Le pa­ro­le per­du­te di Fin­zi Pa­sca

laRegione - - Prima Pagina - Di Tom­ma­so Sol­di­ni

Ho co­no­sciu­to Da­nie­le Fin­zi Pa­sca nel 1994, quan­do lui ave­va trent’an­ni (…)

Se­gue dal­la Pri­ma (…) e io an­co­ra cer­ca­vo di tro­va­re un sen­so e una mia di­re­zio­ne. A se­di­ci-di­cias­set­te an­ni non con­ta­no so­lo gli in­se­gna­men­ti che ti ar­ri­va­no dal­la au­le sco­la­sti­che, per for­tu­na ci so­no an­che al­tre espe­rien­ze che ti aiu­ta­no a sta­bi­li­re chi sei e co­me vuoi orien­ta­re la tua vi­ta. A me ca­pi­tò, e glie­ne so­no an­co­ra gra­to, di in­con­tra­re Va­nia Lu­ra­schi e sua fi­glia Dja­mi­la, che a quel tem­po si oc­cu­pa­va­no di or­ga­niz­za­re un pic­co­lo Fe­sti­val di tea­tro, l’an­te­na­to del Fit, che og­gi ha rag­giun­to l’età del­la ra­gio­ne e la vi­si­bi­li­tà de­gli ap­pun­ta­men­ti che con­ta­no, ma che al­lo­ra era una ras­se­gna che vi­ve­va di pas­sio­ne e di sten­ti. Ven­ni con­tat­ta­to per fa­re par­te, vuoi per­ché non c’era­no sol­di ma vo­glio cre­de­re so­prat­tut­to per­ché era bel­la l’idea di coin­vol­ge­re i gio­va­ni, del­la giu­ria chia­ma­ta ad as­se­gna­re i po­chi pre­mi. I ri­cor­di si fan­no ne­bu­lo­si, tut­ta­via c’è una co­sa che mi è ri­ma­sta for­te­men­te im­pres­sa: lo spet­ta­co­lo di Da­nie­le Fin­zi Pa­sca e di Ma­ria Bon­za­ni­go, ‘Ai­te­stas’. L’ope­ra del tea­tro Su­nil, co­sì si chia­ma­va in quel pe­rio­do, era de­li­ca­ta, con­tur­ban­te, clo­w­ne­sca e ca­pa­ce di toc­ca­re le cor­de del sen­ti­men­to co­me quel­le del­la men­te. Per­ché al­lo­ra la pa­ro­la e la nar­ra­zio­ne, pur non es­sen­do al cen­tro del “Tea­tro del­la ca­rez­za”, era­no par­te in­te­gran­te del­le crea­zio­ni e dei ge­sti sce­ni­ci di Da­nie­le Fin­zi Pa­sca e dei suoi ami­ci-col­la­bo­ra­to­ri. Il tea­tro Su­nil era una real­tà vi­va, tra­su­da­va ta­len­to, tan­to che re­stai ab­bat­tu­to di fron­te al­la scel­ta dei miei com­pa­gni di giu­ria, quan­do si de­ci­se di as­se­gna­re il pri­mo pre­mio a uno spet­ta­co­lo di cui non ram­men­to né il ti­to­lo né la tra­ma. Ri­cor­do pe­rò che, nel­lo sco­ra­men­to di non aver sa­pu­to di­fen­de­re le mie ra­gio­ni, scris­si una lun­ga re­cen­sio­ne, che ven­ne pub­bli­ca­ta e che mi per­mi­se di co­no­sce­re di per­so­na Da­nie­le e Ma­ria. Me li ve­do an­co­ra lì, com­mos­si e gra­ti per­ché qual­cu­no, e io ero un ra­gaz­zi­no che in­dos­sa­va scar­pe da gin­na­sti­ca e de­si­de­rio, si era spe­so per lo­ro. Vor­rò sem­pre del be­ne al­la com­pa­gnia che è sor­ta dal­le ce­ne­ri del tea­tro Su­nil, ho gioi­to sin­ce­ra­men­te, quan­do ho vi­sto che quel ta­len­to si è tra­sfor­ma­to in crea­ti­vi­tà, in suc­ces­so e li­ber­tà espres­si­va. Pe­rò. Pe­rò ho co­min­cia­to a sen­ti­re un piz­zi­co di ma­lin­co­nia, dap­pri­ma in mo­do lie­ve, poi sem­pre più ni­ti­da, an­che se è dif­fi­ci­le pen­sa­re ma­le del­le co­se che ci han­no smos­so e cam­bia­to. E tut­ta­via spes­so, du­ran­te e all’usci­ta dal­le sue rap­pre­sen­ta­zio­ni più re­cen­ti, mi è par­so che la gio­ia dell’in­ven­zio­ne clo­w­ne­sca aves­se pre­so sin trop­po il so­prav­ven­to su­gli al­tri in­gre­dien­ti che mi ave­va­no fat­to ap­prez- za­re ‘Ai­te­stas’ e ‘Ica­ro’. L’osten­ta­zio­ne di bra­vu­ra ar­ti­sti­ca, lo sfrut­ta­men­to di ar­ti­fi­ci e mac­chi­na­ri vol­ti a stu­pi­re lo spet­ta­to­re han­no pro­gres­si­va­men­te oscu­ra­to il de­si­de­rio di rap­pre­sen­ta­re, an­che esil­men­te, una sto­ria, uno sta­to dell’es­se­re, un mo­do di sta­re al mon­do. È co­me se, mi vie­ne da di­re, Fin­zi Pa­sca ab­bia sen­ti­to cre­sce­re den­tro di sé una fi­du­cia cie­ca nel­la pro­pria ca­pa­ci­tà di im­ma­gi­na­re, tra­scu­ran­do la pa­ro­la, la nar­ra­zio­ne, l’esi­gen­za di con­di­vi­de­re una sto­ria. For­se, quan­do in que­sti gior­ni lo si ve­de, con la sua con­sue­ta, poe­ti­ca e dol­ce po­stu­ra dell’ar­ti­sta, bat­te­re i pu­gni per ot­te­ne­re la giu­sta con­si­de­ra­zio­ne, sta com­met­ten­do l’er­ro­re di chi non ha più bi­so­gno di es­se­re par­te di un rac­con­to che ri­guar­da an­che noi. For­se, in que­sta que­rel­le di cui non rie­sco a ca­pi­re del tut­to il sen­so, Da­nie­le Fin­zi Pa­sca ha scor­da­to di es­se­re sta­to un at­to­re di ta­len­to, sco­no­sciu­to e bra­vis­si­mo, che era gra­to a Va­nia per­ché gli ave­va ri­ta­glia­to una se­ra­ta all’in­ter­no di un Fe­sti­val al­le pri­me ar­mi, che sa­pe­va com­muo­ver­si per un ap­plau­so sin­ce­ro, per un ri­co­no­sci­men­to gra­tui­to. So­no pas­sa­ti tan­ti an­ni e lui ha cal­ca­to i pal­chi più pre­sti­gio­si del mon­do, tut­ti lo de­si­de­ra­no, co­me lui ci ri­cor­da dal­le pa­gi­ne dei gior­na­li o su­gli scher­mi te­le­vi­si­vi. So­no tra quel­li che è fie­ro di aver­lo qui, in quel­la che è la sua ca­sa, il suo quar­tie­re, la sua pan­chi­na. Pe­rò mi pia­ce­reb­be ri­tro­va­re un po’ di quel Da­nie­le che sop­pe­sa­va le pa­ro­le, le sfrut­ta­va per evo­ca­re mon­di, per dir­ci che i so­gni so­no gran­di e di tut­ti. La com­pa­gnia Su­nil ha di­mo­stra­to che il ta­len­to non ha na­zio­na­li­tà. È pe­rò im­por­tan­te col­ti­va­re una so­cie­tà che ab­bia sem­pre vo­glia di sco­prir­lo, di dar­gli spa­zio, evi­tan­do, per esem­pio, che il Lac di­ven­ti un luo­go per po­chi il­lu­stri pro­ta­go­ni­sti, vo­ra­ci e fa­go­ci­tan­ti, che si espri­mo­no per sal­va­guar­da­re i pro­pri in­te­res­si, per pre­ten­de­re e pro­te­sta­re, di­men­ti­can­do che le ca­rez­ze, a vol­te, è più bel­lo dar­le che ri­ce­ver­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.