Ma chi è Roc­co Com­mis­so?

La Gente d'Italia - - ATTUALITA’ -

Con­tro

i Ric­ketts si è schie­ra­to un can­di­da­to mol­to più for­te. Non so­lo per la sua ita­lia­ni­tà. Ma an­che per la so­li­di­tà fi­nan­zia­ria: dop­pia ri­spet­to a quel­la della fa­mi­glia dei ric­chis­si­mi fi­nan­zie­ri.

Uni­co neo: la pas­sio­ne ju­ven­ti­na. Ep­pu­re non sa­reb­be l’uni­co pro­prie­ta­rio di una squa­dra ti­fan­do­ne una di­ver­sa.

Ha 69 an­ni il ca­la­bre­se di Ma­ri­na di Gio­ia Jo­ni­ca, ar­ri­va­to ne­gli Usa all’età di 12 an­ni, e che oggi van­ta un pa­tri­mo­nio di 4,5 mi­liar­di. L’uomo che può sal­va­re il Mi­lan è il clas­si­co self-ma­de man. Il cal­cio? Un sot­ti­le fi­lo ros­so. La­vo­ra­va 40 ore a set­ti­ma­na nel­la piz­ze­ria del Bro­nx ge­sti­ta dal pa­dre. Nel tem­po li­be­ro stu­dia­va: riu­scì a fre­quen­ta­re una del­le mi­glio­ri uni­ver­si­tà ame­ri­ca­ne, la Co­lum­bia, gra­zie ad una bor­sa di stu­dio ot­te­nu­ta pro­prio per le sue do­ti cal­ci­sti­che. Oggi è un mi­liar­da­rio a ca­po della so­cie­tà te­le­vi­si­va via ca­vo Me­dia­Com (con un fat­tu­ra­to di 2 mi­liar­di di dol­la­ri) e della squa­dra di cal­cio Co­smos.

Un ve­ro ita­loa­me­ri­ca­no, Com­mis­so.

Vi­ve nel New Jer­sey.

Ha ge­sti­to va­rie di­sco­te­che, do­ve so­no pas­sa­ti va­ri per­so­nag­gi no­ti: Lit­tle To­ny, I Ca­ma­leon­ti, Gian­ni Naz­za­ro e I Cu­gi­ni di Cam­pa­gna. Non è la pri­ma vol­ta che Com­mis­so pro­va a com­pra­re una squa­dra di cal­cio.

In pas­sa­to ha det­to che avreb­be in­ve­sti­to vo­len­tie­ri so­lo nel­la Ju­ve, an­che in una po­si­zio­ne di mi­no­ran­za: “Pen­sa­vo a un ruo­lo al­la Ghed­da­fi, ma gli Agnel­li non han­no bi­so­gno dei miei sol­di”. Fu pro­prio la sua fe­de bian­co­ne­ra a far­lo ri­nun­cia­re all’ac­qui­sto della Samp 17 an­ni fa. Se­gui­ro­no al­tri affari sfu­ma­ti: il Pa­ler­mo, la Reg­gi­na, il Ca­ta­nia e il Pe­sca­ra.

Si è in­te­res­sa­to an­che all’af­fa­re Ro­ma ai tem­pi della cor­da­ta Di Be­ne­det­to, pri­ma del ta­keo­ver di Pal­lot­ta.

Un an­no fa il primo in­con­tro rav­vi­ci­na­to con il Dia­vo­lo. Era gen­na­io, ave­va da po­co ac­qui­sta­to i Co­smos, quan­do rac­con­tò di un in­con­tro con un suo ex col­le­ga de­gli an­ni in cui la­vo­ra­va al­la Royal Bank of Ca­na­da: Sal Ga­la­tio­to.

Uno dei mag­gio­ri 50 in­fluen­cer dell’in­du­stria spor­ti­va ame­ri­ca­na che per vi­cen­de al­ter­ne por­tò avan­ti – per un trat­to al fian­co di Li – la con­tro­ver­sa trat­ta­ti­va per l’ac­qui­sto del club ros­so­ne­ra. Ga­la­tio­to – do­po es­se­re sta­to estro­mes­so da Li con un col­po di ma­no - gli pro­po­se di in­te­res­sar­si al Mi­lan. For­se vo­le­va ri­met­ter­si in pista con un part­ner for­te.

Poi la sto­ria pre­se un’al­tra pie­ga. Oggi i tem­pi so­no ma­tu­ri: Com­mis­so vuo­le met­ter­si in gio­co e la­scia­re un se­gno nel­lo sport che ha se­gna­to l’ini­zio della sua car­rie­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.