Al­la cas­sa se il ter­re­no au­men­ta di va­lo­re

Fi­no a tren­ta­mi­la fran­chi esen­te, in se­gui­to scat­ta il pre­lie­vo. La Com­mis­sio­ne mo­di­fi­ca il cal­co­lo.

laRegione - - Cantone -

Se il ter­re­no au­men­ta di va­lo­re gra­zie a una mo­di­fi­ca pia­ni­fi­ca­to­ria il pro­prie­ta­rio de­ve pas­sa­re al­la cas­sa, vi­sto che il van­tag­gio con­ces­so­gli non può es­se­re del tut­to gra­tui­to. D’ac­cor­do – lo ha sta­bi­li­to Ber­na e co­sì han­no vo­ta­to i cit­ta­di­ni sviz­ze­ri – ma quan­do si im­po­ne il pa­ga­men­to del co­sid­det­to plu­sva­lo­re? Al­la (da­ta­ta) que­stio­ne è sta­to mes­so un pun­to ie­ri dal­la Com­mis­sio­ne per la pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio, che sot­to­scri­ven­do il rap­por­to del­la le­ghi­sta Amanda Rüc­kert ha ac­col­to un nuo­vo li­mi­te ol­tre il qua­le il pro­prie­ta­rio del fon­do è chia­ma­to a pa­ga­re. Trat­ta­si di tren­ta­mi­la fran­chi, con­tro gli ini­zia­li cen­to­mi­la sta­bi­li­ti nel 2014 dal Gran Con­si­glio. Un “con­do­no” trop­po ge­ne­ro­so, ave­va poi sen­ten­zia­to il Tri­bu­na­le fe­de­ra­le ac­co­glien­do i ri­cor­si di due pri­va­ti cit­ta­di­ni: gli au­men­ti di va­lo­re del fon­do pos­so­no es­se­re ri­te­nu­ti esen­ti da con­tri­bu­ti so­lo fi­no a quan­do que­sti non sa­reb­be­ro suf­fi­cien­ti per co­pri­re i co­sti del pre­lie­vo. Al­la sen­ten­za (ago­sto 2017), il Con­si­glio di Sta­to ha dun­que fat­to se­gui­re un nuo­vo mes­sag­gio, che cor­reg­ge il va­lo­re so­glia in tren­ta­mi­la. Pro­po­sta che tro­va d’ac­cor­do la Com­mis­sio­ne, an­che se in un pri­mo mo­men­to vi era chi vo­le­va op­ta­re per fis­sa­re l’im­por­to a 50mi­la. “Pre­ve­den­do che una tale de­ci­sio­ne po­treb­be senz’al­tro es­se­re nuo­va­men­te og­get­to di ri­cor­so e fa­cen­do un con­fron­to con le so­lu­zio­ni adot­ta­te ne­gli al­tri Can­to­ni – si leg­ge nel rap­por­to Rüc­kert –, si è de­ci­so di non in­si­ste­re e di ade­guar­si al­la pro­po­sta go­ver­na­ti­va”. Non co­sì in­ve­ce per il me­to­do di cal­co­lo, su cui il Tf la­scia­va aper­ta la scel­ta “de­fi­nen­do­la una de­ci­sio­ne di na­tu­ra po­li­ti­ca”, an­che se in­di­ca­va nell’im­por­to esen­te quel­lo “più ri­spet­to­so del­la pa­ri­tà di trat­ta­men­to”. La Com­mis­sio­ne ha de­ci­so di op­ta­re per que­sto sce­na­rio: in pra­ti­ca, an­zi­ché pre­le­va­re il con­tri­bu­to sul plu­sva­lo­re a par­ti­re da 30mi­la fran­chi, lo si pre­le­ve­rà sì dai 30mi­la fran­chi in su, ri­te­nu­ti pe­rò i pri­mi 30mi­la esen­ti. Una scel­ta “più equa” con­clu­de il rap­por­to, evi­den­zian­do che “più è al­to il plu­sva­lo­re, più co­mun­que gli im­por­ti do­vu­ti ten­do­no a equi­pa­rar­si, men­tre sui plu­sva­lo­ri di mi­nor en­ti­tà la di­spa­ri­tà di trat­ta­men­to è evi­den­te”. La que­stio­ne do­vreb­be fi­la­re drit­ta e sen­za di­bat­ti­to in par­la­men­to, con­si­de­ra­to che la pro­ce­du­ra pre­vi­sta è quel­la scrit­ta.

TI-PRESS

La re­la­tri­ce Amanda Rüc­kert

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.