te che – se mai sa­rà in­fet­ta­to dal bat­te­rio che pro­du­ce la tos­si­na – sa­rà pro­tet­to. Le vac­ci­na­zio­ni con­tro il te­ta­no e con­tro la dif­te­ri­te ven­go­no ef­fet­tua­te pro­prio uti­liz­zan­do una tos­si­na inat­ti­va­ta (si chiama tos­soi­de), e per for­tu­na inat­ti­va­re le tos­si­ne è me­no com­pli­ca­to che far­lo con i virus, quin­di non ci so­no mai sta­ti in­ci­den­ti.

C’è pe­rò un pro­ble­ma: al­cu­ni virus non si re­pli­ca­no in la­bo­ra­to­rio. Co­sa fa­re in que­sti ca­si? Da un la­to non pos­sia­mo at­te­nuar­li (pro­ce­du­ra che ri­chie­de la re­pli­ca­zio­ne in col­tu­re cel­lu­la­ri), dall’al­tra non pos­sia­mo nean­che pro­dur­li per poi inat­ti­var­li. Do­vrem­mo la­sciar perdere? Nean­che per idea, vi­sto che tra i virus che non si re­pli­ca­no ci so­no pa­to­ge­ni pe­ri­co­lo­sis­si­mi co­me il virus dell’epa­ti­te B! Fi­no a un cer­to mo­men­to, l’uni­co mo­do per pro­dur­re il vac­ci­no con­tro l’epa­ti­te B era pren­de­re il san­gue dai pa­zien­ti in­fet­ti, pu­ri­fi­ca­re il virus e poi inat­ti­var­lo: una pro­ce­du­ra com­pli­ca­ta, co­sto­sis­si­ma e non pri­va di ri­schi (in­sie­me al virus dell’epa­ti­te po­te­va es­ser­ce­ne qua­lun­que al­tro!).

La so­lu­zio­ne, in que­sto ca­so, ar­ri­vò dalla bio­lo­gia mo­le­co­la­re e – in­cre­di­bil­men­te – dal lie­vi­to che tut­ti i for­nai usa­no per fa­re il pa­ne, che noi scien­zia­ti chia­mia­mo pom­po­sa­men­te Sac­cha­ro­my­ces ce­re­vi­siae. Una vol­ta iden­ti­fi­ca­to il gene che co­di­fi­ca­va la pro­tei­na prin­ci­pa­le di que­sto virus, det­to an­ti­ge­ne S, si è riu­sci­ti a in­se­rir­lo nel ge­no­ma del lie­vi­to al po­sto di una pro­tei­na im­por­tan­tis­si­ma per la sua so­prav­vi­ven­za e nu­tri­zio­ne. Co­sì il lie­vi­to, op­por­tu­na­men­te in­gan­na­to, pen­san­do di pro­dur­re una co­sa uti­le per sé, si è mes­so a pro­dur­re una gran quan­ti­tà (si fa per di­re) di pro­tei­ne vi­ra­li, che si so­no as­sem­bla­te in ma­nie­ra non trop­po dis­si­mi­le dal virus “vero”. Ov­via­men­te que­sti virus “fal­si” (detti Vlp, virus-like par­ti­cles, ov­ve­ro par­ti­cel­le che as­so­mi­glia­no ai virus) non so­no in gra­do di re­pli­car­si, ma som­mi­ni­stra­ti a un pa­zien­te su­sci­ta­no una ri­spo­sta pro­tet­ti­va che sta fa­cen­do scom­pa­ri­re l’epa­ti­te B. La stes­sa co­sa, con­cet­tual­men­te, è av­ve­nu­ta per il vac­ci­no con­tro il pa­pil­lo­ma virus uma­no, che cau­sa tu­mo­ri del col­lo dell’ute­ro e di al­tri di­stret­ti cor­po­rei. Esi­sto­no cel­lu­le eu­ca­rio­ti­che che pro­du­co­no Vlp ef­fi­ca­cis­si­me, an­che in que­sto ca­so, nell’in­dur­re una ri­spo­sta im­mu­ne.

Le dif­fi­col­tà pe­rò non fi­ni­sco­no mai. Ci so­no bat­te­ri che han­no un tal­lo­ne d’Achil­le nel­la loro cap­su­la, ov­ve­ro nel­la loro prin­ci­pa­le arma di di­fe­sa dal no­stro sistema im­mu­ni­ta­rio; se riu­scia­mo a pro­dur­re gli an­ti­cor­pi con­tro que­sta strut­tu­ra, so­no fi­ni­ti. Il pro­ble­ma è che le so­stan­ze che com­pon­go­no la cap­su­la so­no spes­so qua­si in­vi­si­bi­li al sistema im­mu­ni­ta­rio e non rie­sco­no a sti­mo­lar­lo co­me si de­ve. Per esem­pio, il sistema im­mu­ni­ta­rio dei bam­bi­ni sot­to ai due an­ni non sa rea­gi­re ade­gua­ta­men­te al­la cap­su­la di un bat­te­rio mol­to pe­ri­co­lo­so, chia­ma­to emo­fi­lo di ti­po B. È chia­ro che è inu­ti­le som­mi­ni­stra­re una mo­le­co­la se il sistema im­mu­ne non la ve­de. Ad al­cu­ni ri­cer­ca­to­ri, pe­rò, è ve­nu­ta un’idea bril­lan­tis­si­ma: le­ga­re (“co­niu­ga­re” è il ter­mi­ne tec­ni­co) le mo­le­co­le del­la cap­su­la ad al­cu­ni sti­mo­lan­ti del sistema im­mu­ne.

Han­no fatto centro. Il nuovo vac­ci­no “co­niu­ga­to” ha ri­dot­to del 99% il nu­me­ro dei ca­si di me­nin­gi­te pro­vo­ca­ti da que­sto bat­te­rio. Da­to il suc­ces­so, la stes­sa pro­ce­du­ra è sta­ta re­pli­ca­ta per al­tri bat­te­ri, co­me lo pneu­mo­coc­co (che cau­sa un sac­co di ma­lat­tie, tra le qua­li pol­mo­ni­ti, oti­ti e me­nin­gi­ti; non so­lo nei bam­bi­ni ma an­che ne­gli an­zia­ni) e il me­nin­go­coc­co (al­tra im­por­tan­te cau­sa di me­nin­gi­te).

Qui è ar­ri­va­ta un’al­tra dif­fi­col­tà, ap­pa­ren­te­men­te in­sor­mon­ta­bi­le: la cap­su­la del me­nin­go­coc­co di ti­po B è fat­ta di una so­stan­za iden­ti­ca a una mo­le­co­la che è pre­sen­te nel no­stro cor­po. Ca­pi­te be­ne co­me in­dur­re una ri­spo­sta im­mu­ne con­tro qual­co­sa che è un com­po­nen­te del no­stro or­ga­ni­smo sia una pes­si­ma idea e sia mol­to ri­schio­so. La stra­da era chiu­sa, bi­so­gna­va tro­var­ne un’al­tra: l’ha in­di­vi­dua­ta un italiano, Ri­no Rap­puo­li, che ha mes­so a pun­to il pri­mo dei vac­ci­ni di una nuo­va generazione. Ha tra­la­scia­to la strut­tu­ra del bat­te­rio e si è mes­so a stu­dia­re il suo dna, se­quen­zian­do­lo tut­to, ov­ve­ro “leg­gen­do­lo” dal pri­mo all’ultimo gene. Poi ha ana­liz­za­to al computer ogni sin­go­la pro­tei­na pro­dot­ta da tut­ti quei geni e ha in­di­vi­dua­to qua­li di es­se po­tes­se­ro es­se­re un ber­sa­glio ot­ti­ma­le per il sistema im­mu­ni­ta­rio; le ha pro­dot­te in la­bo­ra­to­rio con un sistema non trop­po di­ver­so da quel­lo usa­to per il vac­ci­no con­tro l’epa­ti­te B ed è riu­sci­to non so­lo a pro­dur­re un vac­ci­no che pri­ma non c’era, ma an­che ad apri­re nuo­vi oriz­zon­ti. Qua­li vac­ci­ni so­no in vi­sta ol­tre que­sti nuo­vi oriz­zon­ti?

Ri­par­tia­mo dall’ini­zio: i vac­ci­ni met­to­no le persone vac­ci­na­te nel­le con­di­zio­ni di chi ha avu­to la ma­lat­tia ed è gua­ri­to. Ma co­me la met­tia­mo per quel­le ma­lat­tie che possono es­se­re con­trat­te di nuovo an­che da chi è gua­ri­to? In que­sti ca­si i vac­ci­ni non li ab­bia­mo. Per esem­pio, chi si li­be­ra dal virus dell’epa­ti­te C (il 20% dei pa­zien­ti) non è per nul­la pro­tet­to; chi è in­fet­ta­to dal virus che cau­sa l’Aids ad­di­rit­tu­ra non gua­ri­sce mai. So­no virus che mu­ta­no in mo­do espo­nen­zia­le (im­ma­gi­na­te­li co­me bra­vis­si­mi hac­ker do­ta­ti di pro­gram­mi un­loc­ker che gi­ra­no con­ti­nua­men­te fin­ché non tro­va­no la password giu­sta del si­to da at­tac­ca­re), che rie­sco­no a sfug­gi­re agli at­tac­chi de­gli an­ti­cor­pi e del­le cel­lu­le, su­pe­ran­do le nostre di­fe­se, e che si so­no evo­lu­ti per po­ter in­gan­na­re il no­stro sistema im­mu­ni­ta­rio. Met­te­re il pa­zien­te nel­le con­di­zio­ni di chi ha avu­to la ma­lat­tia ed è gua­ri­to non ser­ve a nul­la; dun­que la sfi­da è fa­re me­glio del­la na­tu­ra: dob­bia­mo tro­va­re il pun­to de­bo­le di que­sti virus e in­dur­re nei pa­zien­ti non la ri­spo­sta im­mu­ni­ta­ria che se­gue al­la ma­lat­tia, ben­sì una ri­spo­sta mol­to più ef­fi­ca­ce.

So­no que­ste le Co­lon­ne d’Ercole del­la vac­ci­no­lo­gia mo­der­na: riu­sci­re a fa­re me­glio del­la na­tu­ra. Ma co­me? Que­sti virus cam­bia­no co­sì tan­to che non ne ab­bia­mo, den­tro una per­so­na, uno ugua­le a un al­tro. Ep­pu­re, an­che qui esi­ste un pun­to de­bo­le, per­ché c’è qual­co­sa che non si può cam­bia­re. Pen­sa­te al­le au­to: so­no mol­to dif­fe­ren­ti l’una dall’al­tra, ma tut­te, dalla Formula 1 al­la 500, si as­so­mi­glia­no in una co­sa: le ruo­te, che de­vo­no es­se­re ro­ton­de al­tri­men­ti l’au­to non si muo­ve. In ef­fet­ti la for­ma dei fa­ri, de­gli spec­chiet­ti, del­le ma­ni­glie e per­si­no del vo­lan­te può es­se­re variabile. Ma le ruo­te no. So­no sem­pre ro­ton­de, per­ché han­no una fun­zio­ne che di­pen­de dalla loro for­ma. Eb­be­ne, an­che i virus han­no le ruo­te: una strut­tu­ra mo­le­co­la­re che se vie­ne mo­di­fi­ca­ta ne im­pe­di­sce il fun­zio­na­men­to. Quel­lo che sta fa­cen­do la ri­cer­ca è iden­ti­fi­ca­re le “ruo­te” dei virus, per poi ten­ta­re di co­strui­re vac­ci­ni che pos­sa­no in­dur­re la pro­du­zio­ne di an­ti­cor­pi di­ret­ti con­tro que­ste strut­tu­re, che i virus non possono cam­bia­re e che na­tu­ral­men­te ten­go­no ben na­sco­ste. Que­sto po­treb­be met­ter­ci a di­spo­si­zio­ne un vac­ci­no uni­ver­sa­le con­tro l’in­fluen­za, che non deb­ba es­se­re som­mi­ni­stra­to ogni an­no con ef­fi­ca­cia im­pre­ve­di­bi­le, e an­che vac­ci­ni uti­li con­tro il virus che cau­sa l’Aids e con­tro quel­lo dell’epa­ti­te C.

Ve­der ar­ri­va­re in far­ma­cia un vac­ci­no, tut­ta­via, sa­reb­be an­co­ra com­pli­ca­to, lun­go e co­sto­sis­si­mo. In­fat­ti bi­so­gne­reb­be pro­dur­re in la­bo­ra­to­rio i suoi com­po­nen­ti, pu­ri­fi­car­li, sag­giar­ne l’ef­fi­ca­cia e in­fi­ne la sicurezza, che nel ca­so dei vac­ci­ni de­ve es­se­re al­tis­si­ma. Tut­to que­sto è un pro­ble­ma non so­lo in ter­mi­ni eco­no­mi­ci, ma an­che di tem­po: un nuovo virus po­treb­be sal­tar fuo­ri in mo­do inaspettato e – men­tre noi pro­du­cia­mo il vac­ci­no – in­fet­ta­re nel frat­tem­po un gran nu­me­ro di persone. Dob­bia­mo do­tar­ci di stru­men­ti che ci met­ta­no in gra­do di ri­spon­de­re tem­pe­sti­va­men­te a un’even­tua­le mi­nac­cia. Per que­sto, al­cu­ni ri­cer­ca­to­ri han­no ten­ta­to un ap­proc­cio ri­vo­lu­zio­na­rio: i vac­ci­ni so­no spes­so co­sti­tui­ti da pro­tei­ne, e le pro­tei­ne ven­go­no pro­dot­te dal­le cel­lu­le sul­la ba­se di in­for­ma­zio­ni che so­no con­te­nu­te in mo­le­co­le chia­ma­te “Rna mes­sag­ge­ro”.

Eb­be­ne, que­sti scien­zia­ti han­no pen­sa­to di far ar­ri­va­re al­cu­ne mo­le­co­le di Rna mes­sag­ge­ro all’in­ter­no del­le cel­lu­le del pa­zien­te, met­ten­do­le nel­le con­di­zio­ni di sin­te­tiz­za­re loro stes­se le pro­tei­ne del vac­ci­no. Po­ten­zial­men­te, qual­co­sa di stra­bi­lian­te! Gli Rna mes­sag­ge­ri so­no fa­ci­lis­si­mi e ve­lo­cis­si­mi da pro­dur­re, si possono mo­di­fi­ca­re in tem­pi ra­pi­di per adat­tar­li al­le mu­ta­zio­ni del virus (pen­sa­te all’in­fluen­za!) e, se ne ve­nis­se di­mo­stra­ta sul cam­po l’ef­fi­ca­cia e la sicurezza, sa­rem­mo da­van­ti a un gran­dis­si­mo pas­so in avanti: i pa­zien­ti che si vac­ci­na­no non più ri­ce­ven­do mo­le­co­le dall’ester­no, ma pro­du­cen­do­le nel­le loro cel­lu­le. Tut­ta­via, ci so­no al­cu­ni pro­ble­mi non fa­ci­li da ri­sol­ve­re: grazie agli avan­za­men­ti del­la me­di­ci­na, la po­po­la­zio­ne sta in­vec­chian­do e il sistema im­mu­ne de­gli an­zia­ni è mol­to me­no ef­fi­cien­te; inu­ti­le som­mi­ni­stra­re un vac­ci­no (an­che il più ef­fi­ca­ce del mon­do) se poi l’or­ga­ni­smo non è in gra­do di at­ti­var­si e svi­lup­pa­re una di­fe­sa im­mu­ne. Nes­su­no può da­re quel­lo che non ha. Ma se il sistema im­mu­ni­ta­rio non è più in gra­do di pro­dur­re an­ti­cor­pi pro­tet­ti­vi, que­sti an­ti­cor­pi pro­tet­ti­vi pos­sia­mo iden­ti­fi­car­li, pro­dur­li in la­bo­ra­to­rio, pu­ri­fi­car­li per poi som­mi­ni­strar­li al pa­zien­te che non è più in gra­do di pro­dur­li au­to­no­ma­men­te. In­som­ma, ac­can­to al­la vac­ci­na­zio­ne “at­ti­va” (nel­la qua­le il pa­zien­te pro­du­ce gli an­ti­cor­pi do­po la som­mi­ni­stra­zio­ne del vac­ci­no) esi­ste la pos­si­bi­li­tà di una vac­ci­na­zio­ne “pas­si­va”, quan­do in­ve­ce di im­mu­niz­za­re con un vac­ci­no che su­sci­ta la pro­du­zio­ne di an­ti­cor­pi, som­mi­ni­stria­mo di­ret­ta­men­te gli an­ti­cor­pi. Sin­go­lar­men­te, è un ri­tor­no al­le ori­gi­ni: il pri­mo pre­mio No­bel per la me­di­ci­na fu vin­to nel 1901 da Emil Adolf von Beh­ring per aver ca­pi­to che, som­mi­ni­stran­do an­ti­cor­pi di ca­val­lo, si po­te­va­no sal­va­re i bam­bi­ni dalla dif­te­ri­te. Ora pos­sia­mo pen­sa­re di usa­re an­ti­cor­pi uma­ni, pro­dot­ti ar­ti­fi­cial­men­te, im­men­sa­men­te più ef­fi­ca­ci e si­cu­ri, ma il con­cet­to di fondo è iden­ti­co.

Cer­to, von Beh­ring non avreb­be po­tu­to si­cu­ra­men­te immaginare, quan­do som­mi­ni­strò per la pri­ma vol­ta il suo sie­ro in­tor­no al Na­ta­le del 1891, che ina­spet­ta­ta­men­te, ol­tre a vac­ci­ni nuo­vi, si­cu­ri ed ef­fi­ca­ci, i suoi col­le­ghi de­gli an­ni 2000 avrebbero do­vu­to pu­re sco­pri­re il mo­do per con­vin­ce­re la gente ad ac­cet­tar­li e uti­liz­zar­li. Pur­trop­po, sa­rà in­ve­ce ne­ces­sa­rio sco­pri­re an­che un “vac­ci­no” con­tro la dif­fi­den­za e la su­per­sti­zio­ne che por­ta le persone a ri­fiu­ta­re le vac­ci­na­zio­ni. I ri­cer­ca­to­ri po­tran­no da­re il loro con­tri­bu­to, ma ho la sen­sa­zio­ne che do­vre­mo met­ter­lo a pun­to tut­ti in­sie­me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.