Fi­lip­po Tur­tu, uno sprin­ter ol­tre la leg­gen­da Men­nea

Il ter­zo bian­co nel­la sto­ria sot­to 10 se­con­di sui 100 me­tri

La Gente d'Italia - - CULTURA - di ELIDA SERGI

Un no­me da ri­cor­da­re. Un atle­ta che ha già fat­to la sto­ria e di cui si sen­ti­rà pro­ba­bil­men­te par­la­re a lun­go. Fi­lip­po Tor­tu, 20 an­ni, sprin­ter del­le Fiam­me Gial­le, ha compiuto una im­pre­sa epo­ca­le per l’atletica az­zur­ra. Ha bat­tu­to a Ma­drid il re­cord ita­lia­no dei 100 me­tri che, da 39 an­ni, ap­par­te­ne­va a Pie­tro Men­nea, so­pran­no­mi­na­to “Frec­cia del Sud”, cam­pio­ne olim­pi­co dei 200 me­tri pia­ni a Mosca 1980, pri­ma­ti­sta mon­dia­le della spe­cia­li­tà dal 1979 al 1996 con il tem­po di 19’72” che, tut­to­ra, co­sti­tui­sce il re­cord eu­ro­peo, e che in vir­tù della sua car­rie­ra spor­ti­va è sta­to in­si­gni­to dell’or­di­ne olim­pi­co nel 1997 e in­tro­dot­to nel­la Hall of Fa­me della Fe­de­ra­zio­ne ita­lia­na di atletica leg­ge­ra. Fi­nal­men­te un ita­lia­no (il ter­zo bian­co nel­la sto­ria do­po Le­mai­tre e Gu­liyev) è riu­sci­to ad ab­bat­te­re il mu­ro dei 10 se­con­di sui 100 me­tri. Tor­tu ha cor­so i 100 me­tri in 9.99 (ven­to +0.2) al mee­ting di Ma­drid, mi­glio­ran­do co­sì il pri­ma­to na­zio­na­le pro­prio della ‘Frec­cia del Sud’ , che re­si­ste­va da qua­si 39 an­ni, 10.01 a Cit­tà del Mes­si­co rea­liz­za­to il 4 set­tem­bre 1979. Di­ven­ta il primo ita­lia­no della sto­ria a cor­re­re sui 100 me­tri sot­to i 10 se­con­di. A Ma­drid lo ha bat­tu­to sol­tan­to il ci­ne­se Su Bing­tian, in 9.91.

«È una gio­ia in­cre­di­bi­le – ha spie­ga­to Tor­tu – an­che se avrò bi­so­gno di tem­po per me­ta­bo­liz­za­re que­sto ri­sul­ta­to: ho la­vo­ra­to mol­to e con co­stan­za per ar­ri­va­re qui e so­no fe­li­ce per me, per l’atletica ita­lia­na, per mio pa­dre e per tut­ti quel­li che mi han­no so­ste­nu­to». E poi ha ag­giun­to: «Ci ten­go a rin­gra­ziar­li tut­ti: Sal­vi­no Tor­tu, mio pa­dre e al­le­na­to­re, Fla­vio Di Gior­gio, il pre­pa­ra­to­re atle­ti­co, Ma­rio Rug­giu e Ales­san­dro Poz­zi, fi­sio­te­ra­pi­sta, Fer­di­nan­do Sa­va­re­se, Chia­ra Si­gno­rot­to, Mar­cel­lo Ma­gna­ni e Na­ta­le Bel­la­ti. Sa­pe­vo di po­ter­ce­la fa­re, ma per me il re­cord di Men­nea è sem­pre ri­ma­sto un so­gno da quan­do ero bam­bi­no e ades­so so­no ve­ra­men­te fe­li­ce. L’obiettivo della sta­gio­ne re­sta­no gli Eu­ro­pei, ades­so cer­che­rò di non pen­sa­re al tem­po che ho fat­to e mi con­cen­tro su Ber­li­no».

I cam­pio­na­ti eu­ro­pei di atletica leg­ge­ra si ter­ran­no a Ber­li­no, in Ger­ma­nia, dal 6 al 12 agosto 2018 all’Olym­pia­sta­dion. Gli atle­ti ga­reg­ge­ran­no in 47 spe­cia­li­tà: 24 ma­schi­li e 23 fem­mi­ni­li. Lo sguar­do di mol­ti nel mon­do dell’Atletica era pro­ba­bil­men­te già ri­vol­to pro­prio a Ber­li­no: la sen­sa­zio­ne era di un Tor­tu che ci sa­reb­be ar­ri­va­to sen­za al­tri acu­ti, ma lo sprin­ter del­le Fiam­me Gial­le ha mo­stra­to che co­sì non era (an­che se le av­vi­sa­glie c’era­no già sta­te per co­me ave­va cor­so in ga­re pre­ce­den­ti). Na­to a Mi­la­no da pa­dre sar­do di Tem­pio Pau­sa­nia e ma­dre lom­bar­da, Tor­tu cre­sce a Ca­ra­te Brian­za e ini­zia a pra­ti­ca­re atletica leg­ge­ra nel 2006, all’età di ot­to an­ni, nel­la Po­li­spor­ti­va Be­sa­ne­se. Nel 2010 e 2011 ini­zia­no le pri­me vit­to­rie: nel­le ca­te­go­rie pri­ma e se­con­da me­dia, vin­ce il ti­to­lo di ra­gaz­zo più ve­lo­ce di Mi­la­no e si de­di­ca de­fi­ni­ti­va­men­te all’atletica al­le­na­to dal pa­pà Sal­vi­no, un ex ve­lo­ci­sta. Nel 2013 vin­ce gli 80 me­tri ai cam­pio­na­ti ita­lia­ni ca­det­ti di Je­so­lo con il tem­po di 9’09”, men­tre l’an­no suc­ces­si­vo si lau­rea cam­pio­ne ita­lia­no un­der 18 dei 200 me­tri con 21’42”. Ai trials eu­ro­pei per i Gio­chi olim­pi­ci gio­va­ni­li, nel 2014, con­qui­sta il ter­zo po­sto nei 100 me­tri, man­can­do pe­rò la qua­li­fi­ca­zio­ne che ot­tie­ne in­ve­ce nel­la di­stan­za dop­pia. Al­le Olim­pia­di gio­va­ni­li, du­ran­te le bat­te­rie dei 200 me­tri, ca­de sul­la li­nea d’ar­ri­vo, rom­pen­do­si en­tram­be le brac­cia e non po­ten­do quin­di di­spu­ta­re la fi­na­le. Nel 2015 l’ap­pro­do nel­le Fiam­me Gial­le, Il 25 mag­gio 2016, al suo primo an­no da ju­nior, rea­liz­za a Sa­vo­na il pri­ma­to ita­lia­no un­der 20 dei 100 me­tri, ot­te­nen­do due vol­te il tem­po di 10”24. A lu­glio del­lo stes­so an­no par­te­ci­pa ai Mon­dia­li un­der 20, do­ve con­qui­sta la me­da­glia d’ar­gen­to nei 100 me­tri giun­gen­do se­con­do con il tem­po di 10’24”. An­che il 2017 è un an­no di suc­ces­si im­por­tan­ti: l’atle­ta ab­bas­sa per due vol­te il pri­ma­to ita­lia­no un­der 20 dei 60 me­tri in­door al mee­ting di Mag­glin­gen, in Sviz­ze­ra, e il 25 mag­gio, a Sa­vo­na, por­ta il pri­ma­to ita­lia­no un­der 20 dei 100 me­tri a 10’15”, ab­bas­san­do di 4 cen­te­si­mi il pre­ce­den­te re­cord da lui stes­so de­te­nu­to.

Al Gol­den Ga­la di Ro­ma fa il suo de­but­to nei 200 me­tri e agli Eu­ro­pei un­der 20 di Gros­se­to vin­ce la me­da­glia d’oro nei 100 me­tri con il tem­po di 10’73” . Ai Mon­dia­li di Lon­dra, do­ve ga­reg­gia nei due­cen­to me­tri, si fer­ma in se­mi­fi­na­le.

E in­fi­ne la vit­to­ria de­gli ul­ti­mi gior­ni, nel­la qua­le Fi­lip­po ha mo­stra­to tut­ta la sua vo­glia di an­da­re di fret­ta. Di cor­re­re, cor­re­re e cor­re­re. Più della leg­gen­da Pie­tro Men­nea

FREC­CIA DEL SUD

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.