ProPu­bli­ca

Wired (Italy) - - CONTENTS - Jack Dor­sey Im­pren­di­to­re, co­fon­da­to­re di Twit­ter

n. pro­prio ( avv. + so­st. la­ti­no) – Il fe­no­me­no gior­na­li­sti­co Usa, na­to per ri­spon­de­re all’«in­te­res­se del pub­bli­co», rap­pre­sen­ta un mo­del­lo di bu­si­ness nuo­vo. Do­ve la cre­di­bi­li­tà è il va­lo­re in gio­co. E gli stru­men­ti usa­ti per co­mu­ni­ca­re – Twit­ter, per esem­pio – de­vo­no ga­ran­ti­re un ser­vi­zio ac­ces­si­bi­le al let­to­re.

Ho sco­per­to il gior­na­le on­li­ne ProPu­bli­ca cir­ca due an­ni fa e so­no su­bi­to sta­to at­trat­to dal­la sua mis­sion: de­nun­cia­re gli abu­si di po­te­re e il tra­di­men­to del­la fi­du­cia del pub­bli­co da par­te di go­ver­ni, im­pre­se e al­tre isti­tu­zio­ni, uti­liz­zan­do la for­za mo­ra­le del gior­na­li­smo d’in­chie­sta. È una real­tà non pro­fit in­di­pen­den­te, non ha con­di­zio­na­men­ti po­li­ti­ci ed è so­ste­nu­ta prin­ci­pal­men­te at­tra­ver­so ri­sor­se fi­lan­tro­pi­che. Il suc­ces­so di

ProPu­bli­ca di­pen­de dal­la ca­pa­ci­tà dei suoi gior­na­li­sti di av­via­re dav­ve­ro – at­tra­ver­so le pro­prie in­chie­ste – pro­ces­si di cam­bia­men­to nel mon­do rea­le. Non mi ero mai sof­fer­ma­to ad ana­liz­za­re que­sto nuo­vo mo­do di fa­re im­pre­sa. L’in­chie­sta di ProPu­bli­ca che ul­ti­ma­men­te mi ha più col­pi­to è sta­ta quel­la sul­la re­gi­stra­zio­ne de­gli au­dio dei bam­bi­ni mes­si­ca­ni im­mi­gra­ti il­le­gal­men­te ne­gli Sta­ti Uni­ti, e te­nu­ti lon­ta­ni dai lo­ro ge­ni­to­ri in una strut­tu­ra del­la Us Cu­stoms and Bor­der Pro­tec­tion. Al­tre in­chie­ste si so­no in­ve­ce con­cen­tra­te su ca­si di per­so­ne de­te­nu­te in­giu­sta­men­te, sti­mo­lan­do la ria­per­tu­ra dei ca­si.

Ho os­ser­va­to co­me i re­por­ter di ProPu­bli­ca uti­liz­za­no Twit­ter. Il su­per­po­te­re di que­sto stru­men­to sta nel­la con­ver­sa­zio­ne, nel­la sua ca­pa­ci­tà di am­pli­fi­car­la. In ge­ne­re, i gior­na­li­sti scrivono po­chi ca­rat­te­ri e twit­ta­no un link al lo­ro ar­ti­co­lo, e tut­to fi­ni­sce lì. ProPu­bli­ca in­ve­ce cu­ce in­sie­me gli ele­men­ti chia­ve di un ar­ti­co­lo, pro­du­cen­do un th­read lun­go die­ci tweet. Ab­bia­mo chie­sto ai re­spon­sa­bi­li del gior­na­le la ra­gio­ne di que­sta tec­ni­ca, e ci han­no ri­spo­sto: «L’obiet­ti­vo è rag­giun­ge­re le per­so­ne lì do­ve si tro­va­no. Chi sce­glie Twit­ter cer­ca un ser­vi­zio in­cen­tra­to sul­la bre­vi­tà: il no­stro com­pi­to è tra­dur­re le no­stre sto­rie nel for­ma­to che il let­to­re si aspet­ta». È un uso crea­ti­vo di una tec­no­lo­gia che d’istin­to non sem­bra adat­ta al gior­na­li­smo tra­di­zio­na­le. È sen­za dub­bio un si­ste­ma ri­schio­so se la tua at­ti­vi­tà si ba­sa sul­la pub­bli­ci­tà, o sul por­ta­re gen­te al tuo si­to. Ma ProPu­bli­ca lo fa da più di die­ci an­ni. E io cre­do che ci sia mol­to da im­pa­ra­re per noi in ter­mi­ni di che co­sa que­sto si­gni­fi­ca per i me­dia. Un mez­zo d’in­for­ma­zio­ne che vi­ve di do­na­zio­ni può sem­bra­re az­zar­da­to, ma og­gi spe­ri­men­ta­re è im­por­tan­te. E que­sto è un espe­ri­men­to che sta riu­scen­do piut­to­sto be­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.