Mez­zo gra­do che fa la dif­fe­ren­za

laRegione - - #gaia #wwf -

Mez­zo gra­do: può sem­bra­re po­co, se par­lia­mo di cli­ma. Chi no­ta la dif­fe­ren­za se fuo­ri ci so­no 19 gra­di o 19,5? Ep­pu­re, a li­vel­lo glo­ba­le, per quan­to ri­guar­da il cli­ma e le ri­per­cus­sio­ni su­gli es­se­ri uma­ni, quel mez­zo gra­do decide di quan­to le no­stre vi­te cam­bie­ran­no. Ec­co al­cu­ni sce­na­ri de­scrit­ti dai 91 esper­ti che han­no scrit­to le 400 pa­gi­ne del rap­por­to Ipcc. In­tan­to nel 2100 l’in­nal­za­men­to del

li­vel­lo del ma­re su sca­la glo­ba­le sa­reb­be più bas­so di 8 cen­ti­me­tri con un ri­scal­da­men­to glo­ba­le di 1,5°C in­ve­ce che 2°C (l’au­men­to è ri­spet­ti­va­men­te di 48 cm con­tro 56 cm). Ot­to cen­ti­me­tri che pe­rò po­treb­be­ro spaz­za­re via in­te­re cit­tà. In pri­mis Ve­ne­zia, che es­sen­do co­strui­ta sull’ac­qua ri­schia di spro­fon­da­re nel ma­re. Non so­lo: è inim­ma­gi­na­bi­le che le gon­do­le si tra­sfe­ri­sca­no sul­le stra­de di New York, ma non è nean­che da esclu­de­re che al po­sto del­le au­to si do­vran­no usa­re im­bar­ca­zio­ni. La Gran­de Me­la, in­fat­ti, è tra le cit­tà ame­ri­ca­ne più a ri­schio, in­sie­me a Mia­mi e New Or­leans. Ma ci so­no an­che in­te­ri pae­si a ri­schio co­me il Ban­gla­de­sh o i Pae­si Bas­si. Il de­sti­no del­le Mal­di­ve, in­ve­ce, sem­bra or­mai se­gna­to: se­con­do gli esper­ti non si po­trà sal­va­re la stra­gran­de mag­gio­ran­za del­le iso­le nel mon­do. Sem­pre se­con­do le sti­me del rap­por­to, l’Ocea­no Ar­ti­co si ri­tro­ve­reb­be sen­za ghiac­cio in esta­te so­lo una vol­ta ogni cen­to an­ni – riu­sci­te ad im­ma­gi­na­re il Po­lo Nord vuo­to? – in­ve­ce che al­me­no una vol­ta ogni die­ci an­ni, men­tre le bar­rie­re co­ral­li­ne di­mi­nui­reb­be­ro del 70-90% in­ve­ce che scom­pa­ri­re qua­si to­tal­men­te con una ri­du­zio­ne di cir­ca il 99%. Se il mon­do riu­sci­rà a ri­ma­ne­re en­tro 1,5°C, per­de­re­mo “so­lo” il 6% de­gli in­set­ti, l’8% del­le pian­te e il 4% dei mam­mi­fe­ri. Ani­ma­li e pian­te che non avran­no il tem­po di adat­tar­si al­le nuo­ve tem­pe­ra­tu­re. Se in­ve­ce rag­giun­ge­re­mo i 2 gra­di Cel­sius, al­lo­ra spa­ri­rà ri­spet­ti­va­men­te il 18% de­gli in­set­ti, il 16% dei ve­ge­ta­li e l’8% de­gli ani­ma­li ver­te­bra­ti. Ma quel mez­zo gra­do non cam­bie­rà so­lo la vi­ta di pian­te e ani­ma­li. An­che noi es­se­ri uma­ni ne ri­sen­ti­re­mo: le on­da­te di

ca­lo­re – che ogni 20 an­ni si ma­ni­fe­ste­reb­be­ro in mo­do più for­te – po­treb­be­ro col­pi­re ri­spet­ti­va­men­te il 9% o un ter­zo del­la po­po­la­zio­ne mon­dia­le. La sic­ci­tà fa­rà il re­sto. Se­con­do le sti­me de­gli esper­ti mez­zo gra­do de­ci­de­rà se a non ave­re ac­ces­so ad ac­qua po­ta­bi­le sa­ran­no 350 mi­lio­ni di per­so­ne o 410 mi­lio­ni. Quin­di? Co­sa vo­glia­mo fa­re? «Più pre­sto pos­si­bi­le ven­go­no ri­dot­te le emis­sio­ni di gas ser­ra, più sa­re­mo al si­cu­ro»: que­sta la ri­spo­sta di Tho­mas Vel­la­cott, CEO del WWF Svizzera.

© Glo­bal War­ming Ima­ges / WWF

Gli ice­berg si stan­no scio­glien­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.