Men­ta­li­tà

so­st. ( sing. f.) – Cu­rio­si­tà e aper­tu­ra al cam­bia­men­to so­no i due ele­men­ti fon­da­men­ta­li per un ap­proc­cio al mon­do del la­vo­ro che fac­cia la dif­fe­ren­za.

Wired (Italy) - - CONTENTS - Ric­car­do Poz­zo­li Im­pren­di­to­re, co­fon­da­to­re di The Blon­de Sa­lad, di­ret­to­re crea­ti­vo di Con­dé Na­st So­cial Ta­len­ts

È l’ele­men­to che fa dav­ve­ro la dif­fe­ren­za, og­gi più che mai. Si or­ga­niz­za­no riu­nio­ni, sum­mit, se­mi­na­ri per con­fron­tar­si e com­pren­de­re che co­sa pos­sa es­se­re dav­ve­ro uti­le per emer­ge­re nel mon­do del la­vo­ro, per es­se­re com­pe­ti­ti­vi, per es­se­re per­for­man­ti: mi­lio­ni di ana­li­si, men­tre la ri­spo­sta è mol­to sem­pli­ce. Quel­lo che ve­ra­men­te con­ta è cam­bia­re la men­ta­li­tà, riu­sci­re ad af­fron­ta­re il pro­prio la­vo­ro – qua­lun­que es­so sia – con una cu­rio­si­tà di­ver­sa, ri­ma­nen­do co­stan­te­men­te aperti al cam­bia­men­to, an­che even­tual­men­te al fal­li­men­to. Im­pa­ra­re a im­pa­ra­re da ogni si­tua­zio­ne, dai mo­men­ti esal­tan­ti co­sì co­me dal­le oc­ca­sio­ni ne­ga­ti­ve. Non è il con­te­sto, non è la ca­pa­ci­tà, non è la pre­pa­ra­zio­ne. Que­sti ele­men­ti con­ta­no, è ve­ro. Ma ciò che cam­bia lo sce­na­rio è la men­ta­li­tà con cui af­fron­tia­mo le co­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.