Se one­stà e tra­spa­ren­za so­no sol­tan­to "slo­gan"...

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di OTTORINO GURGO

Echeg­gia

an­co­ra, nel­le piaz­ze ita­lia­ne, quel gri­do "One­stà ! One­stà!"

Che i se­gua­ci del Mo­vi­men­to Cin­que­stel­le lan­cia­va­no al cie­lo.

Qua­si fos­se il lo­ro ves­sil­lo, il lo­ro sten­dar­do, il sim­bo­lo del­la lo­ro bat­ta­glia e del­la lo­ro stes­sa ra­gion d'es­se­re. È sta­ta que­sta no­bi­le pa­ro­la - one­stà - pro­nun­cia­ta qua­si co­me un'in­vo­ca­zio­ne, in­ter­pre­tan­do l'an­sia di tra­spa­ren­za e di pu­li­zia del­la gran par­te de­gli ita­lia­ni, l'ar­ma che ha con­sen­ti­to agli adep­ti di Bep­pe Gril­lo di ot­te­ne­re una cla­mo­ro­sa vit­to­ria nel­la com­pe­ti­zio­ne elet­to­ra­le del­lo scor­so 4 mar­zo. Ma ora?

Do­po i ri­sul­ta­ti dell'in­chie­sta giu­di­zia­ria sul­lo sta­dio del­la Roma cal­cio - en­ne­si­mo col­po di ma­glio as­se­sta­to sul­la cre­di­bi­li­tà e l'ono­ra­bi­li­tà di quel­la che è, in tut­ti i sen­si, la più di­sa­stra­ta ca­pi­ta­le d'Eu­ro­pa - ha an­co­ra sen­so quel gri­do?

Pos­so­no an­co­ra i se­gua­ci dell'ex co­mi­co ge­no­ve­se pre­sen­tar­si all'opi­nio­ne pub­bli­ca co­me i pa­la­di­ni del­la lim­pi­da e cor­ret­ta am­mi­ni­stra­zio­ne?

O il mito del­la lo­ro "pu­rez­za" è sta­to in­fran­to e le vi­cen­de ro­ma­ne se­gna­no l'ini­zio dell'inar­re­sta­bi­le de­cli­no di un mo­vi­men­to che avreb­be do­vu­to da­re av­vio ad un nuo­vo cor­so del­la po­li­ti­ca ita­lia­na e che sem­bra, in­ve­ce, ri­per­cor­re­re vec­chi sen­tie­ri già tri­ste­men­te se­gui­ti da al­tre for­ze? Ad ali­men­ta­re que­sti dub­bi e que­sti in­ter­ro­ga­ti­vi con­cor­re la non pe­re­gri­na ipo­te­si che, in real­tà, quan­to ac­ca­du­to a Roma, non sia che la pun­ta dell'ice­berg di un si­ste­ma che so­lo una ben con­ge­gna­ta ope­ra­zio­ne me­dia­ti­ca ha po­tu­to far ap­pa­ri­re i cin­que­stel­le co­me gli in­ter­pre­ti più cre­di­bi­li del de­si­de­rio di cam­bia­men­to che per­va­de l'elet­to­ra­to ita­lia­no. Il fat­to è che i cin­que­stel­le so­no con­di­zio­na­ti da una sor­ta di pec­ca­to ori­gi­na­le: un con­flit­to d'in­te­res­si di fron­te al qua­le im­pal­li­di­sce quel­lo che da sem­pre è sta­to usa­to co­me una cla­va con­tro Sil­vio Ber­lu­sco­ni senza, pe­ral­tro, che i par­ti­ti fos­se­ro in gra­do di tro­va­re per es­so una va­li­da so­lu­zio­ne.

Ca­so più uni­co che ra­ro, il Mo­vi­men­to cin­que­stel­le è so­stan­zial­men­te pro­prie­tà di un'azien­da, la "Ca­sa­leg­gio as­so­cia­ti", fon­da­ta da Gian­ro­ber­to Ca­sa­leg­gio ed ere­di­ta­ta da suo fi­glio Da­vi­de. Que­sta azien­da, tut­ta­via, non ge­sti­sce la po­li­ti­ca del partito che è af­fi­da­ta al­la co­sid­det­ta "piat­ta­for­ma Rous­seau", un'as­so­cia­zio­ne pri­va­ta che fa ca­po a Da­vi­de Ca­sa­leg­gio, del­la qua­le non si sa mol­to, ma che è una sor­ta di "cer­vel­lo "del Mo­vi­men­to e an­che il pun­to di rac­col­ta del­le do­na­zio­ni de­gli as­so­cia­ti.

Suo sco­po spe­ci­fi­co è quel­lo di pro­muo­ve­re lo svi­lup­po del­la "de­mo­cra­zia di­gi­ta­le".

Non vo­glia­mo qui en­tra­re nel me­ri­to dei rap­por­ti tra la "piat­ta­for­ma Rous­seau" e la "Ca­sa­leg­gio as­so­cia­ti". Que­st'ul­ti­ma, tra l'al­tro, ha mi­nac­cia­to tuo­ni e ful­mi­ni con­tro co­lo­ro "che con­ti­nue­ran­no in­ten­zio­nal­men­te e pub­bli­ca­men­te a con­fon­de­re le due as­so­cia­zio­ni".

Si trat­ta quin­di, di or­ga­niz­za­zio­ni di­stin­te, ma il cui rap­por­to non co­sti­tui­sce - ci sia con­sen­ti­to ri­le­var­lo - un mo­del­lo di tra­spa­ren­za. Quel che è, co­mun­que, pre­mi­nen­te è che al­la ba­se del Mo­vi­men­to e i fat­ti lo stan­no am­pia­men­te di­mo­stran­do - esi­sto­no in­ten­ti spe­cu­la­ti­vi se è ve­ro - ed è ve­ro - che un'azien­da ha, per de­fi­ni­zio­ne, obiet­ti­vi di ca­rat­te­re eco­no­mi­co e che le in­vo­ca­zio­ni all'one­stà e al­la tra­spa­ren­za ap­pa­io­no so­prat­tut­to slo­gan ef­fi­ca­ci e di si­cu­ra pre­sa, ma non so­no le­ga­ti ad al­cun mo­del­lo di ge­stio­ne del­la co­sa pub­bli­ca e men che me­no ad un'ideo­lo­gia, nep­pu­re a quel­la po­pu­li­sta con la qua­le i so­ste­ni­to­ri del duo Gril­lo- Ca­sa­leg­gio si so­no au­toe­ti­chet­ta­ti.

La po­li­ti­ca, quel­la ve­ra, è al­tra co­sa: è passione, è im­pe­gno, è par­te­ci­pa­zio­ne, è idea­li­tà. La "de­mo­cra­zia di­gi­ta­le" che ci vien pro­po­sta, al di là del­la pro­pa­gan­da, è co­sa di­ver­sa. Non è un ca­so, al­lo­ra, che i son­dag­gi ren­da­no no­to che i pen­ta­stel­la­ti ven­ga­no, al­lo­ra, su­pe­ra­ti dal­la Le­ga di Mat­teo Sal­vi­ni, in­ter­pre­te de­gli umo­ri peg­gio­ri del Pae­se. Ma que­sto è ar­go­men­to del qua­le met­te­rà con­to tor­na­re ad oc­cu­par­si per le no­te­vo­li im­pli­ca­zio­ni che com­por­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.