laRegione

Fra mo­ra­to­rie e ini­zia­ti­ve

-

Una mo­ra­to­ria sul­la co­stru­zio­ne di an­ten­ne a Me­soc­co an­nun­cia­ta ap­pe­na ie­ri; quel­le can­to­na­li a Gi­ne­vra e Vaud (il Giu­ra ci ha ri­pen­sa­to); l’av­vio – sem­pre ie­ri – della rac­col­ta di fir­me per l’ini­zia­ti­va po­po­la­re ‘Per una te­le­fo­nia mo­bi­le com­pa­ti­bi­le con la sa­lu­te’, che pun­ta a ban­di­re le ra­dia­zio­ni elet­tro­ma­gne­ti­che da scuo­le, ospe­da­li, case per an­zia­ni, a li­mi­ta­re la co­stru­zio­ne di nuo­ve an­ten­ne e a ri­ser­va­re po­sti sui mez­zi pub­bli­ci do­ve sia vie­ta­to l’uso di ap­pa­rec­chi elet­tro­ni­ci. La strada del 5G è ancora ac­ci­den­ta­ta? Il de­le­ga­to del Ceo di Swis­scom per la Sviz­ze­ra ita­lia­na, Ste­fa­no San­ti­nel­li, non la pen­sa co­sì. «La com­pe­ten­za per lo svi­lup­po della rete è fe­de­ra­le: cer­chia­mo il dia­lo­go con tutti, ma le mo­ra­to­rie non pos­so­no fer­mar­ci. Puntiamo a co­pri­re il 90% del ter­ri­to­rio en­tro fi­ne anno». San­ti­nel­li pren­de l’esem­pio di Me­soc­co per scon­giu­ra­re di­va­ri di­gi­ta­li: «Ogni co­mu­ni­tà può decidere che futuro de­si­de­ra. Ma è chia­ro, spe­cie per le re­gio­ni pe­ri­fe­ri­che, che aspetti come la con­net­ti­vi­tà e il te­le­la­vo­ro so­no sem­pre più im­por­tan­ti». In­tan­to ri­ba­di­sce che «l’at­ti­va­zio­ne del 5G non com­por­te­rà on­de mil­li­me­tri­che» il cui uso è te­mu­to per­ché senza pre­ce­den­ti. Se ne par­le­rà sem­mai fra una de­ci­na d’an­ni, «ma una vol­ta sta­bi­li­te re­go­le e uti­liz­zi tec­no­lo­gi­ci chia­ri e si­cu­ri».

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland