Mi­gran­ti, per­ché ci stia­mo al­lean­do con i peg­gio­ri go­ver­ni dell'Eu­ro­pa?

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di GIU­SEP­PE TURANI

Non

so co­me fi­ni­rà la par­ti­ta eu­ro­pea su­gli emi­gran­ti, te­mo ma­le per noi, ma sta­re­mo a ve­de­re.

Per ora mi li­mi­to a os­ser­va­re con un cer­to fa­sti­dio che an­che da si­ni­stra spes­so si sol­le­va­no cri­ti­che, e an­che pe­san­ti, ver­so Ma­cron e la si­gno­ra Mer­kel. Ma que­sto si chia­ma so­lo e sol­tan­to non sa­per far po­li­ti­ca.

La Ger­ma­nia ha già pre­so più mi­gran­ti di qua­lun­que al­tro.

Cer­to, è sta­ta svel­ta, si è mos­sa per pri­ma e ha pre­so i mi­glio­ri, quel­li più istrui­ti, an­che se ades­so sta in­con­tran­do dif­fi­col­tà po­li­ti­che in ca­sa pro­pria. Ma­cron, ol­tre ai nuo­vi ar­ri­vi, de­ve ge­sti­re an­che tut­to il re­si­dua­to di po­ten­za ex-co­lo­nia­le, che non è po­co. In que­sta vi­cen­da, nes­su­no si è com­por­ta­to be­ne, tran­ne for­se noi fi­no a quan­do è an­da­ta di mo­da la fa­vo­la “ac­co­glia­mo tut­ti, poi che si ar­ran­gi­no”, giu­sta­men­te in­ter­rot­ta da Min­ni­ti.

Ma, per tor­na­re all’at­tua­li­tà, bi­so­gna cer­ca­re di te­ne­re un po’fer­ma la bar­ra del­la li­nea po­li­ti­ca.

Og­gi in Eu­ro­pa l’Ita­lia può con­ta­re su tre al­lea­ti ab­ba­stan­za si­cu­ri: Ma­cron, Mer­kel e San­chez. Ab­ba­stan­za in­tel­li­gen­ti da ca­pi­re che non tut­to il pro­ble­ma può es­se­re sca­ri­ca­to sul­le no­stre spal­le (e in­fat­ti ci ha già pro­cu­ra­to i po­pu­li­sti al go­ver­no...).

Tut­ti gli al­tri so­no ab­ba­stan­za in­dif­fe­ren­ti: pro­ble­mi ita­lia­ni? Se la sbri­ghi l’Ita­lia.

In mo­do del tut­to in­sen­sa­to pe­rò il no­stro go­ver­no sta fa­cen­do al­lean­za con tut­ti i no­stri ne­mi­ci: Au­stria, la Ba­vie­ra, gli ex co­mu­ni­sti di Vi­si­grad, l’Un­ghe­ria di Or­ban.

Tut­ta gen­te che non ha mai pre­so un so­lo im­mi­gra­to e che non in­ten­de pren­der­ne.

An­zi, tut­ta gen­te che pun­ta a chiu­de­re le fron­tie­re (fa­cen­do sal­ta­re Schen­gen) e tra­sfor­man­do quin­di di fat­to l’Ita­lia in un im­mer­so cam­po di mi­gran­ti eu­ro­peo: tut­ti qui.

Il no­stro go­ver­no po­pu­li­sta-so­vra­ni­sta sem­bra non aver ca­pi­to qua­le è la leg­ge che tie­ne in pie­di go­ver­ni si­mi­li al no­stro, so­vra­ni­sti: ognu­no fa per pro­prio con­to e gli al­tri che si ar­ran­gi­no. Sbar­ca­no in Ita­lia? Che se li ten­ga l‘Ita­lia.

Non li vo­glio­no? Che li la­sci­no in ma­re o che gli spa­ri­no. Noi, qui, sul­la ri­ve del Da­nu­bio e del­la Vi­sto­la non vo­glia­mo nes­su­no, me­no che mai dei ne­ri.

Se non fos­se una co­sa tre­men­da­men­te se­ria, ver­reb­be qua­si da ri­de­re: per ra­gio­ni di vi­ci­nan­za po­li­ti­ca, il no­stro go­ver­no in­ve­ce di al­lear­si con quel­li di­spo­sti a ra­gio­na­re, si al­lea con quel­li che han­no già de­ci­so che tut­ti i mi­gran­ti che sbar­ca­no in Ita­lia ce li dob­bia­mo te­ne­re, la­scian­do a noi l’one­re di re­spin­ger­li, con le buo­ne o le cat­ti­ve.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.