laRegione

Jo­han ed Eli­dan, gi­ne­vri­ni: ‘Ci sen­tia­mo co­me ca­vie da laboratori­o’

-

In que­sto lim­bo di pre­sun­ti cac­cia­to­ri di stre­ghe e pre­sun­ti un­to­ri di ra­dia­zio­ni, e in ge­ne­ra­le in qual­sia­si lim­bo, me­glio ap­pel­lar­si al­la ri­spet­ta­bi­li­tà del­le fon­ti. In que­sto ca­so, ‘L’Il­lu­stré’ – che ri­por­ta la sto­ria di due gi­ne­vri­ni abi­tan­ti nel­lo stes­so quar­tie­re, en­tram­bi sof­fe­ren­ti di di­ver­si pro­ble­mi di sa­lu­te do­po l’in­stal­la­zio­ne di tre an­ten­ne nel cen­tro cit­tà. Jo­han Per­ru­choud è un 29en­ne in pie­na sa­lu­te, ca­la­to per que­stio­ni d’età nell’era tec­no­lo­gi­ca e, dun­que, sen­za pre­giu­di­zi o av­ver­sio­ni al­la mo­der­ni­tà. La sen­sa­zio­ne per­so­na­le, do­po l’ac­cen­sio­ne del­le an­ten­ne di cui so­pra, è quel­la di tro­var­si in un for­no a mi­cro-on­de. La sen­sa­zio­ne del 50en­ne Eli­dan Ar­zo­ni, in­ve­ce, suo vi­ci­no di ca­sa, è quel­la di “sen­tir­si uti­liz­za­to”, o – per usa­re l’im­ma­gi­ne più con­sue­ta – “una ca­via da laboratori­o”. E in ag­giun­ta, vi­sta l’età che non è più quel­la di un tee­na­ger, il di­sa­gio di sen­tir­si da­re del re­tro­gra­do, o di vi­ve­re la sen­sa­zio­ne dell’in­de­si­de­ra­to.

I sin­to­mi di quel­la che – in at­te­sa di ver­sio­ni uf­fi­cia­li – po­treb­be es­se­re una con­ta­mi­na­zio­ne (e non una sen­si­bi­li­tà, vi­sto che chi ne sof­fre non se ne ac­cor­ge) so­no si­mi­li per en­tram­bi: in­son­nia, acu­fe­ni (il più co­mu­ne­men­te det­to ‘fi­schio nel­le orec­chie’, in­sop­por­ta­bi­le per chi, co­me il 29en­ne, com­po­ne mu­si­ca), ce­fa­lee, af­fa­ti­ca­men­to. Per­ru­choud scri­ve al ge­sto­re te­le­fo­ni­co, che am­met­te l’av­ve­nu­ta ese­cu­zio­ne di te­st ga­ran­ten­do che tut­to sa­reb­be in or­di­ne, e au­gu­ran­do­gli una pron­ta gua­ri­gio­ne; Ar­zo­ni scri­ve al pre­si­den­te del Con­si­glio di Sta­to An­to­nio Hod­gers (Ver­di), per ve­der­si ri­spon­de­re che “tut­to è le­ga­le nel­la nuo­va tec­no­lo­gia”, con­sta­ta­zio­ne al­la qua­le l’in­ter­pel­lan­te ri­spon­de che “la Con­fe­de­ra­zio­ne è azio­ni­sta di mag­gio­ran­za di Swis­scom”. En­tram­bi so­no cer­ti che il 5G avrà un im­pat­to sul­le ge­ne­ra­zio­ni fu­tu­re. Ben più la­pi­da­rio il de­pu­ta­to Pdc Ber­trand Bu­chs, che ha de­po­si­ta­to la mo­zio­ne per una mo­ra­to­ria sul 5G a Gi­ne­vra, giu­sti­fi­ca­ta dal­la con­vin­zio­ne che si stia ve­ri­fi­can­do una vio­la­zio­ne del prin­ci­pio di pre­cau­zio­ne. “Non vi è al­cun di­rit­to – di­ce Bu­chs – di da­re a tut­te que­ste per­so­ne dei ma­la­ti im­ma­gi­na­ri, per­ché sul­la que­stio­ne del­le on­de cor­te nes­su­no può an­co­ra di­re co­sa po­trà ac­ca­de­re”.

 ?? KEYSTONE ?? Ber­trand Bu­chs
KEYSTONE Ber­trand Bu­chs

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland