Bologna. Non vi­ve di (so­li) ri­cor­di

Gior­ni faun ami­co, sul­la cui in­tel­li­gen­za non ho al­cun­mo­ti­vo di du­bi­ta­re, so­ste­ne­va che la cit­tà emi­lia­na fos­se­mor­ta già al­la fi­ne de­gli anni Set­tan­ta. Og­gi cam­pe­reb­be dun­que di eredità e di bla­so­ne... Che vo­les­se pro­vo­car­mi?

laRegione - Ticino 7 - - Sommario - di Ja­co­po Sca­rin­ci

Coc­co­la­ta e un po' au­to­re­fe­ren­zia­le. Una cit­tà che vi­ve di an­ti­chi fa­sti, come quel­le squa­dre ti­po To­ri­no o Ge­noa, che non rac­col­go­no nul­la da de­cen­ni ma che «dai, vuoi met­te­re To­ri­noe Ge­noa?».

Io non con­cor­do con il mio ami­co. Per-chÈ se Bologna ha un trat­to che la ren­de uni­ca è la ca­pa­ci­tà di tra­sfor­mar­si, ma sen­za mai per­de­re la sua iden­ti­tà. Per­chÈ pro­va­te­ci voi ad an­da­re a far la spe­sa nel Mer­ca­to di Mez­zo sen­za sa­pe­re il dia­let­to, e a chie­de­re frut­ta e ver­du­ra nei ne­go­ziet­ti che han­no la mer­ce espo­sta in stra­da e il re­gi­stra­to- re di cas­sa nel­la bu­ca del­le let­te­re ru­ba­taaun­pa­laz­zo. Eb­be­ne, pro­prio­quel cro­cic­chio di viuz­ze già pre­sen­te nel­le map­pe della cit­tà­me­die­va­le spie­ga co­sa sia Bologna og­gi. La sa­cra­li­tà del­le ma­cel­le­rie – ogni fa­mi­glia bo­lo­gne­se ha la sua ma­cel­le­ria cui giu­ra fe­del­tà, per­chÈ cam­bia­re ma­cel­la­io è un trau­ma dal qua­le non se ne esce spes­so in­te­ri, no­no­stan­te la mer­ce pos­sa es­se­re più buo­na –, dei frut­ti­ven­do­li, del­le sa­lu­me­riee­di chi­ven­deo­gni ti­po­di­pa­sta fre­sca vie­ne in­ter­rot­ta da una spe­cie di to­tem dei tem­pi mo­der­ni, l'ag­ghiac­cian­te ne­mi­co, che com­pie un'avan­za- ta ti­po quel­la de­gli Estra­nei ver­so la Bar­rie­ra di Game of Th­ro­nes: Ea­ta­ly.

Ol­tre al ra­gù, c’è di più

Sì, in mez­zo a tan­ta ma­gni­fi­cen­za, a tan­ti sim­bo­li di una cul­tu­ra che non è so­lo eno­ga­stro­no­mi­ca ma che ri­flet­te l'au­ten­ti­co Dna di una cit­tà in­te­ra, il tan­to de­can­ta­to pro­gres­so ha por­ta­to ra­gù in va­set­to fat­to in chis­sà qua­le in­du­stria, tar­ti­ne che pa­ghi un oc­chio della te­sta quan­do un et­to di­mor­ta­del­la di quel­la buo­na lo pa­ghi al massimo (ma­mas­si­mo) 2-3 fran­chi, con­ser­ve di ogni ti­po quan­do vai tu da una non­na

bo­lo­gne­se a con­te­star­le la sua mo­star­da. La tra­sfor­ma­zio­ne, si di­ce­va. Ma Bologna non si è pie­ga­ta mor­tal­men­te a que­sto fe­no­me­no come pos­so­no aver fat­to Mi­la­no o Ve­ne­zia. Bologna l'ha in­glo­ba­ta. Non puoi scon­fig­ger­la, ren­di­te­la ami­ca. E quin­di ben ven­ga­no Ea­ta­ly, un mu­seo di ar­te mo­der­na di cui fran­ca­men­te non si ca­pi­sce il sen­so, le ca­te­ne di ab­bi­glia­men­to eu­ro­pee pie­ne di li­cea­li in via In­di­pen­den­za, l'in­va­sio­ne del su­shi e di al­tre dia­vo­le­rie della glo­ba­liz­za­zio­ne. Ben ven­ga­no, per­chÈ in un mondo do­ve non c'è più at­ten­zio­ne ver­so ciò che va­le ve­ra­men­te, tutto que­sto ha una fun­zio­ne fon­da­men­ta­le: at­ti­ra­re l'in­te­res­se su quan­to ma­ga­ri non ti col­pi­sce al pri­mo impatto, ma che­poi por­ti­den­tro­tut­ta la­vi­ta. Come piaz­za Mag­gio­re e piaz­za del Net­tu­no, due piaz­ze in una, un ca­po­la­vo­ro ar­chi­tet­to­ni­co qua­si uni­co al mondo do­ve og­gi, a po­chi me­tri dalle ame­ri­ca­na­te e dal se­di­cen­te pro­gres­so, gli an­zia­ni si tro­va­no a chiac­chie­ra­re del tem­po e della po­li­ti­ca, sfo­glian­do il Re­sto del Car­li­no – il quo­ti­dia­no di Bologna che ogni gior­no è sem­pre più ta­bloid ma l'uni­co ritenuto au­to­re­vo­le an­che da chi, alle edi­co­le, lo chie­de di­cen­do: «Quan­te bugie scri­ve og­gi?» –, do­ve i bam­bi­ni cor­ro­no die­tro ai piccioni, do­ve i tu­ri­sti si­mo­stra­no af­fa­sci­na­ti per quello che ma­ga­ri il bo­lo­gne­se ti­po non no­ta più. O come le Due tor­ri (de­gli Asi­nel­li e Ga­ri­sen­da), sim­bo­lo della cit­tà, non sono due tor­ri mes­se lì a far bel­la pre­sen­za. Sono quello che re­sta della ga­ra a chi «l'ave­va più lun­go» in epo­ca me­die­va­le, e ci te­ne­va a far­lo pre­sen­te co­struen­do tor­ri che era­no an­che ca­se. Ce n'era­no a doz­zi­ne, ne sono ri­ma­ste po­che. O come piaz­za San­to Ste­fa­no, do­ve di chie­se non ce n'èu­na, ma set­te tut­te in­sie­me, fi­glie­di ag­giun­te in va­rie epo­che sto­ri­che.

La mia pic­co­la Pa­ri­gi

C'era­no le bot­te­ghe, ma ci sono an­co­ra no­no­stan­te la glo­ba­liz­za­zio­ne. C'è sta­ta la pro­te­sta stu­den­te­sca del 1977, con la­mor­te di Fran­ce­sco Lo­rus­so uc­ci­so dal­la po­li­zia di Cos­si­ga, ma ci sono an­co­ra tan­ti stu­den­ti che lot­ta­no per ave­re spa­zi, per di­scu­te­re, per vi­ve­re la cit­tà an­che inun'Ita­lia le­ghi­sta e a cin­que stel­le. C'era­no i par­ti­gia­ni, la bat­ta­glia di Por­ta La­me, ma ci sono an­co­ra i non­ni che spie­ga­no ai ni­po­ti per­chÈ il pa­vi­men­to di piaz­za Mag­gio­re sia sta­to sca­va­to dai cin­go­la­ti ame­ri­ca­ni du­ran­te e do­po la li­be­ra­zio­ne. C'è una Bologna che vi­ve, lot­ta e ama quan­do vi­ve­re, lot­ta­re e ama­re sem­bra­no co­se, come di­re, dÈ­mo­dÈ.

No, non ci sia­mo ami­co mio. Bologna non è fi­ni­ta. Bologna ha sa­pu­to in­glo­ba­re ciò che ha di­strut­to il tes­su­to di al­tre cit­tà. Per di­ven­ta­re più for­te, per ri­ma­ne­re vi­va, per ri­ma­ne­re «per me pro­vin­cia­le, Pa­ri­gi in mi­no­re. Mer­ca­ti all'aper­to, bi­strot, della “ri­ve gau­che” l'odo­re», come can­ta­va il tuo, il no­stro, ado­ra­to Guc­ci­ni.

So­pra: il San­tua­rio di San Lu­ca, una tap­pa im­per­di­bi­le per chi vi­si­ta la cit­tà. Sot­to: la fi­ne­strel­la in via Piel­la. In bas­so: not­tur­na di via Zam­bo­ni. Nel­la pa­gi­na di si­ni­stra: i Col­li vi­sti dal­la Tor­re de­gli Asi­nel­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.