laRegione

Non ancora d’accordo sulle microtrans­azioni

-

Berna – In futuro, i minorenni dovrebbero essere meglio protetti dai contenuti mediali inadeguati, per esempio uniformand­o a livello nazionale l’età minima per guardare un film o acquistare un videogioco. Ne è convinto il Consiglio degli Stati, che mercoledì ha approvato all’unanimità un progetto in materia, già accolto dal Nazionale nel giugno 2021. Il dossier ritorna alla Camera del popolo per alcune divergenze. Una su tutte: quella relativa alle cosiddette microtrans­azioni, ovvero gli acquisti opzionali (detti anche in-app) offerti all’interno di un gioco, come l’acquisto di oggetti, costumi, aggiorname­nti ecc. La Camera del popolo vuole prevedere la possibilit­à di limitare tali operazioni da parte dei minori. Il Consiglio degli Stati non ne vuole sapere.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland