SCORIE TESE

Wired (Italy) - - PER AUDIBLE -

Iso­la di Ol­ki­luo­to, gol­fo di Bot­nia, Fin­lan­dia. È qui che sor­ge una del­le due cen­tra­li nu­clea­ri che for­ni­sco­no ener­gia al­la na­zio­ne (l’al­tra è a Lo­vii­sa, vi­ci­no a Hel­sin­ki). Tre reat­to­ri: il pri­mo è at­ti­vo dal 1978, il se­con­do dal 1981 e il ter­zo, ap­pe­na ter­mi­na­to, è in fa­se di te­st e pron­to a es­se­re con­nes­so al­la re­te elet­tri­ca en­tro la fi­ne dell’an­no. Non c’è scel­ta: la Fin­lan­dia de­ve ge­sti­re il pro­ble­ma del­le scorie, che per la ve­ri­tà fu­ne­sta ol­tre 440 im­pian­ti at­ti­vi in tut­to il mon­do. Ec­co perché, sem­pre a Ol­ki­luo­to, sta na­scen­do On­ka­lo, che in fin­lan­de­se si­gni­fi­ca “luo­go na­sco­sto” o “luo­go in cui na­scon­de­re le co­se”, e che sa­rà pron­to nel 2025. «Vo­glia­mo la­scia­re le co­se nel mi­glio­re dei mo­di a co­lo­ro che ver­ran­no do­po di noi», spie­ga Pa­si Tuo­hi­maa, re­spon­sa­bi­le del­la co­mu­ni­ca­zio­ne di Tvo, la so­cie­tà che so­vrin­ten­de ai reat­to­ri di Ol­ki­luo­to. On­ka­lo è uno dei po­chis­si­mi pro­get­ti ap­pro­va­ti in tut­to il mon­do per lo stoc­cag­gio per­ma­nen­te di com­bu­sti­bi­le nu­clea­re esau­sto e ospi­te­rà quel­lo di en­tram­be le cen­tra­li del pae­se. Vi si ac­ce­de per­cor­ren­do un tun­nel lun­go 5 chi­lo­me­tri, che si ad­den­tra nel sot­to­suo­lo roc­cio­so con una pen­den­za me­dia del 10 per cen­to. A 420 me­tri di pro­fon­di­tà, la pri­ma sta­zio­ne, do­ve og­gi si svol­go­no tut­te le ope­ra­zio­ni di te­st e le si­mu­la­zio­ni. A 455 me­tri, la ba­se ve­ra e pro­pria, in­clu­si i par­cheg­gi. L’im­pre­sa è sta­ta pre­ce­du­ta da ana­li­si geo­lo­gi­che sul­le for­ma­zio­ni roc­cio­se, che in que­sta zo­na ri­sal­go­no a 2 mi­liar­di di an­ni fa, e ha pro­dot­to mi­glia­ia di me­tri li­nea­ri di ca­ro­tag­gi, con i cam­pio­ni rac­col­ti per in­di­vi­dua­re le aree do­ve le con­di­zio­ni di vi­ta del­le roc­ce si di­mo­stras­se­ro sta­bi­li e pre­ve­di­bi­li.

Men­tre si con­ti­nua a la­vo­ra­re per capire se le so­lu­zio­ni scel­te sia­no efficaci al cen­to per cen­to, so­no già ini­zia­ti gli sca­vi per rea­liz­za­re i tun­nel di stoc­cag­gio del ma­te­ria­le, al­ti 4,40 me­tri e lar­ghi 3,50: la pri­ma par­te sa­rà ter­mi­na­ta en­tro il 2025, la se­con­da en­tro il 2060 e la ter­za en­tro il 2100, per un to­ta­le di 70 chi­lo­me­tri di tun­nel com­pre­si in un’area di 2 chi­lo­me­tri qua­dra­ti. Al lo­ro in­ter­no, ogni 10 me­tri ver­rà sca­va­to un bu­co lar­go 1,80 me­tri e pro­fon­do 8, den­tro il qua­le una mac­chi­na ro­bo­ti­ca in­se­ri­rà la capsula di ra­me pro­get­ta­ta per in­glo­ba­re le scorie nu­clea­ri, a sua vol­ta stoc­ca­te den­tro a un ci­lin­dro di ghi­sa no­du­la­re, che pe­se­rà com­ples­si­va­men­te 24 ton­nel­la­te. Quan­do i tun­nel sa­ran­no pie­ni di cap­su­le, ver­ran­no riem­pi­ti con roc­cia e ben­to­ni­te, un mi­ne­ra­le ar­gil­lo­so di ori­gi­ne vul­ca­ni­ca, e in­fi­ne “tap­pa­ti” con un cu­neo di ce­men­to a bas­so pH ar­ma­to con ac­cia­io rin­for­za­to, spes­so 6 me­tri e dal dia­me­tro di 5,50. A mo­ni­to­ra­re la si­tua­zio­ne ci pen­sa un si­ste­ma di un cen­ti­na­io di sen­so­ri, ca­pa­ce di rac­co­glie­re da­ti su com­po­si­zio­ne, ef­fi­ca­cia del­la for­ma, mo­da­li­tà di co­stru­zio­ne e im­per­mea­bi­liz­za­zio­ne dei ma­te­ria­li. Per te­ne­re le scorie se­pol­te e inof­fen­si­ve per sem­pre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.