Don­ne ita­lia­ne: una su 3 ha pau­ra di usci­re la se­ra: qui na­sce­va Sal­vi­ni e la si­ni­stra mo­ri­va...

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Don­ne, don­ne ita­lia­ne nell’Ita­lia 2.016. Due an ni fa per­ché ad al­lo­ra si ri­fe­ri­sco­no i da­ti dif­fu­si dall’Istat. Don­ne ita­lia­ne nel­le cit­tà gran­di e pic­co­le d’Ita­lia, nei cen­tri e nel­le pe­ri­fe­rie e ne­gli hin­ter­land, don­ne ita­lia­ne, so­rel­le, ma­dri, mo­gli, fi­glie, ra­gaz­ze, gio­va­ni, di mez­za età, di ogni età. Il da­to dif­fu­so dall’Istat è tre­men­do nel­la sua im­po­nen­za: il 36 per cen­to del­le don­ne ita­lia­ne ha pau­ra ad usci­re da so­la la se­ra. Quin­di il 36 per cen­to del­le don­ne ita­lia­ne la se­ra non esce di ca­sa o si fa ac­com­pa­gna­re se de­ve usci­re. E’ un da­to tre­men­do: l’Ita­lia non è zo­na di guer­ra. E nean­che di pe­sti­len­za o ca­re­stia o di­sa­stro na­tu­ra­le.

L’Ita­lia è Eu­ro­pa, Oc­ci­den­te, uno dei set­te pae­si al mon­do più ric­chi e svi­lup­pa­ti. L’Ita­lia è un pae­se ad al­to red­di­to pro ca­pi­te, uno dei più al­ti al mon­do (an­che se ci pia­ce fri­gna­re al ri­guar­do e far fin­ta non sia ve­ro).

L’Ita­lia è un pae­se do­ve da mol­ti an­ni il nu­me­ro de­gli omi­ci­di e dei reati ti­po ra­pi­ne in ban­ca o se­que­stri è in di­mi­nu­zio­ne. Ma l’Ita­lia è un pae­se in cui il 36 per cen­to del­le don­ne ha pau­ra la se­ra ad usci­re di ca­sa. E que­ste don­ne han­no ra­gio­ne: pur ta­ran­do la pu­ra al netto del pa­ni­co han­no ra­gio­ne. Han­no ra­gio­ne e il fat­to che non pos­sa­no usci­re di ca­sa da so­le la se­ra sen­za aver pau­ra, an­zi che ri­nun­ci­no ad usci­re di ca­sa è una que­stio­ne di li­ber­tà, di­rit­ti e de­mo­cra­zia.

In Ita­lia si è la­scia­to che le don­ne fos­se­ro li­mi­ta­te nel­la lo­ro li­ber­tà, nei lo­ro di­rit­ti e che la de­mo­cra­zia fos­se ina­dem­pien­te nei lo­ro con­fron­ti.

Chi, quan­do, co­me ha la­scia­to che que­sto ac­ca­des­se? Non ca­pi­re, non sa­per ca­pi­re che chi ori­na in stra­da o nel par­co si ubria­ca o in vil­la spac­cia o si fa o nel sot­to­pas­so si ac­cam­pa o all’an­go­lo non chie­de ma esi­ge ele­mo­si­na-piz­zo, non sa­per ca­pi­re che tut­to que­sto e tut­ti que­sto an­da­va­no re­pres­si, sì re­pres­si, è sta­ta la por­ta at­tra­ver­so cui è pas­sa­ta la li­mi­ta­zio­ne del­le li­ber­tà, dei di­rit­ti e l’ina­dem­pien­za del­la de­mo­cra­zia.

Sim­me­tri­ca­men­te cre­de­re, al­la fi­ne bu­ro­cra­ti­ca­men­te cre­de­re, che i di­rit­ti di chi sta in stra­da fos­se­ro pri­ma­ri e pre­va­len­ti è sta­to l’ot­tu­so er­ro­re di chi cre­de­va la de­mo­cra­zia in­vul­ne­ra­bi­le. Non di­stin­gue­re dal go­ver­no, dai Co­mu­ni, dai Tri­bu­na­li tra di­sgra­zia­ti in stra­da e di­sgra­zia­ti in stra­da ar­ruo­la­ti dai va­ri rac­ket, non ve­de­re il for­mar­si di ban­de di quar­tie­re e di piaz­za, il ri­ti­rar­si e ri­trar­si quan­do ca­la la not­te in no­me del non si può, ma co­me si fa...

Tut­to que­sto è sta­to il luo­go sociale e ma­te­ria­le, sto­ri­co e cul­tu­ra­le in cui il Sal­vi­ni fe­no­me­no co­min­cia­va a na­sce­re e la si­ni­stra co­min­cia­va a mo­ri­re.

La­scian­do in­cu­sto­di­ta la si­cu­rez­za del­le don­ne, snob­ban­do la lo­ro per­ce­zio­ne di una si­cu­rez­za per­du­ta, col­ti­van­do il tic ideo­lo­gi­co se­con­do cui più emar­gi­na­to e di­sgra­zia­to sei più ra­gio­ne hai, schi­fan­do l’idea di or­di­ne co­me fos­se si­no­ni­mo di fa­sci­smo, la si­ni­stra ita­lia­na ha spa­lan­ca­to le por­te all’Ita­lia che og­gi c’è: na­zio­na­li­sta, vit­ti­mi­sta, xe­no­fo­ba, fan­fa­ro­na, au­toc­to­na, an­ti plu­to­cra­ti­ca e tut­ta in am­mi­ra­zio­ne cre­scen­te di Sal­vi­ni Ca­pi­tan Ita­lia.

Al 36 per cen­to del­le don­ne ita­lia­ne che han­no pau­ra di usci­re da so­le la se­ra va ag­giun­to il 60 per cen­to ab­bon­dan­te di ita­lia­ni che han­no pau­ra, per espe­rien­za vis­su­ta, per le lo­ro ca­se.

Qua­si set­te ita­lia­ni su die­ci te­mo­no ca­sa lo­ro sia sva­li­gia­ta o as­sa­li­ta. E non è psi­co­si, pur­trop­po è vi­ta quo­ti­dia­na: un fur­to in ca­sa, an­zi due nel­la vi­ta vuo­le sta­ti­sti­ca­men­te di­re che ti è an­da­ta be­ne.

An­da­va­no re­pres­si quel­li che or­ga­niz­za­no i fur­ti in ca­sa. Nes­su­no po­te­va pren­der­li tut­ti e met­ter­li tut­ti in ga­le­ra. Ma se cerchi la re­fur­ti­va, sai do­ve cer­ca­re e lì si po­te­va, si do­ve­va re­pri­me­re. Ra­ra­men­te lo han­no fat­to Po­li­zia e Ca­ra­bi­nie­ri, qua­si mai la Ma­gi­stra­tu­ra.

La po­li­ti­ca, la si­ni­stra di go­ver­no, ha sem­pre avu­to pau­ra e or­ro­re di spor­car­si le ma­ni con la re­pres­sio­ne.

Con l’ot­ti­mo ri­sul­ta­to di con­vin­ce­re al­me­no il 58 per cen­to de­gli ita­lia­ni a de­le­ga­re la re­pres­sio­ne en­tu­sia­sta ad un sin­ce­ro e con­vin­to cul­to­re dei di­rit­ti uma­ni qua­le Sal­vi­ni. Non aver vi­sto, non aver vo­lu­to ve­de­re che fa­mi­glie, nor­ma­lis­si­me fa­mi­glie com­pra­no per­fi­no pi­sto­le ad aria com­pres­sa con­tro i la­dri di ap­par­ta­men­to ha por­ta­to, sta por­tan­do al­la leg­ge Sal­vi­ni per cui puoi spa­ra­re den­tro ca­sa tua an­che con il fu­ci­le ve­ro, per il la­dro il re­star­ci sec­co in­ci­den­te sul la­vo­ro e pu­re ben gli sta.

Non ca­pi­re che al clan­de­sti­no non po­te­va es­se­re la­scia­to il rac­ket del par­cheg­gio e quel­lo del­la que­stua o quel­lo del­la ri­cet­ta­zio­ne ha por­ta­to al­la pub­bli­ca opinione che pub­bli­ca­men­te opi­na che se af­fo­ga­no…qual­cu­no di me­no.

E vi­va Sal­vi­ni che bloc­ca i por­ti e sca­ri­chia­mo­li in Afri­ca, Al­ba­nia ma via da qui che so­no mo­le­sti, pe­ri­co­lo­si e di­ver­si. Ec­co do­ve è co­min­cia­ta, qui co­min­cia­va a na­sce­re il Sal­vi­ni fe­no­me­no e qui co­min­cia­va a mo­ri­re la si­ni­stra di go­ver­no. Era dif­fi­ci­le ca­pir­lo, ma in fon­do non trop­po.

Ora è trop­po, ma­le­det­ta­men­te trop­po tar­di.

E co­mun­que gran par­te del­la si­ni­stra si ri­fiu­ta an­co­ra di ca­pir­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.