Con­sa­pe­vo­lez­za

so­st. ( sing. f.) – È la con­di­zio­ne che ci in­se­gna a sop­pe­sa­re gli in­put (mi­lio­ni ogni gior­no) che ci ar­ri­va­no dall’ester­no e a usar­li per im­pa­ra­re a sce­glie­re be­ne.

Wired (Italy) - - CONTENTS - DI : Ro­ber­to Rec­chio­ni Fu­met­ti­sta, cu­ra­to­re edi­to­ria­le di Dy­lan Dog

È una pa­ro­la all’ap­pa­ren­za com­pli­ca­ta, che ha un sen­so mol­to sem­pli­ce: si­gni­fi­ca ca­pi­re quel­lo che ci sta at­tor­no, com­pren­de­re il sen­so e il va­lo­re di ciò che ac­qui­stia­mo, che uti­liz­zia­mo, che con­su­mia­mo, ma an­che de­gli sti­mo­li ai qua­li rea­gia­mo. Sa­re­mo dav­ve­ro at­to­ri del no­stro fu­tu­ro so­lo se sa­re­mo – o di­ven­te­re­mo – con­sa­pe­vo­li di ciò che leg­gia­mo e ascol­tia­mo, se ac­qui­si­re­mo un po­te­re di va­lu­ta­zio­ne e di scel­ta sul­la mo­le sem­pre più gran­de di in­for­ma­zio­ni che ci bom­bar­da­no ogni gior­no. E che cre­sce con il cre­sce­re del­le tec­no­lo­gie. So­no tut­ti in­put che in mol­ti ca­si ci sia­mo abi­tua­ti a da­re per scon­ta­ti, che ac­cet­tia­mo sen­za co­no­scer­ne l’ori­gi­ne, o per­ché sia­no ar­ri­va­ti fi­no a noi. È più che una pa­ro­la: la con­sa­pe­vo­lez­za è un at­teg­gia­men­to che, in fu­tu­ro, spe­ro di in­con­tra­re nel­le per­so­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.