Ele­zio­ni: Il Pd ave­va 57 sin­da­ci ades­so ne ha 31, la De­stra cre­sce da 23 a 42, il M5S sa­le da 4 a 5

La Gente d'Italia - - ATTUALITA’ -

Ele­zio­ni:

Pd mor­to, che re­spi­ra. Per­ché po­li­ti­ca­men­te oggi sen­za dub­bio mor­to, ma 31 Co­mu­ni co­mun­que li con­qui­sta.

Ma­le, ma­lis­si­mo. Ep­pur re­spi­ra Que­st’ul­ti­ma tor­na­ta elet­to­ra­le è cer­ta­men­te fi­ni­ta ma­le per il fu cen­tro-si­ni­stra e ora Pd, ma in ve­ri­tà me­no peg­gio di quel­lo che le cro­na­che rac­con­ta­no. I dem han­no in­fat­ti vin­to in 31 co­mu­ni su­pe­rio­ri ai 15mi­la abi­tan­ti con­tro i 42 del cen­tro­de­stra. Ne han­no per­si tan­ti al­tri e so­prat­tut­to al­cu­ni ‘pe­san­ti’ co­me quel­li to­sca­ni, ma han­no in so­stan­za re­pli­ca­to il ri­sul­ta­to che pro­prio il cen­tro-de­stra rea­liz­zò 5 an­ni fa.

An­che se que­sto non vuol di­re che il Pd, nei pros­si­mi 5 an­ni, rie­sca a tor­na­re mag­gio­ran­za. Nes­sun dub­bio che il par­ti­to che è sta­to di Mat­teo Ren­zi si­no al 4 mar­zo vi­va una cri­si pro­fon­da di uo­mi­ni, di lea­der e an­cor più e peg­gio di idee.

Me­no in cri­si so­no pe­rò i nu­me­ri che pos­so­no da­re qual­che spe­ran­za di ri­na­sci­ta al Pd. Le scon­fit­te a Pi­sa, Sie­na e Imo­la pe­sa­no e fan­no dei dem gli scon­fit­ti di que­ste ele­zio­ni. Ma per quan­to ru­mo­ro­se, ac­can­to a que­ste de­ba­cle ci so­no le vit­to­rie a Bre­scia al primo tur­no e a Brin­di­si ed a An­co­na al se­con­do, per un fi­na­le 42 a 31 che cal­ci­sti­ca­men­te var­reb­be ze­ro pun­ti ma un’usci­ta dal cam­po a te­sta al­ta. Il cen­tro-si­ni­stra che go­ver­na­va in 57 co­mu­ni, di cui 15 ca­po­luo­ghi, ades­so ne am­mi­ni­stra 31 di cui 5 ca­po­luo­ghi.

Sul par­ti­to ret­to ora da Mau­ri­zio Mar­ti­na pe­sa l’in­ca­pa­ci­tà di at­trar­re voti, spe­cie al bal­lot­tag­gio.

Ca­rat­te­ri­sti­ca spe­cu­la­re al Mo­vi­men­to5S­tel­le de­ci­sa­men­te af­fa­ti­ca­to in que­ste co­mu­na­li ma che, quan­do rie­sce a rag­giun­ge­re il se­con­do tur­no, vin­ce qua­si sem­pre.

Cin­que su set­te le vit­to­rie gril­li­ne in que­sti bal­lot­tag­gi gra­zie al­la ca­pa­ci­tà di at­trar­re voti da de­stra co­me da si­ni­stra.

I dem in­ve­ce fa­ti­ca­no per­si­no a fa­re il pie­no dei voti di quel­la che sa­reb­be la lo­ro area di ri­fe­ri­men­to.

Il vin­ci­to­re di que­ste ele­zio­ni è e re­sta il cen­tro-de­stra a de­ci­sa tra­zio­ne le­ghi­sta, pas­sa­to da 23 a 42 co­mu­ni am­mi­ni­stra­ti e a li­vel­lo di ca­po­luo­ghi da 1 a 10, ro­ve­scian­do il ri­sul­ta­to del 2013.

E poi ci so­no le li­ste ci­vi­che che vin­co­no in 20 co­mu­ni. Fo­to­gra­fia que­sta che cri­stal­liz­za la real­tà ita­lia­na all’in­do­ma­ni del­le co­mu­na­li, ma che non rie­sce e non può co­glie­re l’umo­re del Pae­se e dei suoi elet­to­ri. Se nu­me­ri­ca­men­te par­lan­do il Pd è me­no ‘mor­to’ di quan­to lo si rac­con­ti, le sue dif­fi­col­tà po­li­ti­che so­no mol­to più gran­di di quan­to il ri­sul­ta­to elet­to­ra­le la­scia in­ten­de­re. Ap­pa­ren­te­men­te an­co­ra tra­mor­ti­to dal k.o. del 4 mar­zo, i dem so­no qua­si quat­tro me­si che sem­bra­no muo­ver­si sen­za stra­te­gia e sen­za idee. In­ca­pa­ci di ri­bat­te­re ad un go­ver­no di­stan­te da lo­ro co­me mai e in­ca­pa­ci per­si­no di fa­re op­po­si­zio­ne. Co­sa che da che mon­do è mon­do sa­reb­be più sem­pli­ce che go­ver­na­re. Se que­sta si­tua­zio­ne non cam­bie­rà, se la bar­ra del ti­mo­ne del par­ti­to non ver­rà ri­pre­sa, la de­ri­va del Pd con­ti­nue­rà ad es­se­re pe­ri­co­lo­sa e la pros­si­ma scon­fit­ta sa­rà peg­gio­re di que­sta. Nel 2013 i co­mu­ni al vo­to era­no so­stan­zial­men­te gli stes­si e la tem­pi­sti­ca del vo­to fu si­mi­le. Si vo­tò pri­ma al­le po­li­ti­che e qual­che me­se do­po al­le am­mi­ni­stra­ti­ve con il cen­tro-de­stra che pas­sò da 62 co­mu­ni – di cui 10 ca­po­luo­ghi – a 22 e nes­sun ca­po­luo­go. In­dub­bia­men­te un pes­si­mo ri­sul­ta­to che fu pe­rò la pre­mes­sa di una ri­vin­ci­ta che 5 an­ni do­po por­ta la Le­ga ad un pas­so dall’es­se­re il primo par­ti­to e il cen­tro-de­stra mag­gio­ran­za nel Pae­se.

Sul­lo sfon­do i gril­li­ni che, no­no­stan­te un’enor­me do­te elet­to­ra­le, sem­bra­no es­se­re in ba­lia di Mat­teo Sal­vi­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.