Trac­cia­bi­li­tà

so­st. ( sing. f.) – La bloc­k­chain ap­pli­ca­ta al­le mer­ci – in par­ti­co­la­re, nel set­to­re ali­men­ta­re – è una ga­ran­zia per i con­su­ma­to­ri. E può aiu­ta­re a ri­tes­se­re il le­ga­me di fi­du­cia tra azien­de e pub­bli­co che al­cu­ni scan­da­li re­cen­ti han­no com­pro­mes­so.

Wired (Italy) - - CONTENTS -

Nei rap­por­ti in­ter­per­so­na­li la fi­du­cia è es­sen­zia­le. Quan­do ci si fida di una per­so­na si è più pro­pen­si a con­ce­der­le il be­ne­fi­cio del dub­bio e, qua­lo­ra si met­ta nei guai, pro­ba­bil­men­te se ne ascol­te­rà l’opi­nio­ne pri­ma di sal­ta­re a con­clu­sio­ni af­fret­ta­te. Le azien­de cer­ca­no di co­strui­re lo stes­so rap­por­to con i pro­pri

sta­ke­hol­ders, pun­tan­do sul­la re­pu­ta­zio­ne azien­da­le: sen­za una for­te re­pu­ta­zio­ne dif­fi­cil­men­te ci sa­rà un pub­bli­co pre­di­spo­sto ad ascol­ta­re, in par­ti­co­la­re nel mo­men­to in cui l’azien­da si tro­ve­rà a do­ver co­mu­ni­ca­re qual­co­sa di im­por­tan­te, o di gra­ve. Se­con­do l’Ip­sos Glo­bal Re­pu­ta­tion Cen­tre, il 40% dei con­su­ma­to­ri mon­dia­li pren­de in con­si­de­ra­zio­ne se­ria­men­te la re­pu­ta­zio­ne di un’azien­da pri­ma di ac­qui­star­ne un pro­dot­to. In Eu­ro­pa, do­ve re­gna mag­gior scet­ti­ci­smo, que­sta per­cen­tua­le scen­de al 24%. Se guar­dia­mo ai sin­go­li set­to­ri in­du­stria­li, non sor­pren­de sco­pri­re che il set­to­re fi­nan­zia­rio, le te­le­co­mu­ni­ca­zio­ni e il tra­spor­to ae­reo sia­no quel­li ver­so cui c’è mag­gio­re scet­ti­ci­smo.

Non fa tut­ta­via eccezione il cam­po ali­men­ta­re, un set­to­re nel qua­le in pas­sa­to non so­no man­ca­te per­so­ne o azien­de che ab­bia­no pen­sa­to più ai pro­pri pro­fit­ti che al­la qua­li­tà dei pro­dot­ti com­mer­cia­liz­za­ti. Ciò ha ge­ne­ra­to pri­ma in­ci­den­ti ali­men­ta­ri, poi sem­pre mag­gio­re scet­ti­ci­smo e dif­fi­den­za, non so­lo nei con­fron­ti del­le sin­go­le azien­de col­pe­vo­li, ma ver­so tut­ta la fi­lie­ra pro­dut­ti­va. L’in­du­stria ali­men­ta­re è, di con­se­guen­za, sot­to at­ten­ta os­ser­va­zio­ne e scru­ti­nio a li­vel­lo glo­ba­le: gli at­tua­li si­ste­mi per ga­ran­ti­re la sa­lu­te del ci­bo e la ge­stio­ne dei si­ste­mi di qua­li­tà ali­men­ta­ri non so­no per­ce­pi­ti co­me suf­fi­cien­te­men­te so­fi­sti­ca­ti per pre­ve­ni­re le pos­si­bi­li al­te­ra­zio­ni di ciò che fi­ni­sce nei no­stri piat­ti.

Co­me ri­co­strui­re, al­lo­ra, la fi­du­cia che me­ri­ta il ci­bo di cui ci nu­tria­mo? Mol­te azien­de ali­men­ta­ri han­no pre­so se­ria­men­te que­sta sfi­da, ren­den­do i pro­pri pro­ces­si pro­dut­ti­vi più tra­spa­ren­ti: la­vo­ra­no co­me se un con­su­ma­to­re po­tes­se in qual­sia­si mo­men­to ve­de­re il mo­do in cui i pro­dot­ti so­no pre­pa­ra­ti, tra­spor­ta­ti e man­te­nu­ti. La bloc­k­chain, piat­ta­for­ma per la ge­stio­ne di tran­sa­zio­ni e scam­bi di in­for­ma­zio­ni e da­ti, può rap­pre­sen­ta­re un va­li­do aiu­to in que­sta mis­sio­ne: na­ta nel set­to­re fi­nan­zia­rio, la tec­no­lo­gia è og­gi studiata con in­te­res­se dall’in­du­stria ma­ni­fat­tu­rie­ra e ali­men­ta­re. Ibm, Wal­mart, Ne­stlé, Uni­le­ver e Car­re­four so­no so­lo al­cu­ne del­le azien­de che han­no at­ti­va­to pro­get­ti in que­sta di­re­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.