TU­MO­RI, quat­tro su die­ci so­no evi­ta­bi­li: sti­li di vi­ta e am­bien­te uc­ci­do­no, al­tro che sfor­tu­na

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

E’ve­ro che un po’ di fa­ta­li­smo, di­cia­mo in do­si omeo­pa­ti­che, aiu­ta a vi­ve­re: esagerare tut­ta­via ser­ve so­lo a in­gan­na­re noi stes­si, per esem­pio quan­do con­fi­dia­mo nel fat­to che se un tu­mo­re de­ve ve­ni­re al­la fi­ne ver­rà, e quin­di giù con al­col e si­ga­ret­te, vai con ban­chet­ti e ma­xi con­fe­zio­ni di bi­bi­te gas­sa­te ecc...

Non è co­sì, le de­ge­ne­ra­zio­ni cel­lu­la­ri so­no il più del vol­te non pre­ve­di­bi­li, l’in­ci­den­za dell’ere­di­ta­rie­tà re­sta al­ta, fi­no a che la scien­za non avrà esau­ri­to lo spet­tro del­le sue ri­cer­che, do­vre­mo chia­ma­re tut­to que­sto sfor­tu­na, o un ca­sti­go ar­chi­tet­ta­to chis­sà do­ve, ma tut­ta que­sta sfor­tu­na in­ci­de per il 60%, non di più.

Uno stu­dio di gran­de im­pat­to e lun­ga in­cu­ba­zio­ne con­dot­to in Fran­cia (Cen­tre in­ter­na­tio­nal de re­cher­che sur le can­cer, CIRC) ha sta­bi­li­to che il 41% dei tu­mo­ri so­prav­ve­nu­ti nel 2015 su­gli adul­ti con più di 30 an­ni po­te­va es­se­re evi­ta­to: cioè non era scrit­to da nes­su­na par­te, non era “bad luck” co­me si osti­na­va a di­chia­ra­re an­co­ra nel 2015 uno stu­dio ame­ri­ca­no (Johns Ho­p­kins School of Me­di­ci­ne) di gran­de pre­sa me­dia­ti­ca.

4 tu­mo­ri su 10 so­no da at­tri­bui­re a fat­to­ri di ri­schio cer­ti e no­mi­na­bi­li, e cioè sti­li di vi­ta scor­ret­ti e espo­si­zio­ne a par­ti­co­la­ri am­bien­ti.

Lo stu­dio fran­ce­se è im­por­tan­te ri­spet­to a quel­li pre­ce­den­ti an­che per­ché ha al­lar­ga­to la gam­ma di que­sti fat­to­ri a 13 cau­sa­li­tà, in­clu­den­do per la pri­ma vol­ta il con­su­mo di car­ne ros­sa e in­sac­ca­ti, o le espo­si­zio­ni pro­fes­sio­na­li per esem­pio agli sca­ri­chi dei mo­to­ri die­sel.

Sia­mo quel­lo che man­gia­mo, lo di­ce­va il fi­lo­so­fo Fuer­ba­ch e lo in­tui­va­no i no­stri non­ni: non c’è mo­ti­vo per du­bi­ta­re al­lo­ra che “non sa­re­mo” per ciò che ab­bia­mo man­gia­to in ec­ces­so, fu­ma­to scri­te­ria­ta­men­te, be­vu­to co­me non ci fos­se un do­ma­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.