Un dop­pio der­by, due sta­ti d’ani­mo

Loef­fel e il Lu­ga­no e un wee­kend di quel­li cru­cia­li. ‘Ci so­no si­tua­zio­ni in cui bi­so­gna an­che sa­per­si trat­te­ne­re’.

laRegione - - Prima Pagina - Di Ch­ri­stian So­la­ri

Lu­ga­no e Am­brì si af­fron­ta­no og­gi al­la Cor­nèr Are­na e do­ma­ni al­la Va­la­scia, con i le­ven­ti­ne­si re­du­ci da quat­tro suc­ces­si con­se­cu­ti­vi e i bian­co­ne­ri fi­ni­ti sot­to la ri­ga.

Lu­ga­no – È una mat­ti­na­ta se­re­na, no­no­stan­te tut­to, quel­la che pre­ce­de il pri­mo de­gli ul­ti­mi due der­by dell’an­no. Con l’al­le­na­men­to che si con­clu­de ai ri­go­ri – per un Lu­ga­no che in par­ti­ta fi­no a quel pun­to ha do­vu­to spin­ger­si a due ri­pre­se, ad Am­brì e Lang­nau, e in en­tram­bi i ca­si è usci­to scon­fit­to –, con una se­rie tra bian­chi e ne­ri. E a spun­tar­la so­no i se­con­di, tra sor­ri­si­ni e pu­re qual­che sfot­tò. Ciò che è senz’al­tro buon se­gno quan­to al mo­ra­le del­le trup­pe, pri­ma di un wee­kend che po­treb­be sul se­rio ri­ve­lar­si cru­cia­le. «Co­me giu­di­co il mo­men­to? Me­dia­men­te gra­ve, di­rei – rac­con­ta Ro­main Loef­fel, il blue­li­ner neo­ca­stel­la­no dei bian­co­ne­ri che in vi­ta sua, no­no­stan­te i suoi so­li ven­ti­set­te an­ni, di mo­men­ti cri­ti­ci ne ha già vis­su­ti pa­rec­chi –. In­dub­bia­men­te non sia­mo là do­ve vor­rem­mo es­se­re, e non c’è bi­so­gno di guar­da­re al­la clas­si­fi­ca per ren­der­se­ne con­to:sia­mo noi i pri­mi a non es­se­re con­ten­ti di ciò che pro­du­cia­mo. Al tem­po stes­so, pe­rò, sia­mo con­sci di non es­se­re a tren­ta pun­ti dal­la li­nea, quin­di sap­pia­mo che la si­tua­zio­ne non è com­pro­mes­sa. Ora sta so­lo a noi».

‘In po­wer­play de­vi di­mo­stra­re che sei tu quel­lo con l’uo­mo in più, e lo puoi fa­re so­lo con la grin­ta e l’in­ten­si­tà’

Il pro­ble­ma più gros­so è la co­stan­za, vi­sto che al­ter­na­te mo­men­ti buo­ni, quan­do non ad­di­rit­tu­ra ot­ti­mi, a in­spie­ga­bi­li ca­li di re­gi­me. «Tut­to, cre­do, par­te dal fat­to che non ab­bia­mo fi­du­cia in noi stes­si, e a vol­te la pau­ra di far ma­le pren­de il so­prav­ven­to. Suc­ce­de, in­som­ma, l’esat­to con­tra­rio di ciò che ca­pi­ta a una squa­dra che è in te­sta al­la clas­si­fi­ca e gio­ca sen­za por­si do­man­de, e tut­to le rie­sce. Il pun­to è che ci man­ca quel­la sta­bi­li­tà che do­vreb­be es­se­re la no­stra for­za. Pren­dia­mo l’ul­ti­ma sfi­da con il Bien­ne: vin­cia­mo 2-0 e ab­bia­mo

la par­ti­ta in ma­no, e poi nel se­con­do tem­po la but­tia­mo via...». Per col­pa di un pa­io di pe­na­li­tà che si pos­so­no de­fi­ni­re stu­pi­de. «Non c’è mai un buon mo­men­to per far­si pe­na­liz­za­re, ma è pu­re ve­ro che al­cu­ni fal­li so­no dav­ve­ro inu­ti­li: ci so­no si­tua­zio­ni in cui uno dev’es­se­re in gra­do di ge­sti­re le pro­prie emo­zio­ni. So be­ne che da­van­ti al­la por­ta bi­so­gna far­si ri­spet­ta­re, ma in de­ter­mi­na­te cir­co­stan­ze bi­so­gne­reb­be di­mo­stra­re più in­tel­li­gen­za e ac­cet­ta­re di pren­de­re un col­po sen­za rea­gi­re, in mo­do che sia­no sol­tan­to gli av­ver­sa­ri a ca­ri­car­si di pe­na­li­tà».

A pro­po­si­to di emo­zio­ni: og­gi e do­ma­ni vi aspet­ta­no due par­ti­te che da un cer­to pun­to di vi­sta so­no le peg­gio­ri pos­si­bi­li... «Il van­tag­gio è che sta­se­ra gio­che­re­mo in ca­sa no­stra, e fa­re­mo di tut­to per sfrut­ta­re l’en­tu­sia­smo del no­stro pub­bli­co. Di cer­to, pe­rò, non ci po­tre­mo ac­con­ten­ta­re di una di­scus­sio­ne (fran­ca, ndr) nel­lo spo­glia­to­io, o di es­ser­ci al­le­na­ti be­ne e pu­re du­ra­men­te in set­ti­ma­na: do­vre­mo da­re tut­to ciò che ab­bia­mo, per­ché sap­pia­mo be­ne che sa­rà una bat­ta­glia». Di cu­rio­so, guar­dan­do al­la clas­si­fi­ca,

c’è che ave­te un +13 nel rap­por­to fra gol in­cas­sa­ti e su­bi­ti: in­som­ma, quan­to a dif­fe­ren­za re­ti sie­te ad­di­rit­tu­ra mes­si me­glio del quar­to clas­si­fi­ca­to... «Sì, a cin­que con­tro cin­que sia­mo tra le squa­dre mi­glio­ri del­la Le­ga. Il pro­ble­ma, pe­rò, è che nel­le si­tua­zio­ni con l’uo­mo in più fac­cia­mo dav­ve­ro fa­ti­ca. Ed è co­sì che va pra­ti­ca­men­te dall’ini­zio del cam­pio­na­to». Fat­ti due con­ti, è quel­la la co­sa prin­ci­pa­le che do­ve­te si­ste­ma­re, sic­co­me il vo­stro po­wer­play è il me­no ef­fi­ca­ce di tut­to il cam­pio­na­to. «Tut­to par­te dal­la te­sta. Ser­ve con­vin­zio­ne nei pro­pri mez­zi, e quan­do le co­se non van­no bi­so­gne­reb­be fa­re le co­se fa­ci­li, an­zi­ché pro­va­re a tut­ti i co­sti il pas­sag­gio a un compagno no­no­stan­te in mez­zo ci sia­no due ba­sto­ni av­ver­sa­ri. Sem­pli­ci­tà, quin­di: far muo­ve­re quel di­sco, ti­ra­re non ap­pe­na si può, met­te­re traf­fi­co da­van­ti al­la por­ta e poi sfrut­ta­re i rim­bal­zi. Non ba­sta la pa­ro­la ‘po­wer­play’ per po­ter di­re di es­se­re con un uo­mo in più sul ghiac­cio. La ve­ri­tà è che all’av­ver­sa­rio glie­lo de­vi di­mo­stra­re, e lo fai gio­can­do con la grin­ta e con l’in­ten­si­tà».

TI-PRESS/GIANINAZZI

‘Ci man­ca an­co­ra quel­la sta­bi­li­tà che do­vreb­be es­se­re la no­stra for­za’, spie­ga il 27en­ne neo­ca­stel­la­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.