Ipcc: 1,5o C è il nuo­vo 2o C

laRegione - - #gaia #wwf -

Per­di­ta di ha­bi­tat e di mi­glia­ia di spe­cie na­tu­ra­li, de­ser­ti­fi­ca­zio­ne di mol­ti ter­ri­to­ri, in­nal­za­men­to del li­vel­lo del ma­re, di­mi­nu­zio­ne del­le ca­lot­te gla­cia­li, scom­par­sa di ghiac­ciai, on­da­te di ca­lo­re co­me non ne ab­bia­mo mai vi­ste e tem­pe­ste ed ura­ga­ni sem­pre più nu­me­ro­si e po­ten­ti: no, non si trat­ta di un film ca­ta­stro­fi­co che tro­ve­re­mo pre­sto nel­le sa­le dei ci­ne­ma. Si trat­ta de­gli sce­na­ri de­scrit­ti dai mas­si­mi scien­zia­ti di tut­to il mon­do, che lu­ne­dì han­no pre­sen­ta­to il rap­por­to Ipcc, il più im­por­tan­te te­sto scien­ti­fi­co sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, rea­liz­za­to per gui­da­re il pro­ces­so de­ci­sio­na­le del­le po­li­ti­che go­ver­na­ti­ve. Se fi­no ad una set­ti­ma­na fa si pun­ta­va a non su­pe­ra­re i 2°C og­gi il nuo­vo obiet­ti­vo è quel­lo di li­mi­ta­re il ri­scal­da­men­to glo­ba­le en­tro 1,5°C (che se­con­do gli sce­na­ri si rag­giun­ge­rà già nel 2030). Mez­zo gra­do, che pe­rò fa la dif­fe­ren­za e ci se­pa­ra da con­se­guen­ze ir­re­ver­si­bi­li. Da og­gi sap­pia­mo che non c’è più tem­po da per­de­re. Il WWF con­ti­nua a fa­re pres­sio­ne in tut­to il mon­do af­fin­ché i ca­pi di sta­to si de­ci­da­no a pren­de­re prov­ve­di­men­ti se­ri. Pu­re la Svizzera de­ve fa­re la sua par­te, an­che se al mo­men­to il go­ver­no ha scel­to la li­nea soft. Ma co­sì fa­cen­do ci ser­vi­reb­be il dop­pio del tem­po per ab­ban­do­na­re le ener­gie fos­si­li. E non pos­sia­mo per­met­ter­ce­lo. Mez­zo gra­do in più scio­glie­reb­be un’ul­te­rio­re su­per­fi­cie del per­ma­fro­st di una gran­dez­za 50 vol­te su­pe­rio­re al­la Svizzera li­be­ran­do me­ta­no, un gas estre­ma­men­te dan­no­so per il cli­ma che con­tri­bui­reb­be an­co­ra di più al ri­scal­da­men­to.

© Phi­lip­pe T. / WWF-Fran­ce

De­fo­re­sta­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.